Farfalloni con pesto di fave

farfalloni1
un formato originale: i farfalloni della Fabbrica della Pasta di Gragnano
farfalloni2
formati di pasta, vere opere d’arte, ottenute grazie all’impiego di materie prime di alta qualità ed un’accurata lavorazione artigianale…

farfalloni4

Ingredienti: (per 4 persone)

  • 320 g farfalloni di La Fabbrica della Pasta di Gragnano
  • 1 kg di fave fresche
  • 40 g di pecorino già grattugiato
  • 40 g di mandorle
  • 1 spicchio di aglio
  •  foglie di menta qb
  • olio d’oliva qb
  • sale & pepe qb

farfalloni5

farfalloni6

farfalloni7

Preparazione:

Prendete le fave e sgranatele dal bacello. Sbollentatele per almeno 5 minuti in abbondante acqua salata. Passatele velocemente sotto l’acqua corrente fredda e lasciatele un poco a scolare. Quando si tratta di preparare un pesto l’ideale sarebbe utilizzare il mortaio: provate e vi stupirete di quanto i sapori ed i profumi saranno più intensi!!! E’ naturale che per questioni di praticità e di tempo si utilizzi il mixer: in questo caso allora, utilizzate una velocità ridotta ed interrompete di tanto in tanto per cercare di evitare l’ossidazione degli ingredienti dovuta al surriscaldamento delle lame. Se utilizzate il mixer versatevi le fave, le foglioline di menta già lavate (circa una decina), 1 spicchio di aglio, le mandorle ed a filo l’olio d’oliva in modo da ottenere la consistenza desiderata, azionate a velocità bassa ed intorrempetevi di tanto in tanto. Aggiungete anche il pecorino. Aggiustate di sale e pepe, anche se utilizzando il pecorino, un formaggio molto saporito, non è quasi necessaria l’aggiunta del sale. Amalgamate bene il tutto. Se utilizzate il mortaio armatevi di pazienza ed iniziate con il pestello lentamente a schiacciare tutti gli ingredienti fino ad ottenere un composto cremoso. Cuocete i farfalloni in abbondante acqua salata. Scolateli e conditeli subito con il pesto.

farfalloni8
un pesto fresco e primaverile: fave mandorle & menta…
farfalloni9
serviti in pratici & comodi vasetti in vetro monoporzione: un idea simpatica ed originale, ideale anche per la pausa pranzo fuori casa
pestofave8
se pestato con il mortaio il pesto sprigiona sapori aromi e fragranze molto più intense
pestofave9
un pesto che è un pieno di salute: le fave ricche di proteine e fibre, le mandorle ricche di nutrienti, acidi grassi essenziali, vitamine, fitosteroli e una nota fresca con la menta

Crostatine con confettura di fragole & menta

crostatinefragole4

crostatinefragole6

…delle irresistibili crostatine di pasta frolla con una fresca confettura di fragole e menta, colorate & profumate, fanno venire voglia di mangiarle solo a guardarle…

…io e le mie bambine ci divertiamo a prepararle insieme in occasione delle merende al parco con le amichette: golose e genuine, fatte in casa senza conservanti, solo ingredienti freschi…

crostatinefragole3

Ingredienti: (per 6/8 crostatine)

per la pasta frolla ….

  • 250 g farina
  • 125 g burro
  • 100 g zuccchero a velo
  • 2 uova (solo il tuorlo)
  • scorza di limone

… per la farcitura …

  • 250 g confettura di fragole & menta

fragole4

fragole6

 

crostatinefragole2

Preparazione:

Iniziate preparando la pasta frolla: in planetaria oppure in una ciotola impastate la farina con il burro ancora freddo ed un pizzico di sale, per ottenere un composto simil sabbioso. A questo punto aggiungete i 2 tuorli d’uovo, lo zucchero a velo e la scorza grattugiata di mezzo limone. Impastate per amalgamare tutti gli ingredienti ma non dilungatevi più del necessario, per non riscaldare troppo con le mani la pasta. Formate un panetto, avvolgetelo nella pellicola trasparente e poi lasciatelo raffreddare qualche ora in frigorifero (se preparate la pasta frolla il giorno prima, il risultato sarà ancora più soddisfacente). Trascorso il tempo necessario prendete la frolla e stendetela con uno spessore di circa mezzo cm, ricavatene dei piccoli cerchi per foderare gli stampini già imburrati.  Mantenete almeno un terzo della pasta frolla per la decorazione classica a griglia delle crostatine.  Stendete la confettura di fragole & menta sulle crostatine. Per la decorazione utilizzate la  griglia apposita oppure stendete la frolla rimasta e ricavatene tante listarelle sottili che poi incrocerete sopra le crostatine. Ora sono pronte per essere infornate. Cuocete in forno già caldo a 180 gradi per 15/20 minuti. Lasciate raffreddare su una griglia.

crostatinefragole1

crostatinefragole8
…come dice la mia Elena: “sembra il cestino di Cappuccetto Rosso!”
crostatinefragole9
una bella idea anche per una merenda al parco con i bambini oppure un pic nic….

Confettura di fragole & menta

Ventagli di pasta sfoglia con ricotta & confettura di amarene

ventagli13

ventagli14

… dei ventagli di pasta sfoglia farciti con ricotta & confettura di amarene…

dal gusto delicato, raffinati ed eleganti nella forma riscuoteranno certamente approvazione: una croccante pasta sfoglia esterna racchiude una farcia di vellutata ricotta a cui ho accostato una nota più decisa con la confettura di amarena. Con un pò di pazienza per la lavorazione della pasta sfoglia ma poca spesa in termini economici sicuramente un resa e quindi un risultato davvero soddisfacente. Si possono realizzare con un pò di anticipo, perchè buoni anche se consumati già freddi, pratici e comodi già pronti in monoporzione.

ventagli10

ventagli11

ventagli8

ventagli12

Ingredienti:

  • 1 rotolo di pasta sfoglia rettangolare
  • 40 g burro
  • 100 g ricotta
  • 100 g confettura amarene
  • zucchero a velo qb

Preparazione:

Prendete il rotolo di pasta sfoglia e ricavatene 3 strisce tagliando la sfoglia nel senso della lunghezza. Fate sciogliere il burro,a bagnomaria oppure nel microonde e spennellatelo su ogni striscia. Sovrapponete le 3 strisce una sopra l’altra e poi arrotolate la sfoglia ottenuta con i 3 strati sovrapposti. Riponetela nel freezer per circa 1 ora a solidificare, in questo modo riuscirete poi a lavorarla più facilmente. Trascorso il tempo necessario, prendete il rotolo dal freezer e tagliatelo a fette dello spesore di circa 1 cm. Prendete poi ogni fetta: una ad una lavoratele con le dita, prima schiacciate tutta la superficie e poi cercate di dare la profondità.  Quasi come fosse una conchiglia. Riempite ogni ventaglio con un cucchiaino di ricotta e uno di confettura di amarene. Richiudete ogni ventaglio e cercate di fare pressione con le dita per evitare che si aprano in cottura. Trasferite i ventagli su una teglia rivestita di carta forno ed infornate in forno già caldo, in modalità statica a 200 gradi per 10/15 minuti. Sfornate e lasciate raffreddare, per evitare di romperli, trasferite i ventagli sul piatto da portata solo dopo che si saranno raffreddati. Cospargeteli con abbondante zucchero a velo.

ventagli1
tagliate il rotolo in 3 strisce
ventagli2
imburrate ogn striscia e sovrapponetele una sopra l’altra
ventagli3
arrotolate la sfoglia
ventagli4
trasferite il rotolo in freezer per 1 ora
ventagli5
tagliate il rotolo a fette e lavorate ogni fetta con le dita
ventagli6
farcite con 1 cucchiaino di ricotta e 1 di confettura
ventagli7
richiudete bene ogni ventaglio ed infornate

Con questa ricetta partecipo al contest “Prelibatezze da buffet” del blog “Il Pomodorino Confit”

 

Pesto di fave

…un pesto alternativo ma buonissimo, preparato con le fave di stagione, mandorle e pecorino, aromatizzato con qualche foglia di menta per renderlo ancora più fresco…a tutto “green” !!!! le fave sono legumi ricchi di proteine e fibre, poveri di grassi e ricchi di sali minerali.. un pieno di salute e vitamine!!! E’ importante consumarle in questo periodo, ora che si trovano fresche di stagione, a km 0…si tratta di un pesto molto gustoso che ben si adatta anche con la pasta integrale un poco più rustica, ma è buonissimo anche spalmato sul pane!!! provatelo!!! La frutta secca poi, in questo caso le mandorle, è ricchissima di nutrienti, acidi grassi essenziali, proteine vegetali, vitamina E, sali minerali e fitosteroli…insomma una miniera di sostanze nutritive benefiche!!! Senza contare il gusto ed il sapore che ben si sposa anche accostato come in questo caso ad un primo piatto!!! Ho scelto per questa ricetta le mandorle, che sono meno grasse delle noci ad esempio e che hanno un sapore più delicato, le ho utilizzate tritate all’interno del pesto e in scaglie come decorazione finale…

pestofave3

pestofave4

Ingredienti: (per 4 persone)

  • 320 g spaghetti al farro
  • 1 kg di fave fresche
  • 40 g di pecorino già grattugiato
  • 40 g di mandorle
  • 1 spicchio di aglio
  •  foglie di menta qb
  • olio d’oliva qb
  • sale & pepe qb

Preparazione:

Prendete le fave e sgranatele dal bacello. Sbollentatele per almeno 5 minuti in abbondante acqua salata. Passatele velocemente sotto l’acqua corrente fredda e lasciatele un poco a scolare. Quando si tratta di preparare un pesto l’ideale sarebbe utilizzare il mortaio: provate e vi stupirete di quanto i sapori ed i profumi saranno più intensi!!! E’ naturale che per questioni di praticità e di tempo si utilizzi il mixer: in questo caso allora, utilizzate una velocità ridotta ed interrompete di tanto in tanto per cercare di evitare l’ossidazione degli ingredienti dovuta al surriscaldamento delle lame. Se utilizzate il mixer versatevi le fave (io ne mantengo una manciata da parte da aggiungere poi in ultimo sulla pasta assieme al pesto), le foglioline di menta già lavate (circa una decina), 1 spicchio di aglio, le mandorle ed a filo l’olio d’oliva in modo da ottenere la consistenza desiderata, azionate a velocità bassa ed intorrempetevi di tanto in tanto. Aggiungete anche il pecorino. Aggiustate di sale e pepe, anche se utilizzando il pecorino, un formaggio molto saporito, non è quasi necessaria l’aggiunta del sale. Amalgamate bene il tutto. Se utilizzate il mortaio armatevi di pazienza ed iniziate con il pestello lentamente a schiacciare tutti gli ingredienti fino ad ottenere un composto cremoso. Cuocete gli spaghetti al farro in abbondante acqua salata. Scolateli e conditeli subito con il pesto. Aggiungete anche le fave che avete mantenuto intere. Servite gli spaghetti con un filo di olio a crudo.

pestofave4

pestofave5

pestofave6

pestofave8

Con questa ricetta partecipo al contest “Noci, nocciole & frutta secca” del blog “lastufaeconomica”

Settimo contest:” NOCI, NOCCIOLE & frutta secca “

Crostata con ciliege fresche ricotta & zenzero

crostateciliege2

…io adoro preparare le crostate: sono il dolce che più mi ricorda la mia infanzia ed i pomeriggi che passavo in cucina assieme alla nonna, quando mi divertivo a guardarla e a cercare di ripetere da sola tutti i movimenti ed i gesti che le vedevo eseguire durante la preparazione di ogni suo piatto…Come ogni bambina volevo sempre lavorare in autonomia e senza aiuto, così combinavo spesso tanti pasticci, ma con la sua pazienza, la nonna riusciva in qualche modo a rimediare e così potevamo portare in tavola ogni volta anche una mia piccola versione del suo piatto…Questa era crostata che lei preparava quando verso la fine di maggio, dopo il raccolto delle ciliege, rimanevano sugli alberi quelle cosiddette “di scarto” che magari erano state beccate dai merli, in verità la nonna diceva che invece erano le più buone: infatti più rosse e mature, ed aveva proprio ragione!!! Nella mia versione di questa crostata ho aggiunto un pò di radice di zenzero grattugiata che dona una nota fresca alla farcia…

crostataciliege3

crostataciliege2

Ingredienti:

….per la frolla…..

  • 250 g farina
  • 125 g burro
  • 100 g zucchero a velo
  • 2 uova (solo il tuorlo)
  • scorza di limone

….per la farcia….

  • 250 g ricotta fresca
  • 100 g zucchero a velo
  • 300 g ciliege mature
  • latte qb
  • 1 radice di zenzero fresco

ciliege1

Preparazione:

Iniziate preparando la pasta frolla: in planetaria oppure in una ciotola impastate la farina con il burro ancora freddo ed un pizzico di sale, per ottenere un composto simil sabbioso. A questo punto aggiungete i 2 tuorli d’uovo, lo zucchero a velo e la scorza grattugiata di mezzo limone. Impastate per amalgamare tutti gli ingredienti ma non dilungatevi più del necessario per non riscaldare troppo con le mani l’impasto. Formate un panetto, avvolgetelo nella pellicola trasparente e poi lasciatelo raffreddare per almeno mezz’ora in frigorifero. Intanto preparate la farcia: lavate le ciliege,asciugatele delicatamente e rimuovete il nocciolo ad ognuna. In una ciotola lavorate la ricotta con lo zucchero a velo, aggiungete 1 o 2 cucchiai di latte per rendere il composto più cremoso. Amalgamate al composto anche un pò di radice di zenzero fresco grattugiata: vi darà una nota di freschezza davvero piacevole. A questo punto non manca che incorporare anche le ciliege già snocciolate, mescolate delicatamente per cercare di non romperle troppo. Trascorso il tempo necessario prendete la frolla dal frigorifero e stendetela con il materello.  Ricordatevi di mantenetere almeno un terzo di pasta per la decorazione finale. Foderate uno stampo rotondo già imburrato. Versate sulla frolla la farcia di ricotta e ciliege, decorate la crostata utilizzando la frolla mantenuta da parte. Formate tante striscette di frolla ed incrociatele poi sulla superficie per la classica decorazione a griglia. Infornate e cuocete a 180 gradi per circa 35/40 minuti, in forno già caldo con modalità statica. Appena vedete che la frolla avrà assunto un bel colore dorato, sfornate la crostata e lasciatela raffreddare.

ciliege3
incorporate le ciliege alla crema di ricotta…
ciliege4
…versate la farcia di ciliege e ricotta sulla frolla
ciliege5
…classica decorazione a griglia

Sole di Capri in terra di Romagna

solecapri5

…un piatto che nasce dalla contaminazione fra due terre di sole e di mare, la Campania con i suoi colori e aromi che sanno appunto di sole caldo, di mare, di vacanze e la Romagna anch’essa rappresentata da gusti decisi, con ingredienti semplici e genuini…Fagioli & cozze: un’accostamento tipico della cucina napoletana, un condimento ricco e gustoso che esalta ed avvolge la pasta e che unisce sapori di mare e di terra…Squacquerone & rucola: un connubio vincente in romagna, utilizzato soprattutto per farcire la piadina, un formaggio fresco dal gusto acidulo che si sposa a perfezione con il sapore amarognolo della rucola…L’unione di questi due abbinamenti in un primo di pasta, dal formato meraviglioso, racchiude in un solo piatto due culture culinarie ricche di storia e tradizioni….

solecapri2
il Sole di Capri, un bellissimo formato monoporzione della Fabbrica della Pasta di Gragnano

solecapri3

 

solecapri4

Ingredienti: (per 2 persone)

  • 2 sole di Capri
  • 100 g fagioli cannellini
  • 100 g cozze
  • 250 g squacquerone
  • 200 g rucola
  • 50 g di pomodorini il Corbarino La Fiammante
  • aglio e prezzemolo qb
  • olio d’oliva qb
  • sale & pepe qb

solecapri8

solecapri1

Preparazione:

Lavate bene le cozze e fatele aprire con uno spicchio di aglio, prezzemolo e olio, in un tegame con coperchio a fuoco vivace. Preparate un trito con altro prezzemolo ed uno spicchio di aglio e fatelo soffriggere con un filo di olio, aggiungete i fagioli e fateli rosolare per una decina di minuti, incorporate anche i pomodorini, infine aggiungete anche qualche cucchiaio del liquido di cottura delle cozze, ma solo dopo averlo filtrato per eliminare eventuali residui di sabbia. Al termine frullate il tutto nel mixer fino ad ottener un composto cremoso a cui poi aggiungere anche le cozze già pulite. Aggiustate di sale & pepe. Prendete la rucola, lavatela accuratamente e mettetela nel mixer con unpò di olio d’oliva, sale & pepe, frullate fino ad ottenere un pesto dalla texture abbastanza liscia. In una ciotola lavorate con una frusta lo squacquerone per ottenere anche in questo caso un composto cremoso ed omogeneo, se necessario aggiungete un filo di olio. A questo punto cuocete la pasta in abbondante acqua salata. Predisponete sul piatto di portata prima la crema di scquacquerone, poi uno strato di pesto di rucola. Scolate la pasta e posizionatela sopra al pesto, poi condite con la crema di fagioli e cozze. Servite con un filo di olio a crudo.

solecapri6

Con questa ricetta partecipo al Contest “Pomorosso d’Autore” ricette di pasta      realizzato da MySocialRecipe in collaborazione con La Fiammante e la Fabbrica della Pasta di Gragnano

http://www.mysocialrecipe.com/contest/pomorosso-dautore/ricette-di-pasta-2017/

https://www.lafiammante.it/

http://www.lafabbricadellapastadigragnano.it/

Ricette di Pasta 2017

 

Plumcake alle ciliege

plumcakeciliege5

ciliege1

…che voglia di ciliege!!!! inizio ad aspettarle già dopo Natale, poi finalmente verso metà maggio iniziano a comparire nei banchi della frutta, forse non ancora cariche di gusto e sapore ma io non resisto!!! E mi sembrano buonissime anche queste, aspettando le più mature intanto le ho utilizzate per preparare un morbido plumcake…una versione un poco più estiva, con l’aggiunta delle ciliege fresche, per un dolce facile da preparare, ideale per la colazione o la merenda anche dei più piccoli, dall’interno umido: che si mantiene buono e gustoso anche per parecchi giorni…

plumcakeciliege8

plumcakeciliege9

Ingredienti:

  • 200 g farina
  • 50 g fecola di patate
  • 170 g zucchero
  • 3 uova
  • 300 g ciliege mature
  • 180 g burro
  • 1 bustina di lievito in polvere
  • 1 pizzico di sale
  • zucchero a velo qb

plumcakeciliege6

Preparazione:

In una ciotola lavorate il burro e lo zucchero fino ad ottenere un composto cremoso ed omogeneo, per facilitarvi il compito utilizzate le fruste. Incorporate anche le 3 uova avendo cura di amalgamarle bene, aggiungete anche un pizzico di sale. A questo punto aggiungete anche la farina, la fecola ed il lievito setacciati. Mescolate bene. Mancano solo le ciliege: lavatele con cura e rimuovete il nocciolo da ognuna. Prendete uno stampo rettangolare da plumcake (io utilizzo quello da 1,5 lt) ed imburratelo. Versate sul fondo metà dell’impasto e poi cospargetevi sopra la metà delle ciliege snocciolate. Poi versate la parte rimanente dell’impasto e quindi le restanti ciliege. In questo modo avrete la certezza che, una volta cotto e raffreddato il vostro plumcake, le ciliege saranno rimaste intere e saranno distribuite per tutta l’altezza del dolce. Un’altro trucco per evitare che le ciliege vadano a depositarsi tutte sul fondo durante la cottura consiste nel cospargerle di farina prima di aggiungerle all’impasto. Infornate il plumcake in forno già caldo, in modalità statica a 160 gradi per circa 1 ora e 20 minuti. A cottura ultimata sfornate e lasciate raffreddare prima di estrarlo dallo stampo. Servite spolverato di zucchero a velo.

plumcakeciliege3
versate nello stampo metà impasto poi le ciliege, infine l’altra metà impasto e le rimanenti ciliege….
plumcakeciliege4
cospargete con lo zucchero a velo

 

Sfogliatine alle fragoline

sfogliatine7

sfogliatine6

…davvero semplici & veloci da preparare, golose e profumate, le ho preparate oggi pomeriggio per la colazione di domani mattina, un rotolo di pasta sfoglia uno strato di crema dolce di formaggio spalmabile e delle fragoline fresche, ma voi potete utilizzare anche qualche altro frutto fresco di stagione: fragole, ciliege…

io ho provato anche con la pasta sfoglia gluten free, l’ho trovata solo in formato rotondo e quindi ho optato per delle sfogliatine anch’esse di forma rotonda (con un stampo per biscotti ho ricavato tanti cerchi), naturalmente ho utilizzato anche tutti gli altri ingredienti senza glutine e così ho preparato una colazione golosa anche per mio marito!!!

sfogliatine5

Ingredienti:

  • 1 rotolo di pasta sfoglia quadrata
  • 200 g fragoline fresche
  • 100 g formaggio spalmabile
  • 25 g zucchero a velo
  • zucchero di canna qb

Preparazione:

Srotolate sul piano di lavoro la pasta sfoglia e dividetela in 10 rettangoli uguali. Bucherellate con una forchetta la superficie di tutti i rettangoli. In una ciotola lavorate il formaggio spalmabile con lo zucchero a velo, fino ad ottenere un composto cremoso che sarà più facile da stendere. Spalmate su ogni rettangolo di sfoglia uno strato sottile di crema al formaggio. Prendete le fragoline fresche già lavate e lasciate a scolare su di un canovaccio e distributele su di ogni rettangolo di sfoglia. Trasferite il foglio di carta forno di di una teglia. Cospargete con un pò di zucchero di canna ed infornate a 200 gradi in forno già caldo, modalità statica. Cuocete per 15 minuti circa. Controllate spesso verso fine cottura in quanto la pasta sfoglia tende a bruciarsi in pochissimo tempo. Cospargete di zucchero a velo.

sfogliatine2
le fragoline fresche della nonna
sfogliatine1
formaggio spalmabile & zucchero a velo
sfogliatine3
uno strato di crema al formaggio e poi le fragoline…
sfogliatine4
cospargete con lo zucchero di canna

Caccavelle 4 stagioni

Le Caccavelle della Fabbrica della Pasta di Gragnano

Si tratta di un formato di pasta molto grande, la sua forma è quella di un pentolino: la “caccavella” in napoletano. Si presta appunto per la sua forma ad essere utilizzata con una abbondante farcitura, “imbottitura” per l’esattezza, sempre in napoletano. Si cucina sostanzialmente in 2 tempi: prima si fa scottare in acqua salata, poi si farcisce ed infine si termina la cottura in forno.

caccavella1

Ho ricevuto in omaggio una confezione da 4 caccavelle, davvero molto belle, la prima cosa a cui ho pensato guardandole sono state le stagioni, una associazione forse un pò scontata, ma questa idea di farcire ogni caccavella con prodotti ed ingredienti tipici di ogni stagione mi ha proprio folgorato e soprattutto la voglia di accostare colori & sapori legati ai diversi periodi dell’anno mi ha portato al supermercato di volata. Quindi ho cercato di realizzare un candido e bianco inverno con una farcia di finocchio e cavolfiore, una vellutata besciamella e delle mandorle a scaglie. Una primavera tutta verde: pisellini, fave, asparagi & carciofi freschi, qualche cipollina e tanta ricotta, una decorazione con fiori di malva, perchè che primavera è senza neanche un fiore?? Un’estate che sa di sapori e profumi del sud: melanzane, conserva di pomodoro, provola, con qualche pomodorino confit e tanto basilico fresco. Ed infine un autunno con tutti i colori delle foglie che cadono: gialle come i pomodorini, arancioni come la zucca e marroni come i funghi porcini, con una solverata di profumato curry.

caccavella13
…una nevicata di mandorle in scaglie per l’inverno
caccavella12
…fiori di malva in primavera
caccavella9
…basilico fresco sull’estate
caccavella10
…una spolverata di curry per l’autunno

Ingredienti:

  • 4 caccavelle della Fabbrica di Gragnano
  • olio d’oliva qb
  • sale qb

…per la caccavella d’inverno…

  • 125 g besciamella
  • 100 g finocchio
  • 100 g cavolfiore
  • cannella in polvere qb
  • 30 g mandorle a scaglie

…per la caccavella di primavera…

  • 100 g ricotta
  • mezzo carciofo
  • 2 asparagi
  • 50 g fave fresche
  • 50 g pisellini freschi
  • 1 cipollina fresca
  • prezzemolo tritato qb
  • fiori di malva qb

…per la caccavella d’estate…

  • 100 g passata pomodoro La Fiammante
  • 1 melanzana
  • 80 g provola
  • 4/5 pomodorini a grappolo freschi
  • basilico fresco qb
  • zucchero a velo qb

…per la caccavella d’autunno…

  • 100 g besciamella
  • 100 zucca
  • 80 g porcini freschi
  • qualche pomodorino giallo linea gourmet la Fiammante
  • curry in polvere qb
  • rosmarino qb

Per questa ricetta ho utilizzato prodotti di qualità, eccellenze del made in Italy: la storica produzione di conserve alimentari La Fiammante, prima filiera chiusa di pomodoro 100% italiano al sud e La Fabbrica della Pasta di Gragnano, il primo pastificio ad aver ottenuto il riconoscimento “Pasta di Gragnano I.G.P.”, grande tradizione che si affianca ad una lavorazione rigorosamente artigianale. Pasta e pomodoro sono da sempre gli ambasciatori del gusto italiano nel mondo, interpreti della grande tradizione artigianale e della straordinaria creatività in cucina di un intero popolo: una gioiosa celebrazione di bellezza e salute che va avanti da 200 anni, tra memoria ed innovazione.

caccavella7

Preparazione:

Per prima cosa sbollentate le caccavelle: mettete a bollire in una pentola di grandi dimensioni acqua e sale. Quando l’acqua bolle calate le caccavelle e fate cuocere pre circa 10 minuti, durante la cottura giratele di tanto in tanto, delicatamente per evitare di romperle. Trascorso il tempo necessario togliete le caccavelle dall’acqua con la schiumarola e fatele scolare capovolte su di un canovaccio. A questo punto iniziate con la preparazione delle farciture. Per quanto riguarda l’inverno: lessate in acqua il cavolfiore ed il finocchio, scolteli ancora croccanti e tagliateli a piccoli pezzi. Amalgamate il cavolfiore ed il finocchio con la besciamella, condite con un filo d’olio, un pizzico di cannella in polvere ed aggiustate di sale. Farcite la prima caccavella fino quasi all’orlo. Per la primavera, fate scottare in acqua salata mezzo carciofo, che avrete già tagliato a fette e mantenuto in acqua e limone, 2 asparagi, i pisellini e le fave fresche. Anche queste verdurine lasciatele un poco croccanti ed amalgamatele con la ricotta, condite con un filo d’olio, un pizzico di prezzemolo tritato finemente e qualche fetta di cipolla che avrete fatto soffriggere in padella con un filo di olio. Farcite anche la seconda caccavella. Per la caccavella dell’estate preparate una sorta di parmigiana, fate saltare in padella con dell’olio d’oliva mezza melanzana tagliata a fette. Intanto fate cuocere in forno qualche pomodorino condito con sale olio, qualche spezia di vostro gradimento ed una manciata di zucchero a velo. Farcite la caccavella con strati alterni di passata di pomodoro, melanzane e la provola tagliata a fettine sottili. Guarnite con qualche pomodorino confit. Infine per la caccavella dell’autunno fate velocemente cuocere in forno la zucca tagliata a listarelle sottili. Intanto fate saltare in padella con un pò di olio il fungo porcino tagliato a fette sottili. Amalgamate i funghi, la zucca, qualche pomodorino giallo con un pò di besciamella, aggiustate di sale, condite con un filo d’olio e qualche rametto di rosmarino. Trasferite le caccavelle su una teglia rivestita di carta forno e cuocete in forno già caldo a 180 gradi per circa 20 minuti. Sfornate e servite ancora calde: guarnite la caccavella d’inverno con delle mandorle a scaglie, decorate la caccavella di primavera con qualche fiore di malva, aggiungete a quella dell’estate foglie di basilico fresco e cospargete quella d’autunno con una spolverata di curry.

Ecco le caccavelle pronte per essere infornate:

caccavella2
…candido inverno
caccavella3
…verde primavera
caccavella5
…un’estate dai profumi del sud
caccavella4
…caldo autunno

Con questa ricetta partecipo al Contest “Pomorosso d’Autore” ricette di pasta      realizzato da MySocialRecipe in collaborazione con La Fiammante e la Fabbrica della Pasta di Gragnano

http://www.mysocialrecipe.com/contest/pomorosso-dautore/ricette-di-pasta-2017/

https://www.lafiammante.it/

http://www.lafabbricadellapastadigragnano.it/

Ricette di Pasta 2017

Panna cotta alle fragole

pannacottafragole9

…un’altra idea delicata e chic da portare in tavola in occasione della festa della mamma: una panna cotta con coulis di fragole fresche…un dolce semplice e veloce, che potrete preparare anche in anticipo e poi riporre in frigorifero fino al momento di servire…

pannacottafragole4

pannacottafragole6

Ingredienti: (per 4/6 persone)

  • 500 ml panna liquida
  • 100 g zucchero semolato
  • 12 g gelatina in fogli
  • 200 g fragole fresche
  • zucchero a velo qb

pannacottafragole5

Preparazione:

Versate la panna liquida in un pentolino, aggiungete lo zucchero e se preferite anche l’esenza di vaniglia. Portate al bollore. Intanto mettete in ammollo in una ciotola la colla di pesce in acqua fredda. Quando la panna avrà sfiorato il bollore togliete dal fuoco ed incorporate la colla di pesce strizzata. Amalgamate bene il tutto. Versate la panna cotta negli stampini, io utilizzo quelli di silicone, praticissimi e comodissimi soprattutto al momento di sformare il dolce. Trasferite gli stampini in frigorifero per almeno 6 ore per dare il tempo alla panna cotta si addensarsi. Intanto preparate la coulis con le fragole fresche da servire assieme alla panna cotta. Frullate le fragole già lavate nel mixer con qualche cucchiaio di zucchero a velo, se il composto vi sembra troppo denso potete aggiungere un goccio di acqua. Servite la panna cotta su un piattino dove avrete versato prima qualche cucchiaio di coulis di fragole.

pannacottafragola1

pannacottafragole2
io utilizzo dei comodi e pratici stampini in silicone…