Flauti al cioccolato

IMG_20171109_171036

IMG_20171109_171340

…ecco un altro lievitato dolce da inserire nella lista dei preferiti….sicuramente una ricettina che richiede un pò di tempo a causa delle 2 lievitazioni assolutamente indispensabili, per contro però i risultati sono davvero soddisfacenti ed allora ne vale sicuramente la pena. Dei dolci e morbidi flauti perfetti anche per la merenda a scuola dei più piccoli. Io ho utilizzato per la farcitura del cioccolato ma potete optare anche della confettura di frutta. Potete inserire la farcitura prima della seconda lievitazione oppure potete decidere di farcire i flauti dopo la cottura (naturalmente dopo che si saranno raffreddati) tagliandoli trasversalmente come quelli che si trovano in commercio…

IMG_20171109_170755

IMG_20171109_170819

IMG_20171109_170843

Ingredienti:

  • 550 g farina 00
  • 12 g lievito di birra
  • 50 ml olio d’oliva
  • 250 ml latte
  • 100 g zucchero semolato
  • 1 uovo
  • per la farcitura confettura di frutta o crema al cioccolato qb

IMG_20171109_171236

IMG_20171109_171247

Preparazione:

In una ciotola versate il latte appena tiepido, aggiungete il lievito sbriciolato ed un cucchiaino colmo di zucchero (prendetelo dalla quantità totale dello zucchero necessario). Mescolate fino a fare sciogliere completamente il lievito. In un altra ciotola mescolate la farina con il resto dello zucchero, l’uovo, e l’olio. Incorporate a questo composto il latte in cui avete sciolto il lievito. Impastate e continuate a lavorare fino ad ottenere un composto liscio ed omogeneo. Formate un panetto e lasciatelo a lievitare per almeno 3 ore coperto da un canovaccio pulito. Trascorso il tempo necessario prendete l’ impasto, trasferitelo su una spianatoia e stendetelo con un materello per ottenere una sfoglia abbastanza sottile. Dalla sfoglia cercate di ricavare in media 14/16 rettangoli delle dimensioni di circa 10 cm x 15 cm. Non è necessario essere precisissimi nelle misure, l’ importante è che siano di forma rettangolare, perchè poi nella seconda lievitazione comunque aumenteranno un poco di volume. Prendete ogni rettangolo e nel lato più lungo, verso una delle due estremità, praticate 3 tagli. Nella estremità senza tagli potete distribuire la farcia, sia che si tratti di confettura che di crema al cioccolato. Oggi ho utilizzato per comodità delle barrette di cioccolato, in questo caso però, ricordate che una volta che i flauti si saranno raffreddati la farcia tenderà a risolidificarsi. Quindi potete utilizzare le barette di cioccolato se pensate di consumare i flauti subito dopo averli sfornati, come ho fatto io oggi per la merenda delle mie bambine e delle loro amichette. Potete anche decidere di farcire i flauti solo dopo la cottura, in questo caso li lascierete vuoti e procederete alla chiusura senza farcia. (Se pensate di congelarli dopo la cottura per poi consumarli gradualmente è preferibile non farcirli prima della cottura ed effettuare questa operazione solo dopo lo scongelamento). In ogni modo procedete alla “chiusura” di ogni flauto, vuoto o farcito che sia, arrotolando ogni rettangolo partendo dalla parte integra verso la parte con i tagli. Sistemate tutti i flauti su una teglia rivestita di carta forno lasciando un pò di spazio fra uno e l’altro . Lasciate riposare nuovamente per la seconda lievitazione. In questo caso sarà sufficiente meno tempo rispetto alla prima lievitazione, ma almeno contate 1 ora. Trascorso il tempo necessario, spennellate la superficie di ogni flauto con un pò di latte e poi infornate in modalità statica a 180 gradi, in forno già caldo per circa 15/20 minuti. Quando i flauti si saranno ben dorati in superficie ed un profumo delizioso avrà invaso la cucina, sfornateli e buon appetito!!!! Se non li avete farciti prima, lasciateli raffreddare un poco, tagliateli a metà per il senso della lunghezza e spalmateli con la confettura che preferite oppure con la crema al cioccolato.

IMG_20171109_142920
…ricavate dei quadrati di circa 15 cm X 10 cm e paraticate 3 tagli …
IMG_20171109_142947
…cioccolato al latte…
IMG_20171109_142958
…arrotolate partendo dalla parte integra verso la parte con i tagli….
IMG_20171109_143012
…flauto pronto…
IMG_20171109_143122
…cioccolato fondente…

IMG_20171109_143137

IMG_20171109_143349
…pronti per la seconda lievitazione…
IMG_20171109_162836
…pronti per essere infornati…

Plumcake al cioccolato con farina di castagne

IMG_20171109_133912

IMG_20171109_133956

…dei sapori tipicamente autunnali per questo plumcake soffice & goloso, semplice da preparare. Io optato per questa versione molto “basic” ma volendo potete aggiungere nell’impasto altri ingredienti, come delle gocce di cioccolato fondente oppure della frutta secca…Un plumcake senza glutine perchè ho utilizzato solamente farina di castagne, il cui sapore intenso è mitigato dalla nota più classica del cacao. Se utilizzate cacao e polvere lievitante nelle cui confezioni sia riportata la dicitura gluten free, questo plumcake può essere consumato anche da persone intolleranti al glutine o celiache…

IMG_20171109_133840

Ingredienti:

  • 250 g farina di castagne
  • 20 g cacao amaro
  • 160 g zucchero semolato
  • 5 uova
  • 310 ml latte
  • 1 bustina di lievito per dolci

IMG_20171109_133801

Preparazione:

Nella planetaria, oppure in una ciotola capiente con le fruste montate le uova intere (meglio se a temperatura ambiente) con lo zucchero fino ad ottenere un composto gonfio e spumoso, vedrete che man mano il colore diventerà sempre più chiaro. In un altra ciotola versate dopo averli setacciati, la farina di castagne, il lievito ed il cacao amaro. Incorporate a filo il latte, anch’esso meglio se a temperatura ambiente. Mescolate fino ad ottenere un composto liscio e senza grumi. A questo punto non vi rimane che incorporare anche le uova montate con lo zucchero. Aggiungetele poco per volta mescolando con una spatola dal basso verso l’alto delicatamente per evitare di smontare il tutto. Se volete aggiungere delle gocce di cioccolato fondente oppure della frutta secca è questo il momento. Versate l’impasto in uno stampo rettangolare precedentemente imburrata. Infornate a 170 gradi, modalità statica, in forno già caldo per circa 50/60 minuti. Prima di sfornare fate la prova con lo stecchino per accertarvi dell’avvenuta cottura. Lasciate raffreddare e cospargete di zucchero a velo.

IMG_20171107_090857
…versate latte e olio nelle polveri: farina di castagne, cacao amaro e lievito…
IMG_20171107_091109
…incorporate delicatamente le uova montate con lo zucchero…

 

Brutti ma Buoni

IMG_20171104_145259

IMG_20171104_145413

IMG_20171104_145536

i brutti ma buoni sono dei biscotti secchi che come dice il nome sono forse non troppo belli da vedere, o perlomeno non particolari o di aspetto ricercato ma sono comunque gustosi ed appetibili per la croccantezza, il sapore rustico ma allo stesso tempo delizioso. Sostanzialmente si tratta di biscotti il cui ingrediente predominante è rappresentato dalle nocciole, sia intere che tritate. Ecco una ricettina facile e veloce per preparare questi simpatici e golosi dolcetti….

IMG_20171104_145431

IMG_20171104_145504

Ingredienti:

  • 600 g nocciole
  • 85 g albumi
  • 70 g zucchero semolato
  • 275 g zucchero a velo
  • 15 g miele

IMG_20171104_145607

IMG_20171104_145832

Preparazione:

Iniziate con le nocciole, per praticità potete acquistare le nocciole già spellate così potete guadagnare tempo, altrimenti se avete le nocciole con la buccia il primo passaggio sarà quello di spellarle: passatele in forno caldo per qualche minuto e poi strofinatele fra le dita per eliminare tutte le pellicine. Intanto in un pentolino mettete sul fuoco un pò di acqua: circa 70 ml, e scioglietevi lo zucchero semolato ed il miele. Lasciate raffreddare. Nel mixer tritate la metà delle nocciole, quindi 300 g. Montate gli albumi a neve, quando saranno ben sodi iniziate ad incorporare lentamente lo sciroppo di zucchero e miele. Continuate a montare tutto il composto per altri 10 minuti. A questo punto incorporate anche lo zucchero a velo e continuate a montare per 5 minuti. Infine non vi resta che incorporare anche le nocciole: metà intere e metà tritate. Amalgamate bene il tutto, mescolando con una spatola dal basso verso l’alto con movimenti delicati per cercare di non smontare il composto. Ora non vi manca che formare i biscotti disponendoli direttamente su una teglia rivestita di carta forno. Potete decidere di formare i biscotti con l’aiuto di un cucchiaino, prelevando direttamente dalla ciotola il composto e adagiandolo direttamente sulla carta forno, anche se le forme non saranno perfette e tutte uguali non c’è problema perchè state comunque preparando dei biscotti brutti ma buoni. Oppure potete utilizzare una sac a pochè monouso, naturalmente facendo un taglio abbastanza largo al vertice perchè nel composto ricordatevi che ci sono anche le nocciole intere. In ogni caso abbiate comunque cura di mantenere abbastanza spazio fra un biscotto e l’altro perchè in cottura tenderanno a gonfiarsi e ad aumentare di volume. Infornate in forno già caldo a 160 gradi per 12/14 minuti, finchè non avranno assunto un bel colore più carico. Sfornate e trasferite su una superficie fredda. Lasciate raffreddare e poi servite. Potete conservare i biscotti in una scatola di latta o comunque in un contenitore ben chiuso ed asciutto anche per svariati giorni.

IMG_20171104_145650

IMG_20171104_145737

IMG_20171104_145658

IMG_20171104_145250

Castagnaccio

IMG_20171102_161233

IMG_20171102_161157

…questo dolce a base di farina di castagne è radicato nella tradizione contadina, soprattutto delle regioni settentrionali, pochi ingredienti semplici per un dolce comunque molto gustoso che anticamente si preparava proprio in questa stagione…

IMG_20171102_161423

IMG_20171102_161210

Ingredienti:

  • 500 g farina di castagne
  • 1 litro di acqua
  • 100 g uvetta sultanina
  • 70 g pinoli
  • 6 cucchiai di olio d’ oliva
  • 4 cucchiai di zucchero semolato
  • rosmarino qb
  • pan grattato qb
  • un pizzico di sale

IMG_20171102_160834

Preparazione:

Mettete l’ uvetta a bagno in una ciotola con dell’ acqua tiepida e fatela rinvenire per una mezz’ oretta. In una ciotola capiente versate la farina di castagne già setacciata, l’ acqua fredda ed iniziate a mescolare. Aggiungete poi lo zucchero e 5 cucchiai di olio, continuate a mescolare ed aggiungete anche un pizzico di sale. In ultimo incorporate l’ uvetta sultanina ben strizzata. Versate il composto, di consistenza abbastanza liquida in uno stampo rettangolare orotondo che avrete rivestito con della carta forno e cosparso di pan grattato. A questo punto cospargete la superficie con ilrosmarino ed i pinoli. Irrorate anche con un cucchiaio di olio. Infornate in forno già caldo e cuocete per i primi 10 minuti a 220 gradi e poi proseguite la cottura a 200 gradi per circa 60 minuti. Sfornate e lasciate raffreddare prima di servire.

IMG_20171102_131128
…cospargete la superficie con il rosmarino ed i pinoli, un cucchiaio di olio ed infornate…

Fave dei morti

IMG_20171015_092851

IMG_20171015_092845

…le fave dei morti sono dei biscotti alla mandorla che si preparano generalmente ad inizio novembre in occasione della celebrazione dei defunti, anticamente, forse retaggio di un’ offerta rituale, era una consuetudine in questo periodo dell’ anno, prepararle per poi offrirle ai parenti che facevano visita per la ricorrenza della celebrazione dei morti. Si tratta di biscotti croccanti essendo poveri di grassi ed aromatizzati con i semi di finocchietto, si usa prepararli anche di colori assortiti (è necessario dividere l’impasto in parti uguali ed aggiungre in una parte del cacao per ottenere un colore marrone, dell’ alchermes per ottenere un colore rosato, la cannella per ottenere beige, in commercio attualmente si trovano anche di colore verde). Dagli appunti del ricettario della nonna: si tritano insieme tutti gli ingredienti: mandorle, pinoli e qualche gheriglio di pesca fino a ridurli in fine granella, si uniscono le uova lo zucchero, la farina ed un poco di ammoniaca per dolci. Con 2 cucchiaini si formano i biscotti di forma ovale o rotonda della grandezza di una noce. Si imbiancano con una spolverata di zucchero a velo. Si infornano a 150 gradi per una ventina di minuti. Per chi gradisce si possono aromatizzare aggiungendo all’impasto anche qualche cucchiaio di liquore alla mandorla amara. Purtroppo non essendo segnalate le quantità non vi posso riproporre la ricetta originale, in verità ne esistono moltissime in base alle tradizioni ed alle abitudini famigliari, alle zone di appartenenza che variano di paese in paese. Di seguito vi propongo un buon compromesso fra tradizione e semplicità nella preparazione…

IMG_20171015_092205

IMG_20171015_092136

IMG_20171015_092337

Ingredienti:

  • 300 g farina
  • 150 g zucchero semolato
  • 150 g mandorle sgusciate
  • 50 g burro
  • 2 uova
  • 1 cucchiaino semi di finocchietto
  • 1 cucchiaio cacao in polvere (per i biscotti marrone scuro)
  • 1 cucchiaio alchermes (per i biscotti rosa)
  • 1 cucchiaino di cannella in polvere (per i biscotti beige)
  • 1 cucchiaino colorante alimentare verde (per i biscotti verdi)

IMG_20171015_091831

IMG_20171015_092802

Preparazione:

Tostate le mandorle in una padella antiaderente avendo cura di non farle bruciare. Fatele raffreddare e poi tritatele finemente nel mixer. In una ciotola capiente amalgamatele con zucchero e farina, fate una fontana ed al centro metteteci il burro un pò ammorbidito e le uova. Impastate e continuate a lavorare fino ad ottenere un composto omogeneo e relativamente morbido. Se volete preparare le fave di diversi colori è il momento di dividere l’impasto ed aggiungere ad ogni parte il cucchiaio di “colorante”: cacao, alchermes, cannella. E’ a discrezione vostra la scelta di utilizzare anche il colorante alimentare, in alternativa potete utilizzare i pistacchi in polvere, non ottenendo però come risultato un bel verde brillante. Stendete gli impasti con un altezza di circa 5 mm e ricavate, utilizzando un coppapasta o semplicemente un bicchiere tanti cerchi. Se l’impasto non vi risulta troppo duro potete anche utilizzare la sac a poche con un beccuccio largo. Trasferite i biscotti in una teglia che avrete già rivestito con la carta forno. Infornate e cuocete in forno già caldo a 180 gradi per non più di 20 minuti. Mi raccomando, controllate spesso, verso fine cottura che le fave non si brucino.

IMG_20171015_092826

IMG_20171015_092438

IMG_20171015_092510

Biscotti di Halloween

IMG_20171027_115000

IMG_20171027_115038

…dei mostruosi ma simpatici biscotti perfetti per dolcetto scherzetto…

una semplice frolla che potete decidere di farcire con la confettura che preferite oppure la crema di cioccolato, dei golosi biscotti che sicuramente si divertiranno anche i più piccoli a preparare: dalle loro mani anche le imperfezioni risulteranno bellissime e renderanno ancora più speciali e particolari i biscotti, perchè come mi ha spiegato la mia piccola ma saggia Elena, ogni pezzo in questo modo sarà unico e con un’ espressione diversa dagli altri!!!!

IMG_20171027_115007

Ingredienti:

  • 350 g farina
  • 120 g zucchero semolato
  • 120 g burro
  • 2 uova
  • 300 g confettura oppure crema al cioccolato
  • zucchero a velo qb

IMG_20171027_115046

IMG_20171027_115103

Preparazione:

In una ciotola lavorate la farina con il burro ancora freddo, come per preparare una frolla per la crostata, fino ad ottenere un composto simil sabbioso. Aggiungete poi le 2 uova e lo zucchero. Mescolate e continuate a lavorare con le mani fino ad ottenere un impasto omogeneo. Formate un panetto ed avvolgetelo nella pellicola trasparente. Trasferite in frigorifero per almeno mezz’ ora. Trascorso il tempo necessario prendete l’ impasto e stendetelo con il mattarello per ottenere una sfoglia con uno spessore di poco meno di mezzo cm. Ricavatene tanti dischi con un coppapasta, oppure più semplicemente con il bordo di un bicchiere. Trasferiteli tutti su una teglia rivestita di carta forno. Sulla metà dei dischi ricavate 2 occhi con la punta capovolta del beccuccio di una sac a poche o più semplicemente con il tappo di un pennarello (naturalmente dopo averlo accuratamente lavato ed asciugato). Potete anche utilizzare altre forme per biscotti, in questo periodo in commercio si trovano senza difficoltà moltissimi stampi a tema Halloween. Cuocete in forno, già riscaldato, in modalità statica per 10/15 minuti. Verso fine cottura controllate spesso: non appena vedrete la frolla assumere un bel colore dorato sfornate e trasferite su un’ altra superficie per evitare che rimanendo sulla teglia continuino a cuocersi. Una volta raffreddati sui dischi interi spalmate uno strato di confettura, per una versione ancora più golosa potete optare per una crema al cioccolato. Ora non vi rimane che adagiare sopra ai dischi con la confettura quelli che hanno gli occhi. Ecco pronti dei bellissimi e mostruosi biscotti. Spolverizzante con lo zucchero a velo. Con un pò di fantasia vi potrete sbizzarrire e preparare anche biscotti con espressioni simpatiche o terrificanti.

IMG_20171027_105209
ricavate tanti tondi di pasta frolla…
IMG_20171027_110719
…decorate ricavando occhi e bocca solo a metà dei tondi …

IMG_20171027_110313

IMG_20171027_111056
…decorate e ricavando gli occhi e la bocca solo a metà delle zucche…

Torta di mele rustica

IMG_20171024_171748

IMG_20171024_171415

…una ricetta con ingredienti semplici, quelli che utilizzava la nonna per preparare la torta di mele rustica: la merenda dei pomeriggi d’ autunno, quando il sole ormai basso sull’ orizzonte regalava caldi riflessi dorati alla campagna già colorata di rosso e di arancio… un leggero profumo speziato regalato dalla cannella in polvere, una torta morbida ed umida che il giorno dopo è ancora più buona…

IMG_20171024_171838

IMG_20171024_171919

Ingredienti:

  • 5/6 mele
  • 200 g farina
  • 200 g zucchero semolato
  • 200 ml latte
  • 100 g burro
  • 2 uova
  • 1 limone
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • un pizzico di sale
  • mezzo cucchiaino di cannella in polvere (opzionale)
  • zucchero a velo qb

IMG_20171024_172156

IMG_20171024_172058
se gradite potete aromatizzare l’impasto con mezzo cucchiaino di cannella in polvere…

Preparazione:

Iniziate dalle mele: sbucciatele, tagliatele a metà e rimuovete il torsolo. Dividetele in 2 parti: tagliatene metà della quantità totale a fettine, che vi serviranno come decorazione finale della torta, mentre le rimanenti tagliatele a dadini. Trasferitele in 2 ciotole ed irroratele con del succo di limone, in modo da evitare che anneriscano ed in modo che poi risultino anche leggermente meno zuccherine. Ora dedicatevi all’ impasto: in una ciotola montate le uova intere con lo zucchero, quando avrete ottenuto un composto cremoso e spumoso aggiungete il burro fuso, il latte, un pizzico di sale, (se gradite la cannella) e per ultimi la farina ed il lievito già setacciati. Mescolate ed amalgamate bene tutti gli ingredienti fra loro fino ad ottenere un impasto liscio ed omogeneo. A questo punto incorporate anche le mele tagliate a dadini. Imburrate una tortiera rotonda, versatevi l’ impasto all’ interno e cercate di livellarlo in modo da ottenere una superficie omogenea. Distribuite le fettine di mela su tutta la superficie, una vicino all’ altra in maniera concentrica. Cuocete la torta in forno già caldo, in modalità statica a 180 gradi per circa 50/60 minuti. Una volta sfornata lasciatela raffreddare e cospargete con abbondante zucchero a velo.

IMG_20171024_171415

Girelle con uvetta & crema pasticcera

IMG_20171011_175343

…delle morbide e deliziose girelle di pasta lievitata farcite con uvetta & crema pasticcera: ideali per una dolce colazione oppure una golosa merenda. La scorza grattugiata del limone regala un profumo meraviglioso all’ impasto che in cottura sprigionerà un irresistibile profumo per tutta la cucina. Io ho scelto di prepararle con l’ uvetta sultanina, se non vi piace potete anche sostituirla con delle gocce di cioccolato fondente, per un risultato ancora più goloso…

IMG_20171011_174859

IMG_20171011_174853

IMG_20171011_175102

Ingredienti:

…per l’ impasto…

  • 500 g farina 00
  • 25 g lievito di birra fresco
  • 300 ml latte
  • 50 g burro
  • 70 g zucchero semolato
  • 7 g sale
  • 1 limone

…per la farcitura…

  • 250 g uva sultanina
  • 500 g crema pasticcera

(500 ml latte, 6 uova, 140 g zucchero, 45 g amido di mais, 1 limone)

IMG_20171011_175006

IMG_20171011_175016

IMG_20171011_175108

Preparazione:

Iniziate dall’ impasto: riscaldate il latte, sarà sufficiente farlo intiepidire. In una ciotola mettete a sciogliere il lievito di birra fresco e versate metà del latte tiepido, aggiungete 2 cucchiai di zucchero e mescolate fino a quando tutto il lievito non sarà sciolto. In un’ altra ciotola mettete il rimanente zucchero, versate l’ altra metà del latte tiepido, mescolate ed aggiungete anche il burro fuso, il sale e la scorza del limone grattugiata. Versate la farina setacciata in una ciotola capiente, fate una fontana al centro e versatevi il latte in cui avete sciolto il lievito. Iniziate ad impastare. Versate anche l’ altro latte in cui avete già mescolato i restanti ingredienti, continuate a lavorare con le mani. Quando avrete ottenuto un impasto più elastico ed omogeneo trasferitevi su di un piano di lavoro e continuate ad impastare per circa 10 minuti. A questo punto formate una palla e riponetela nuovamente nella ciotola, coprite con un canovaccio pulito e lasciate lievitare per almeno 2 ore. Trascorso il tempo necessario l’ impasto sarà raddoppiato di volume.

Nel frattempo potete mettere a bagno l’ uvetta sultanina in una ciotola con acqua e preparare la crema pasticcera. Versate il latte in una casseruola preferibilmente di acciaio con una stecca di vaniglia incisa per la sua lunghezza e mettete sul fuoco. Intanto lavorate in una ciotola lo zucchero semolato con i 6 tuorli d’uovo, quando avrete ottenuto un composto spumoso incorporate l’amido di mais ma non rimescolate troppo. Appena il latte avrà raggiunto il bollore eliminate la bacca di vaniglia. Ora dovete amalgamare il latte con il composto di zucchero uova ed amido. Per evitare che il latte bollente cuocia l’uovo io verso a filo un solo mestolo per volta di latte nella ciotola con lo zucchero e le uova ed inizio a mescolare. Poi ritrasferite nella casseruola e riportate sul fuoco a fiamma dolce. Continuate a mescolare con la frusta cercando di arrivare in ogni angolo della casseruola per evitare che si attacchi sul fondo. Fate molta attenzione a questi ultimi passaggi, perchè facilmente potrebbe impazzire la crema e si potrebbero formare dei grumi. Una volta raggiunta la densità ottimale, togliete dal fuoco e continuate a mescolare ancora per qualche istante. Lasciate raffreddare.

Quando l’ impasto sarà lievitato, dividetelo a metà e stendetelo con il mattarello sopra a 2 fogli di carta forno, formate quindi 2 rettangoli con uno spessore di circa 5 mm. Versate sopra i 2 rettangoli la crema pasticcera e stendetela fino a ricoprire in maniera omogenea tutta la superficie di entrambi i rettangoli. Cospargete con l’ uvetta già strizzata. Partite dal lato più lungo di ogni rettangolo ed iniziate ad arrotolare fino ad ottenere un rotolo, anzi 2 in totale. Lasciate nuovamente lievitare. Quando entrambi i rotolo saranno raddoppiati di volume (dopo circa 1 ora) tagliateli a fette. Ogni fetta dovrà avere uno spessore di circa 2,5 mm. Cercate di utilizzare un coltello molto affilato, poichè l’ impasto gonfio e lievitato tenderà ad appiattirsi e perdere la forma rotonda con il taglio. Trasferite ogni girella in una teglia rivestita di carta forno, posizionate tutte le girelle con un lato del taglio rivolto verso l’ alto. Lasciate nuovamente lievitare,questa volta sarà sufficiente una mezz’ oretta. Quando l’ impasto delle girelle sarà nuovamente bello gonfio infornate la teglia, in modalità statica, a 180 gradi, in forno già caldo per circa 15 minuti. Sfornate quando le girelle avranno assunto un bel colore dorato, lasciate raffreddare e gustatele cosparse con lo zucchero a velo. Oppure se preferite, prima di infornare cospargete con della granella di zucchero.

IMG_20171011_142701
…formate un rettangolo con l’ impasto, stendetevi su tutta la superficie la crema, cospargete con l’uvetta e poi iniziate ad arrotolare dal lato più lungo…
IMG_20171011_160903
…lasciate lievitare il rotolo….
IMG_20171011_164647
…tagliate a fette ogni rotolo, trasferite le girelle su una teglia e lasciate lievitare un ultima volta…

Madeleine

IMG_20171003_164529

IMG_20171003_164327

IMG_20171003_164416

…le madeleine sono dei famosi dolcetti francesi con la caratteristica forma di conchiglia che gli è conferita dallo stampo in cui vengono cotte. Hanno un sapore simile a quello dei plumcake, leggermente più burroso e con un delizioso aroma di mandorla…

IMG_20171003_164138

IMG_20171003_164247

Ingredienti:

  • 120 g farina 00
  • 100 g zucchero
  • 100 g burro
  • 3 uova
  • 1 cucchiaino di miele
  • aroma di mandorle qb
  • 1/2 bustina di lievito in polvere per dolci
  • scorza di 1 limone

IMG_20171003_164127

Preparazione:

In una ciotola montate con le fruste le 3 uova intere con lo zucchero ed il miele. Incorporate poco alla volta la farina ed il lievito setacciati, delicatamente per cercare di non smontare troppo il composto. A questo punto aggiungete anche il burro fuso, la scorza grattugiata di 1 limone, 5 gocce di aroma di mandorla ed un pizzico di sale. Amalgamate bene il tutto e versate l’impasto all’interno dello stampo leggermente imburrato. Io ho trovato uno stampo in silicone, comodissimo soprattutto al momento di rimuovere le madeleine dopo la cottura. Riempite per i 3/4 della capacità ogni singola formina. A questo punto riponete in frigorifero tutto lo stampo per almeno 1 ora. Trascorso il tempo necessario, infornate in forno già caldo a 220 gradi in modalità statica per i primi 5 minuti, poi proseguite la cottura abbassando la temperatura  a 180 gradi per altri 5 minuti. Essendo comunque dei dolcetti di dimensioni relativamente piccole il tempo di permanenza in forno è abbastanza corto. Sfornate e lasciate raffreddare. Davvero deliziose, una tira l’altra.

IMG_20171003_164239

Pan Brioche

IMG_20171003_171912

IMG_20171003_171949

IMG_20171003_171830

…ecco una ricetta molto semplice per la realizzazione del pan brioche, forse la preparazione lievitata più versatile in cucina, profumato & leggermente dolce, dalla consistenza morbida & soffice, che si può utilizzare al posto del pane, magari per colazione o merenda, perfetto sia in abbinamento di ingredienti dolci come confetture e marmellate che salati come salumi o formaggi. Si presta appunto ad accostarsi sia preparazioni dolci che salate, grazie al suo sapore molto neutro per la scarsa quantità di zucchero utilizzato. Quello che preferisco quando preparo il pan brioche è di gran lunga il meraviglioso profumo che esce dal forno durante la cottura. Morbidissimo, si conserva anche per giorni, se chiuso in  un sacchetto trasparente per alimenti, sempre che non finisca subito. Potete scegliere la forma che più gradite: brioche o  panini monoporzione oppure panbauletto utilizzando uno stampo rettangolare da plumcake, per poi tagliarlo a fette…

IMG_20171003_172122

IMG_20171003_172153

IMG_20171003_172249

Ingredienti:

  • 500 g farina 00
  • 25 g lievito di birra fresco
  • 50 g zucchero semolato
  • 150 ml latte
  • 3 uova
  • 100 g burro
  • 1 pizzico di sale

IMG_20171003_172223

IMG_20171003_172236

Preparazione:

In un’ampia ciotola versate la farina e lo zucchero, amalgamate velocemente e fate una fontana. Sciogliete il lievito di birra fresco nel latte intiepidito e versate il tutto al centro della fontana. Aggiungete al centro della fontana anche le uova leggermente sbattute. Iniziate ad impastare mescolando gli ingredienti al centro della fontana, aggiungete un pizzico di sale ed il burro che avrete lavorato un pò con le mani e fatto a tocchetti. Lavorate bene l’impasto fino ad ottenere un panetto morbido ed elastico, comunque appiccicoso. Lasciatelo nella ciotola a lievitare per almeno 1 ora fino a che l’impasto sarà raddoppiato di volume, coperto con un canovaccio. Se decidete di preparare un panetto unico che poi taglierete a fette, trasferite l’impasto in uno stampo da plumcake rettangolare, di circa 30 cm, che avrete rivestito con un foglio di carta forno oppure precedentemente imburrato. Coprite nuovamente e lasciate lievitare almeno per 1 altra ora fino a quando vedrete fuoriuscire l’impasto gonfio dalle pareti dello stampo. Prima di infornare il pan brioche, spennellate la sua superficie con 1 uovo sbattuto. Infornate in forno già caldo, in modalità statica a 180 gradi per circa 25/30 minuti. Sfornate e lasciate raffreddare il pan brioche prima di estrarlo dallo stampo, naturalmente tagliatelo a fette solo dopo che si sarà raffreddato. Potete anche realizzare il pan brioche sempre a forma di panetto ma formando 8/10 palline che poi disporrete in 2 file all’interno dello stampo da plumcake. In questo caso dopo la prima lievitazione, formate delle sfere dividento l’impasto in tanti pezzi e poi lavorandole con le mani. Disponete le sfere con la parte esteticamente meno perfetta rivolta verso il fondo dello stampo che avrete ricoperto con un foglio di carta forno oppure imburrato. Lasciate anche in questo caso nuovamente lievitare. Trascorso il tempo necessario, almeno 1 ora, quando l’impasto avrà raggiunto il bordo dello stampo, spennellate con 1 uovo sbattuto. Infornate e cuocete in modalità statica in forno già caldo a 180 gradi per circa 25/30 minuti. Sfornate e lasciate raffreddare prima tagliare a fette, oppure in questo caso potete staccare le singole parti che lo compongono a mo di panini. Oppure ancora potete formare una treccia o dividere l’impasto in tanti piccoli panini, in questo ultimo caso il tempo di cottura sarà necessariamente inferiore.

IMG_20171003_153913

IMG_20171003_160843

Se volete rendere il vostro pan brioche ancora più profumato potete aggiungere nell’impasto anche la scorza di 1 limone o di 1 arancia: provate!!!

IMG_20171003_171609

IMG_20171003_172311