Pesto di salvia & noci

pestosalvia2

pestosalvia3

il bello dell’estate sta anche nella possibilità di preparare condimenti veloci e semplici, senza cottura, con ingredienti freschi, provenienti direttamente dall’orto che sprigionano aromi e profumi intensi…con una spesa, in termini economici, di fatica e di tempo davvero irrisoria potete preparare tantissimi pesti, ogni giorno diversi per condire un primo di pasta: oggi ho scelto salvia & noci, per un gusto deciso e particolare…

pestosalvia5

pestosalvia6

pestosalvia7

Ingredienti:

  • 20 foglie salvia
  • 40 g noci
  • 1 spicchio aglio
  • 30/40 ml olio d’oliva
  • sale & pepe qb
pestosalvia1
ho scelto i garganelli in versione paglia & fieno da condire con questo pesto estivo…

Preparazione:

Lavate le foglie di salvia e tamponatele con della carta assorbente per eliminare l’acqua in eccesso. Trasferite le foglie assieme ai gherigli di noce, allo spicchio di aglio, in un mixer. Versate a filo l’olio ed azionate il mixer per pochi minuti fino a sminuzzare gli ingredienti, poi versate a filo altro olio per arrivare ad ottenere una consistenza cremosa. Quando si tratta di preparare un pesto, l’ideale sarebbe utilizzare il mortaio: provate e vi stupirete di quanto i sapori e gli aromi saranno più intensi!!! E’ naturale che per questioni di praticità e di tempo si utilizzi invece il mixer: in questo caso allora vi consiglio di utilizzare una velocità ridotta e di interrompere di tanto in tanto il funzionamento per cercare di evitare l’ossidazione degli ingredienti dovuta al surriscaldamento delle lame. Aggiustate di sale e pepe. Ecco pronto un pesto dal gusto deciso con cui condire una pasta magari integrale, dal sapore più rustico. Potete utilizzare questo pesto anche per insaporire secondi di carne o arricchire torte salate. Oggi ho deciso di condire un primo di pasta: i garganelli paglia & fieno, li ho serviti in vasetti di vetro monoporzione con un filo di olio a crudo e qualche gheriglio di noce.

Pesto di menta

pestomenta1

pestomenta3

…un pesto delizioso, freschissimo & profumato, ottimo per accompagnare ad esempio il pesce grigliato oppure gli arrosti di carne, un pesto alternativo, molto aromatico, facile & veloce da preparare che sicuramente potrà impreziosire molti dei vostri piatti estivi…

pestomenta4

pestomenta5

pestomenta8

Ingredienti:

  • 10 g foglie di menta
  • 40 g pinoli
  • 40/50 ml olio d’oliva
  • sale & pepe qb

Preparazione:

Lavate le foglioline di menta e poi tamponatele un poco con della carta assorbente in modo da eliminare le goccioline di acqua. Trasferite le foglie in un mixer assieme ai pinoli, al sale ed al pepe. Versate a filo l’olio ed azionate il mixer per pochi minuti fino a sminuzzare gli ingredienti, poi versate a filo altro olio per arrivare ad ottenere una consistenza cremosa. Quando si tratta di preparare un pesto, l’ideale sarebbe utilizzare il mortaio: provate e vi stupirete di quanto i sapori e gli aromi saranno più intensi!!! E’ naturale che per questioni di praticità e di tempo si utilizzi invece il mixer: in questo caso allora vi consiglio di utilizzare una velocità ridotta e di interrompere di tanto in tanto il funzionamento per cercare di evitare l’ossidazione degli ingredienti dovuta al surriscaldamento delle lame. Ecco il pesto è pronto: fresco & profumatissimo!!! Delicato se preparato con i pinoli, per un gusto un poco più deciso provate a sostituirli con le mandorle.

pestomenta6

pestomenta7

Pomodorini Confit

pomodoriniconfit4

pomodoriniconfit6

 

Ingredienti:

  • pomodorini ciliegini o datterini ben maturi
  • zucchero qb
  • sale qb
  • origano qb
  • timo qb
  • rosmarino qb

pomodoriniconfit5

Preparazione:

Lavate bene i pomodorini e tamponateli con della carta assorbente. Tagliateli a metà e sistemateli su una teglia rivestita di carta forno, avendo cura di posizionarli tutti con il lato tagliato rivolto verso l’alto. Cospargete tutti i pomodorini con dello zucchero e poi con un pizzico di sale. Cospargete anche con l’origano ed altre spezie fresche, quelle che preferite. Infornate a 140/150 gradi, meglio se in modalità ventilata. Cuocete per 1 h e mezza o 2, naturalmente il tempo di cottura varia un poco in base alla dimensione dei pomodorini, più piccoli saranno e più in fretta si cuoceranno. Sfornate e lasciateli raffreddare. Potete utilizzarli un pò dovunque, nei vostri piatti, sulla pasta, su focacce e pizze, per arricchire insalate, per farcire panini….. Se ne preparate in quantità, potete trasferirli in un vasetto di vetro ed aggiungere dell’olio, in questo modo poterete conservarli in frigorifero anche per qualche giorno.

pomodoriniconfit1
…pronti per essere infornati

pomodoriniconfit2

Pesto di zucchine

pestozucchine9

…finalmente sta per arrivare l’estate  e ci possiamo sbizzarrire con la fantasia, condire la pasta con verdure sempre diverse, fresche di stagione, colorate, gustose, profumate… Utilizzarle crude ci permette di gustarle al meglio senza alterare con la cottura tutte le proprietà benefiche dei micronutrienti in esse contenute…Oggi direttamente dall’orto ho raccolto delle belle zucchine verdi, un ciuffo di menta per una nota fresca, che in queste giornate calde è proprio l’ideale e poi aggiungo le mandorle: ecco pronto un pesto gustoso, sano e veloce da preparare!!!!

pestozucchine1

pestozucchine2

Ingredienti:

  • 200 g pasta secca (meglio un formato medio/corto)
  • 2 zucchine fresche
  • 50 g mandorle
  • foglie di menta qb
  • 1 spicchio di aglio
  • olio d’oliva qb
  • sale & pepe qb
pestozucchine4
io ho utilizzato una pasta trafilata in bronzo de La Fabbrica della Pasta di Gragnano
pestozucchine5
‘e Puntiglius, un formato bellissimo di una pasta secca di qualità

pestozucchine8

Preparazione:

Lavate e tagliate le zucchine eliminando la parte centrale bianca se in eccesso rispetto alla buccia (questo anche per cercare di ottenere un pesto di un bel colore verde). Io preferisco utilizzare le zucchine a crudo, per il gusto ed anche la texture finale che risulta più “croccante”. Comunque se preferite potete scottare le zucchine in un pentolino con acqua salata per una decina di minuti, evitando però di cuocerle troppo altrimenti si perderà un poco in gusto e colore. Quando si tratta di preparare un pesto l’ideale sarebbe utilizzare il mortaio: provate e vi stupirete di quanto i sapori ed i profumi saranno più intensi!!! E’ naturale che per questioni di praticità e di tempo si utilizzi il mixer: in questo caso allora, utilizzate una velocità ridotta ed interrompete di tanto in tanto per cercare di evitare l’ossidazione degli ingredienti dovuta al surriscaldamento delle lame. Se utilizzate il mixer versatevi le zucchine, 1 spicchio di aglio, le mandorle, alcune foglie di menta e l’olio d’oliva: quanto basta per riuscire ad ottenere un pesto cremoso ed omogeneo. Regolate di sale & pepe. Cuocete la pasta in abbondante acqua salata, scolatela un poco al dente e conditela con il pesto di zucchine. Servite con un filo di olio a crudo.

pestozucchine6

pestozucchine7

pestozucchine10

pestozucchine11

Vellutata di Barbabietola

barbabietola1
le barbabietole rosse sono ricche di antiossidanti ed hanno proprietà depurative e disintossicanti

barbabietola4

barbabietola2

Ingredienti:

  • 2 barbabietole rosse
  • 1 patata
  • brodo vegetale qb
  • 1 scalogno
  • olio qb
  • sale e pepe qb

Preparazione:

Tritate lo scalogno e fatelo appassire con un pò di olio. Intanto preparate le barbabietole e la patata: sbucciatele e tagliatele a tocchetti. Una volta appassito lo scalogno aggiungete nel tegame anche i tuberi già tagliati. Fate rosolare per qualche minuto e poi continuate a cuocere aggiungendo il brodo vegetale. Sfumate con il brodo finchè la polpa di barbabietola e patate non si sarà sufficientemente ammorbidita. Ora con il frullatore ad immersione frullate il tutto fino ad ottenere una crema vellutata. Se vi sembrerà troppo compatta potrete aggiungere ancora un pò di brodo vegetale. Aggiustate di sale e pepe e servite la vellutata calda. Per renderla ancora più appetitosa aggiungete una parte croccante in contrasto: perfetti dei crostini di pane aromatizzati con uno spicchio di aglio oppure della polenta tagliata a tocchetti saltata in padella.

barbabietola3
un colore irresistibile ed intenso…un sapore morbido e dolce…

Con questa ricetta partecipo al contest “In forma con gusto” di Una Famiglia in Cucina

http://unafamigliaincucina.it/

Risultati immagini per banner contest in forma con gusto

Vellutata di asparagi

…gli asparagi, un altra miniera di nutrienti benefici: fibre vegetali, acido folico, vitamine e sali minerali, risultano inoltre molto utili per favorire la depurazione dell’organismo…

vellutataasparagi3

vellutataasparagi4

Ingredienti:

  • 500 g asparagi
  • qualche cipollina
  • 1 patata
  • brodo vegetale qb (200/300 ml)
  • olio d’oliva qb
  • sale & pepe qb
  • mandorle in scaglie qb

vellutataasparagi1

Preparazione:

Sbucciate la patata e tagliatela a tocchetti. Pulite, lavate bene gli asparagi avendo cura di eliminare la parte più bianca e dura del gambo e tagliateli a pezzetti. Tritate le cipolline e mettetele sul fuoco in una casseruola con un pò di olio. Fatele imbiodire e poi aggiungete sia la patata che gli asparagi. Mescolate bene e fate insaporire per qualche minuto. Versate il brodo vegetale e lasciate sul fuoco per almeno 15/20 minuti. Per la quantità di brodo vegetale da utilizzare potete regolarvi secondo il vostro gusto: se preferite una vellutata più densa ne utilizzerete meno oppure il contrario. Con il frullatore ad immersione riducete in purea le verdure fino ad ottenere un composto vellutato ed omogeneo. Aggiustate di sale & pepe. Servite la vellutata calda con un filo di olio a crudo. Se preferite potete aggiungere a fine cottura anche un pò di panna vegetale, oppure qualche nota croccante con pezzi di frutta secca o ancora crostini di pane tostati. Io ho aggiunto delle mandorle in scaglie.

Vellutata di piselli

vellutatapiselli1

vellutatapiselli3

…è primavera…si vede anche sui banchi ortofrutta dei supermercati, un esplosione di colori & di profumi!!! Oggi ho scelto il verde brillante dei pisellini per preparare una crema dolce, delicata e vellutata che piacerà a grandi & piccini!!! Nelle giornate un pò più fredde come oggi, ho ancora voglia di qualcosa di caldo ed una vellutata è perfetta per riscaldarmi e fare un carico di vitamine ed antiossidanti naturali che possiamo trovare solo nella frutta e verdura di stagione, ancora meglio se a km 0 e proveniente dalle campagne circostanti: perchè, come dice la mia piccola saggia Sara “ogni occasione è perfetta per evitare di fare inquinamento”, poichè una minor distanza di distribuzione comporta risparmi nel processo di trasporto dei prodotti anche in termini di inquinamento….

vellutatapiselli6

vellutatapiselli5

vellutatapiselli4

Ingredienti:

  • 400 g pisellini freschi già sgranati
  • mezza cipolla
  • brodo vegetale qb (200/300 ml)
  • olio d’oliva qb
  • sale & pepe qb

Preparazione:

Tritate la cipolla e mettetela sul fuoco in una casseruola con un pò di olio. Fatela imbiodire e poi aggiungete i pisellini freschi. Mescolate bene e lasciate sul fuoco per circa 5 minuti. Versate il brodo vegetale, mescolate e lasciate sul fuoco per almeno 15/20 minuti. Per la quantità di brodo vegetale da utilizzare potete regolarvi secondo il vostro gusto: se preferite una vellutata più densa ne utilizzerete meno oppure il contrario. Con il frullatore ad immersione riducete i piselli fino ad ottenere un composto vellutato ed omogeneo. Aggiustate di sale & pepe. Servite calda con un filo di olio a crudo. Se preferite potete aggiungere a fine cottura anche un pò di panna vegetale, oppure qualche nota croccante con pezzi di frutta secca o ancora crostini di pane tostati.

“ con questa ricetta partecipo al contest al km 0 organizzato da Batuffolando ricette, I biscotti della zia e un’arbanella di basilico “.

Melanzane ripiene

…e mulignane ‘mbuttunate…

si tratta di un contorno totalmente vegan, in cui ho accostato dei tipici sapori mediterranei: melanzane, pomodorini, basilico, fragranze & colori che mi ricordano le vacanze estive che solitamente passiamo  a Napoli ed altri sapori che invece io associo alle mie campagne romagnole come i funghi, il cavolo, l’accostamento zucca e patate e per finire un tocco esotico con l’avocado. Ho utilizzato per la farcia, oltre a tante verdure gustose e colorate un altro ingrediente che di frequente si utilizza nella cucina partenopea: il grano, proprio quello che si usa per la preparazione della pastiera, perfetto in questo caso anche per una ricetta salata!!

mulignane4

Ingredienti:

  • 4 melanzane
  • 1 confezione grano precotto per pastiera
  • 200 g funghi misti
  • 1 patata
  • 100 g zucca
  • 200 g cavolo viola
  • mezza cipolla rossa
  • 100 g pomodorini
  • mezzo avocado
  • olio d’oliva qb
  • sale e pepe qb
  • 1 spicchio d’aglio
  • erbe aromatiche (prezzemolo,basilico,rosmarino)
  • peperoncino

Preparazione:

Iniziate con le melanzane: lavatele, tagliate il gambo e tagliatele a metà nel senso della loro lunghezza. Scavate un poco al loro interno per rimuovere la polpa e creare lo spazio per inserire il ripieno. Non gettate la polpa ma riponetela in un colino per perdere la polpa in eccesso. Sistemate le melanzane in un piatto e salatele in superficie. Prendete la polpa e tagliatela a dadini, trasferitela in una padellina e fatela rosolare con un filo di olio ed 1 spicchio di  aglio. Aggiungete anche il grano precotto, mescolate e aggiustate di sale e pepe. Mantenete sul fuoco fino a quando la polpa di melanzana non sarà cotta. A questo punto trasferite le melanzane su di una teglia rivestita di carta forno, passate sulla polpa, al loro interno 1 spicchio di aglio per aromatizzarle leggermente. Versate al loro interno la farcia di polpa e grano saraceno appena preparata. Ora non vi rimane che dedicarvi alle verdure: sbucciate e tagliate a listarelle sottili la zucca e la patata, sistematele sopra al ripieno di 2 melanzane cercando comunque di incorporarle un poco alla farcia per amalgamare meglio i sapori. Pulite i funghi e tagliateli a fettine sottili, sistemateli sopra al ripieno di altre 2 melanzane. Tagliate il cavolo, solo le cimette e mezza cipolla a fettine sottili, sistemateli sopra ad altre 2 melanzane. Rimangono solo i pomodorini: lavateli e tagliateli a metà, poggiateli sulle ultime 2 melanzane rimaste. Queste ultime 2 poi si finiranno di farcire con alcune fettine di avocado e qualche foglia di basilico dopo la cottura. Condite con un filo di olio, sale e pepe. Aggiungete un pò di prezzemolo tritato sui funghi, qualche rametto di rosmarino sopra zucca e patate. Se vi piace aggiungete anche un pò di peperoncino piccante. Infornate in forno già caldo, modalità statica, a 180 gradi per circa 30 minuti. Sfornate e decorate con qualche foglia di basilico e le fettine di avocado sulle melanzane con i pomodorini. Potete scegliere di servirle ancora calde oppure anche fredde in occasione di aperitivi e brunch.

mulignane1
fate rosolare la polpa delle melanzane…
mulignane2
…aggiungete il grano precotto
mulignane3
…sopra la farcia di grano sistemate le verdure

Zuppa di farro & fagioli borlotti

…il farro è sicuramente uno dei cereali più antichi utilizzati dall’uomo, è stato un alimento di base per innumerevoli popolazioni del Medio Oriente e del Nord Africa: Assiri & Egizi. Diffuso e largamente coltivato anche fra i Greci ed i Romani… Rispetto agli altri cereali, possiede maggiori proprietà nutrizionali: ricco di vitamina B e di proteine, che fra l’altro regalano un immediato senso di sazietà dopo l’assunzione; ha un basso contenuto in grassi ma alto di sali minerali, e fibre insolubili che favoriscono il regolare lavoro dell’intestino.    In commercio si trova in versione “brillato e perlato” cioè con chicchi grossi con striature biancastre, che non richiede ammollo e si cuoce velocemente, oppure in versione “integrale decorticato” che conserva la pellicola esterna del chicco: la glumetta ed in questo caso è necessario lasciarlo a bagno per almeno una notte prima di cucinarlo. E’ utile sapere che il farro va pulito a dito, cioè passando i chicchi fra le mani per eliminare le impurità e poi lavato sotto l’acqua corrente per eliminare le scorie rimaste. Il farro si consuma lessato, cioè cotto in abbondante acqua salata: si deve considerare circa il doppio dell’acqua rispetto alla quantità del cereale. Se si sceglie il farro brillato e perlato la cottura è di circa 30/40 minuti, mentre invece se si sceglie quello integrale decorticato è necessaria circa 1 h per la cottura e come già scritto è necessario anche l’ammollo. Ha un gusto relativamente neutro e quindi si sposa bene con molti sapori diversi, si abbina con moltissime verdure, si può accostare con altri cereali e con tutti i legumi. Si può utilizzare per zuppe e minestre oppure lessato e freddo è perfetto anche per insalate. In commercio si trova anche la farina che è un’ottima alternativa alla farina di grano, soprattutto per preparazioni dolci: torte e biscotti o preparazioni salate: pane e focacce. Si tratta di una farina più digeribile della farina 00, è meno calorica ed ha un glutine più facilmente attaccabile dal nostro sistema digerente.

farro1
chicchi di farro perlato

Ingredienti:

  • 200 g farro perlato
  • 300 g fagioli borlotti
  • brodo vegetale qb (2 lt circa)
  • 1 carota
  • 1 gambo sedano
  • 1 cipolla
  • erbe aromatiche: qualche foglia di salvia, 1 rametto rosmarino
  • 5/6 pomodorini
  • olio extravergine di oliva qb
  • sale & pepe qb
farro9
…buonissimi i fagioli borlotti de “le conserve della nonna”

farro10

Preparazione:

Se decidete di utilizzare i fagioli borlotti secchi, metteteli a bagno la sera prima in abbondante acqua salata. L’indomani scolateli e risciaquateli. Lavate anche il farro perlato. Tritate la cipolla , la carota ed il sedano e fateli soffriggere insieme a poco olio in una casseruola. Io per comodità utilizzo il dado vegetale per soffritto congelato che mi prepararo in casa: ne uso 2 cubetti. Quando si saranno rosolati aggiungete i pomodorini tagliati a metà e le erbe aromatiche sminuzzate. Aggiungete i fagioli borlotti ed il farro. Versate abbondante brodo vegetale (approssimativamente 2 litri) e fate cuocere a fuoco basso per circa 40 minuti. Mescolate di tanto in tanto. Aggiustate di sale & pepe. La zuppa dovrà diventare cremosa. Servite con un filo di olio a crudo e se gradite un pò di piccante…peperoncino!!!!

farro3
quando il soffritto rosolato, aggiungete pomodorini ed erbe aromatiche…
farro2
…aggiungete il farro
farro4
…poi i fagioli
farro7
…servite con un filo di olio a crudo
farro8
…un idea simpatica??? servite in vasetti di vetro….

Dado vegetale fatto in casa

 

Zuppa di riso lenticchie & bietole

…cosa c’è di meglio di una zuppa fumante in una grigia giornata nebbiosa??? C’è solo l’imbarazzo nella scelta fra cereali & legumi, certe volte invece mi capita che oltre alla fantasia ed alla voglia di sperimentare sempre nuovi accostamenti, vinca invece la pigrizia di non uscire di casa, quindi apro la dispensa ed il frigorifero e scelgo di utilizzare proprio quello che ho già in casa, ma devo ammettere che in molti casi il risultato è vincente…questo è uno di quei casi: in dispensa una confezione a metà di riso ntegrale e delle lenticchie verdi e rosse decorticate, nel frigorifero delle bellissime bietole colorate, che è quasi un peccato utilizzare, ma ancora più peccato invece non utilizzare!!! Qualche pomodorino ….E questo è il mio consiglio: provate sempre a sperimentare ed utilizzare quello che avete in casa, perchè è bello e dà soddisfazione e soprattutto in questo modo  eviterete gli sprechi e potrete riciclare gli avanzi…

bietole8

Ingredienti:

  • 200 g fra riso e lenticchie
  • 1/2 mazzetti di bietola
  • qualche pomodorino
  • aglio qb
  • sale & pepe qb
  • olio extravergine d’oliva qb
  • brodo vegetale qb

bietole3bietole4

Preparazione:

Iniziate con le verdure, lavate bene la bietola e tagliatela grossolanamente, lavate anche i pomodorini e tagliateli a metà. In una casseruola fate rosolare qualche spicchio di aglio con un filo di olio. Versate il riso e le lenticchie e fate tostare per qualche minuto. Mescolate. Aggiungete tanto brodo vegetale quanto basta per ricoprire il tutto. Versate anche i pomodorini e le bietole. Mescolate bene il tutto e cuocete a fiamma bassa. Aggiustate di sale e pepe. Se in cottura la zuppa si restringerà troppo aggiungete altro brodo vegetale. Servite calda fumante con un filo di olio a crudo, anche piccante se preferite. Potete anche aggiungere del parmigiano. Oppure servite con qualche fetta di pane tostato aromatizzato con uno spicchio di aglio.

bietole5
riso & lenticchie a tostare per qualche minuto
bietole6
pomodorini & bietole