Pennette ricotta e limone

pennette7

pennette8

pennette9

Un primo dai sapori e dalle fragranze fresche, spicca fra tutti il limone profumatissimo, presente come ingrediente della pasta secca ma anche nel condimento assieme alla ricotta. Una pasta servita in pratici ed originali vasetti in vetro, su una base di fresella e pomodorini gialli gourmet La Fiammante. Un pizzico di rosmarino ed aglio per aromatizzare et voilà…

pennette1
Pennette lisce al limone de La Fabbrica della Pasta di Gragnano

pennette2

pennette4

Ingredienti:

  • 200 g di Pennette lisce al limone de La Fabbrica della Pasta di Gragnano
  • 150 g ricotta fresca
  • 1 limone
  • olio d’oliva qb
  • sale & pepe qb
  • 1 fresella
  • 200 g Pomodorini gialli Gourmet La Fiammante
  • rosmarino qb
  • 1 spicchio di aglio

pennette12

Preparazione:

Prendete la fresella e mettetele in ammollo qualche minuto in acqua fredda, intanto nel mixer versate i pomodorini gialli, 1 spicchio di aglio e qualche foglia di rosmarino,un filo d’olio d’oliva, poi aggiungete anche la fresella ormai ammorbidita, frullate. Aggiustate di sale e pepe e versate il composto sul fondo del vasetto di vetro che userete come contenitore monopersona per servire le pennette. Ora dedicatevi al condimento a base di ricotta e limone, mentre aspettate che bolla l’acqua per la pasta. In una ciotola iniziate a lavorare la ricotta fresca, aggiungete la scorza di mezzo limone, sale e un pizzico di pepe, un filo di olio. Continuate a lavorare fino ad ottenere un composto cremoso ed omogeneo, se necessario aggiungete un pò di acqua di cottura della pasta per allungare la crema di ricotta in caso vi rimanga troppo densa. Cucinate le pennette e scolatele un poco al dente. Conditele con la crema di ricotta al limone e trasferitele nei vasetti di vetro sopra alla base di fresella e pomodorini. Decorate con qualche pomodorino e rosmarino. Un filo d’olio a crudo e un pizzico di sale e pepe.

pennette3

pennette5
nel mixer la fresella “spugnata” & i pomodorini gialli….

pennette10

pennette11

Con questa ricetta partecipo al Contest “Pomorosso d’Autore” ricette di pasta      realizzato da MySocialRecipe in collaborazione con La Fiammante e la Fabbrica della Pasta di Gragnano

http://www.mysocialrecipe.com/contest/pomorosso-dautore/ricette-di-pasta-2017/

https://www.lafiammante.it/

http://www.lafabbricadellapastadigragnano.it/

Ricette di Pasta 2017

Sole di Capri in terra di Romagna

solecapri5

…un piatto che nasce dalla contaminazione fra due terre di sole e di mare, la Campania con i suoi colori e aromi che sanno appunto di sole caldo, di mare, di vacanze e la Romagna anch’essa rappresentata da gusti decisi, con ingredienti semplici e genuini…Fagioli & cozze: un’accostamento tipico della cucina napoletana, un condimento ricco e gustoso che esalta ed avvolge la pasta e che unisce sapori di mare e di terra…Squacquerone & rucola: un connubio vincente in romagna, utilizzato soprattutto per farcire la piadina, un formaggio fresco dal gusto acidulo che si sposa a perfezione con il sapore amarognolo della rucola…L’unione di questi due abbinamenti in un primo di pasta, dal formato meraviglioso, racchiude in un solo piatto due culture culinarie ricche di storia e tradizioni….

solecapri2
il Sole di Capri, un bellissimo formato monoporzione della Fabbrica della Pasta di Gragnano

solecapri3

 

solecapri4

Ingredienti: (per 2 persone)

  • 2 sole di Capri
  • 100 g fagioli cannellini
  • 100 g cozze
  • 250 g squacquerone
  • 200 g rucola
  • 50 g di pomodorini il Corbarino La Fiammante
  • aglio e prezzemolo qb
  • olio d’oliva qb
  • sale & pepe qb

solecapri8

solecapri1

Preparazione:

Lavate bene le cozze e fatele aprire con uno spicchio di aglio, prezzemolo e olio, in un tegame con coperchio a fuoco vivace. Preparate un trito con altro prezzemolo ed uno spicchio di aglio e fatelo soffriggere con un filo di olio, aggiungete i fagioli e fateli rosolare per una decina di minuti, incorporate anche i pomodorini, infine aggiungete anche qualche cucchiaio del liquido di cottura delle cozze, ma solo dopo averlo filtrato per eliminare eventuali residui di sabbia. Al termine frullate il tutto nel mixer fino ad ottener un composto cremoso a cui poi aggiungere anche le cozze già pulite. Aggiustate di sale & pepe. Prendete la rucola, lavatela accuratamente e mettetela nel mixer con unpò di olio d’oliva, sale & pepe, frullate fino ad ottenere un pesto dalla texture abbastanza liscia. In una ciotola lavorate con una frusta lo squacquerone per ottenere anche in questo caso un composto cremoso ed omogeneo, se necessario aggiungete un filo di olio. A questo punto cuocete la pasta in abbondante acqua salata. Predisponete sul piatto di portata prima la crema di scquacquerone, poi uno strato di pesto di rucola. Scolate la pasta e posizionatela sopra al pesto, poi condite con la crema di fagioli e cozze. Servite con un filo di olio a crudo.

solecapri6

Con questa ricetta partecipo al Contest “Pomorosso d’Autore” ricette di pasta      realizzato da MySocialRecipe in collaborazione con La Fiammante e la Fabbrica della Pasta di Gragnano

http://www.mysocialrecipe.com/contest/pomorosso-dautore/ricette-di-pasta-2017/

https://www.lafiammante.it/

http://www.lafabbricadellapastadigragnano.it/

Ricette di Pasta 2017

 

Caccavelle 4 stagioni

Le Caccavelle della Fabbrica della Pasta di Gragnano

Si tratta di un formato di pasta molto grande, la sua forma è quella di un pentolino: la “caccavella” in napoletano. Si presta appunto per la sua forma ad essere utilizzata con una abbondante farcitura, “imbottitura” per l’esattezza, sempre in napoletano. Si cucina sostanzialmente in 2 tempi: prima si fa scottare in acqua salata, poi si farcisce ed infine si termina la cottura in forno.

caccavella1

Ho ricevuto in omaggio una confezione da 4 caccavelle, davvero molto belle, la prima cosa a cui ho pensato guardandole sono state le stagioni, una associazione forse un pò scontata, ma questa idea di farcire ogni caccavella con prodotti ed ingredienti tipici di ogni stagione mi ha proprio folgorato e soprattutto la voglia di accostare colori & sapori legati ai diversi periodi dell’anno mi ha portato al supermercato di volata. Quindi ho cercato di realizzare un candido e bianco inverno con una farcia di finocchio e cavolfiore, una vellutata besciamella e delle mandorle a scaglie. Una primavera tutta verde: pisellini, fave, asparagi & carciofi freschi, qualche cipollina e tanta ricotta, una decorazione con fiori di malva, perchè che primavera è senza neanche un fiore?? Un’estate che sa di sapori e profumi del sud: melanzane, conserva di pomodoro, provola, con qualche pomodorino confit e tanto basilico fresco. Ed infine un autunno con tutti i colori delle foglie che cadono: gialle come i pomodorini, arancioni come la zucca e marroni come i funghi porcini, con una solverata di profumato curry.

caccavella13
…una nevicata di mandorle in scaglie per l’inverno
caccavella12
…fiori di malva in primavera
caccavella9
…basilico fresco sull’estate
caccavella10
…una spolverata di curry per l’autunno

Ingredienti:

  • 4 caccavelle della Fabbrica di Gragnano
  • olio d’oliva qb
  • sale qb

…per la caccavella d’inverno…

  • 125 g besciamella
  • 100 g finocchio
  • 100 g cavolfiore
  • cannella in polvere qb
  • 30 g mandorle a scaglie

…per la caccavella di primavera…

  • 100 g ricotta
  • mezzo carciofo
  • 2 asparagi
  • 50 g fave fresche
  • 50 g pisellini freschi
  • 1 cipollina fresca
  • prezzemolo tritato qb
  • fiori di malva qb

…per la caccavella d’estate…

  • 100 g passata pomodoro La Fiammante
  • 1 melanzana
  • 80 g provola
  • 4/5 pomodorini a grappolo freschi
  • basilico fresco qb
  • zucchero a velo qb

…per la caccavella d’autunno…

  • 100 g besciamella
  • 100 zucca
  • 80 g porcini freschi
  • qualche pomodorino giallo linea gourmet la Fiammante
  • curry in polvere qb
  • rosmarino qb

Per questa ricetta ho utilizzato prodotti di qualità, eccellenze del made in Italy: la storica produzione di conserve alimentari La Fiammante, prima filiera chiusa di pomodoro 100% italiano al sud e La Fabbrica della Pasta di Gragnano, il primo pastificio ad aver ottenuto il riconoscimento “Pasta di Gragnano I.G.P.”, grande tradizione che si affianca ad una lavorazione rigorosamente artigianale. Pasta e pomodoro sono da sempre gli ambasciatori del gusto italiano nel mondo, interpreti della grande tradizione artigianale e della straordinaria creatività in cucina di un intero popolo: una gioiosa celebrazione di bellezza e salute che va avanti da 200 anni, tra memoria ed innovazione.

caccavella7

Preparazione:

Per prima cosa sbollentate le caccavelle: mettete a bollire in una pentola di grandi dimensioni acqua e sale. Quando l’acqua bolle calate le caccavelle e fate cuocere pre circa 10 minuti, durante la cottura giratele di tanto in tanto, delicatamente per evitare di romperle. Trascorso il tempo necessario togliete le caccavelle dall’acqua con la schiumarola e fatele scolare capovolte su di un canovaccio. A questo punto iniziate con la preparazione delle farciture. Per quanto riguarda l’inverno: lessate in acqua il cavolfiore ed il finocchio, scolteli ancora croccanti e tagliateli a piccoli pezzi. Amalgamate il cavolfiore ed il finocchio con la besciamella, condite con un filo d’olio, un pizzico di cannella in polvere ed aggiustate di sale. Farcite la prima caccavella fino quasi all’orlo. Per la primavera, fate scottare in acqua salata mezzo carciofo, che avrete già tagliato a fette e mantenuto in acqua e limone, 2 asparagi, i pisellini e le fave fresche. Anche queste verdurine lasciatele un poco croccanti ed amalgamatele con la ricotta, condite con un filo d’olio, un pizzico di prezzemolo tritato finemente e qualche fetta di cipolla che avrete fatto soffriggere in padella con un filo di olio. Farcite anche la seconda caccavella. Per la caccavella dell’estate preparate una sorta di parmigiana, fate saltare in padella con dell’olio d’oliva mezza melanzana tagliata a fette. Intanto fate cuocere in forno qualche pomodorino condito con sale olio, qualche spezia di vostro gradimento ed una manciata di zucchero a velo. Farcite la caccavella con strati alterni di passata di pomodoro, melanzane e la provola tagliata a fettine sottili. Guarnite con qualche pomodorino confit. Infine per la caccavella dell’autunno fate velocemente cuocere in forno la zucca tagliata a listarelle sottili. Intanto fate saltare in padella con un pò di olio il fungo porcino tagliato a fette sottili. Amalgamate i funghi, la zucca, qualche pomodorino giallo con un pò di besciamella, aggiustate di sale, condite con un filo d’olio e qualche rametto di rosmarino. Trasferite le caccavelle su una teglia rivestita di carta forno e cuocete in forno già caldo a 180 gradi per circa 20 minuti. Sfornate e servite ancora calde: guarnite la caccavella d’inverno con delle mandorle a scaglie, decorate la caccavella di primavera con qualche fiore di malva, aggiungete a quella dell’estate foglie di basilico fresco e cospargete quella d’autunno con una spolverata di curry.

Ecco le caccavelle pronte per essere infornate:

caccavella2
…candido inverno
caccavella3
…verde primavera
caccavella5
…un’estate dai profumi del sud
caccavella4
…caldo autunno

Con questa ricetta partecipo al Contest “Pomorosso d’Autore” ricette di pasta      realizzato da MySocialRecipe in collaborazione con La Fiammante e la Fabbrica della Pasta di Gragnano

http://www.mysocialrecipe.com/contest/pomorosso-dautore/ricette-di-pasta-2017/

https://www.lafiammante.it/

http://www.lafabbricadellapastadigragnano.it/

Ricette di Pasta 2017

Pastiera

pastiera8

…la pastiera napoletana è un dolce della tradizione partenopea, originariamente tipico del periodo pasquale, ma che oramai si trova tutto l’anno nelle vetrine di ogni pasticceria napoletana…si tratta di un dolce di pasta frolla con un ripieno a base di grano & ricotta, dal profumo intenso e meraviglioso di fiori d’arancio…

…ogni famiglia si tramanda di madre in figlia una propria ricetta dalla storia antica: quindi ne esistono svariate versioni, correlate di trucchi e segreti per ottenere un risultato perfetto. In linea di massima, l’ingrediente cardine è il grano, che originariamente veniva utilizzato crudo: oggi si trovano in tutti i supermercati le confezioni di grano precotto. C’è chi dice che la ricotta più giusta è quella di pecora, più saporita e chi utilizza ancora lo strutto che invece ora si può sostituire con il burro. Altre annose problematiche riguardano l’utilizzo dei canditi e degli aromi che a volte non incontrano il gusto di tutti: io personalmente trovo che sia l’essenza di fiori d’arancio, la cannella ed i canditi siano meravigliosamente indispensabili per regalare alla pastiera quel profumo e quegli aromi che solo in questo dolce si possono ritrovare!!!

pastiera9

 

 

pastiera6

Ingredienti: (per preparare 1 pastiera da 1,300 g  ideale per uno stampo di 22 cm di diametro)

….per la pasta frolla…

  • 250 g farina
  • 100 g zucchero a velo
  • 125 g burro
  • 2 tuorli d’uovo
  • scorza di limone

…per il ripieno…

  • 400 g grano precotto
  • 50 ml latte
  • 15 g burro
  • 350 g ricotta
  • 300 g zucchero semolato
  • 4 uova
  • 1 limone
  • 1 arancia
  • 1 bustina essenza vanillina
  • 1 fialetta essenza fiori d’arancia
  • 3 g cannella in polvere
  • 20 g macedonia candita
  • zucchero a velo qb

pastiera1

pastiera2

pastiera3
il grano precotto…

Preparazione:

Iniziate preparando la frolla: mescolate farina e burro ancora freddo fino ad ottenere un composto simil sabbioso. Aggiungete poi i 2 tuorli d’uovo, lo zucchero a velo e la scorza grattugiata di un limone. Impastate fino ad ottenere un composto liscio ed omogeneo. Formatene un panetto ed avvolgetelo nella pellicola trasparente. Riponetelo in frigorifero per almeno mezz’ora. Intanto preparate il ripieno.

Versate il grano precotto in un tegame ed aggiungete il latte, il burro e la scorza di un limone e di 1 arancia. Mettete sul fuoco, a fiamma bassa, e cuocete per 20 minuti circa mescolando spesso. Trascorso il tempo necessario togliete dal fuoco, eliminate le scorze degli agrumi e lasciate raffreddare. In una ciotola amalgamate bene la ricotta setacciata, per evitare il formarsi dei grumi con lo zucchero. Aggiungete le 2 uova intere e i 2 tuorli, avendo cura di incorporarne 1 alla volta. Poi incorporate gli aromi: la vanillina, la cannella e l’essenza di fiori d’arancio. A questo punto versate anche i canditi. Ed in ultimo, quando la crema di grano si sarà raffreddata, amalgamate fra loro i 2 composti.

Stendete la frolla con il mattarello e foderate lo stampo mantenendo da parte una piccola quantità di frolla, poco meno di 1 terzo da utilizzare per la decorazione finale. Lo stampo per un risultato ottimale deve essere necessariamente di alluminio con il bordo obliquo: queste 2 caratteristiche dello stampo regalano l’aspetto tradizionale alla pastiera e la giusta umidità del ripieno. Dopo aver foderato lo stampo, bucherellate il fondo con una forchetta e versate il ripieno. Rifinite la pastiera con la classica decorazione finale a strisce orizzontali e verticali incrociate. Infornate in modalità statica a 150/160 gradi per circa 1 ora e 40/45 minuti: la pastiera va cotta a lungo e lentamente, per una cottura ottimale del ripieno e per ottenere una frolla dorata e non bruciata. Sfornate e lasciate raffreddare sempre dentro il suo stampo. Cospargete di zucchero a velo. E’ importante preparare la pastiera almeno 2 giorni prima: questo è indispensabile perchè gli aromi ed i profumi si assestino insieme, in questo arco di tempo non toccate la pastiera, conservatela a temperatura ambiente, in luogo fresco ed asciutto…la potete solamente ammirare ed annusare!!!!!

pastiera4
pronta per essere infornata….

Roccocò

…i Roccocò sono dei biscotti tipici della tradizione natalizia partenopea, hanno la caratteristica forma di ciambelline schiacciate, dalla consistenza abbastanza dura, non mancano mai in una tavola napoletana durante il periodo delle feste….ma oramai si trovano in vendita in ogni periodo dell’anno: croccanti e profumati, con un impasto impreziosito dalle mandorle, dalla scorza d’arancia e dal “pisto” che non è altro che un misto di spezie….

rococo2

rococo3

Ingredienti:

  • 500 g farina
  • 200 g zucchero semolato
  • 350 g mandorle
  • 1 uovo
  • 100 g miele
  • 1 arancia biologica (la scorza)
  • 5 g ammoniaca in polvere per dolci
  • 20 g spezie in polvere: cannella, chiodi di garofano, anice stellato, noce moscata
  • un pizzico di sale
  • 125 ml acqua

Preparazione:

Tostate velocemente in forno, su una teglia rivestita di carta forno le mandorle facendo attenzione che non si brucino. Mantenetene da parte un quarto circa che serviranno per la decorazione finale e le altre riducetele in granella abbastanza fine con il mixer. In planetaria oppure in una ciotola iniziate a lavorare la farina setacciata con lo zucchero, il miele, la granella di mandorle, l’ammoniaca, le spezie in polvere, la scorza grattugiata di un’arancia ed un pizzico di sale. Aggiungete a filo l’acqua e continuate ad impastare fino a quando non otterrete un composto liscio ed omogeneo e sicuramente anche abbastanza duro. Ora dividete l’impasto in tante parti ed iniziate a formare dei salsicciotti lunghi e stretti che poi chiuderete per formare una sorta di ciambellina. Approssimativamente con un diametro di circa 10 cm. Rivestite una teglia con della carta forno e trasferitevi sopra tutti i roccocò. Con le mandorle tostate intere rimaste, decorate i biscotti, inserendole delicatamente nell’impasto sopra la superficie. In ultimo spennellate tutti i roccocò con un tuorlo sbattuto. Infornate e cuocete in forno statico a 180 gradi per 15/20 minuti. Sfornateli e lasciateli raffreddare. Questi come molti altri, sono dei biscotti che sicuramente il giorno seguente la preparazione sono ancora più buoni.

Pizza di scarola

…la pizza di scarola è una torta rustica salata, tipica della cucina tradizionale partenopea, anche in questo caso esistono diverse versioni riguardo gli ingredienti che compongono il ripieno, ma fondamentalmente è a base di insalata scarola, olive nere, capperi e pinoli. C’è chi arricchisce aggiungendo anche un pò di uvetta sultanina o di acciughe. L’involucro che racchiude questo ripieno gustoso & saporito è costituito da una pasta lievitata, io vi propongo di preparare la pizza di scarola utilizzando la pasta brisè: una versione certamente non tradizionale ma comunque gustosa e di fatto molto più semplice & veloce da preparare…..

scarola5
pizza di scarole con pasta lievitata

scarola6

 

Ingredienti:

  • 2 rotoli di pasta brisè rotondi
  • 1 scarola
  • 150 g olive nere
  • 50 g capperi
  • 50 g pinoli
  • 2 spicchi di aglio
  • sale & pepe qb
  • olio d’oliva qb

scarola1

Preparazione:

Lavate pulite e tagliate la scarola. Intanto in una padella fate tostare i pinoli. In una casseruola abbastanza grande fate soffriggere gli spicchi d’aglio con un pò di olio. Quando l’aglio si sarà dorato aggiungete anche le olive i capperi ed i pinoli che avevate fatto tostare. Lasciate insaporire per qualche minuto. In un altra padella lasciate soffriggere la scarola lavata e scolata con un filo di olio, coprite con il coperchio per farla appassire, girate di tanto in tanto e lasciate sul fuoco per almeno 15 minuti. Al termine cottura togliete il coperchio ed alzate la fiamma per eliminare tutta l’umidità. Aggiustate di sale e amalgamate la scarola con le olive, capperi e pinoli.

scarola4
olive nere, capperi & pinoli…
scarola2
fate appassire la scarola…
scarola3
mescolate il tutto…

Lasciate raffreddare. Intanto rivestite una teglia a cerchio apribile con carta forno. Rivestitela con un rotolo di pasta brisè rotondo. Se preferite potete utilizzare anche stampi di piccole dimensioni per realizzare tante piccole pizzette di scarola. Bucherellate con una forchetta il fondo della brisè. Versate il ripieno. Con l’altro rotolo di pasta brisè ricavate i cerchi per ricoprire tutte le pizzette. Cercate di rifinire la bordatura al meglio, premendo la psta con le dita per evitare che si apra in cottura. Cuocete in forno statico per circa 40 minuti, iniziate la cottura con una temperatura di 200 gradi poi se vedete che la pasta tende a colorarsi troppo portate a 180 gradi. Sfornate e lasciate raffreddare prima di servire.

scarola7
rivestite gli stampini e bucherellate il fondo poi farcite con il ripieno
scarola9
ricoprite con altra pasta brisè

Insalata di rinforzo

…l’insalata di rinforzo è un piatto tipico della tradizione natalizia napoletana, che non manca mai nella tavola imbandita del cenone della Vigilia e nel giorno di Natale…naturalmente esistono moltissime varianti ma rimane indiscusso e indispensabile l’utilizzo di un ingrediente: le “papaccelle” che sono i tipici peperoni rossi & tondi…esistono anche diverse versioni riguardanti l’etimologia , alcuni dicono che questa insalata viene preparata per il cenone della vigilia di Natale e poi nei giorni successivi venga “rinforzata” per reintegrare il consumato fino alla vigilia di Capodanno, altri sostengono che questa insalata venga preparata per rinforzare il pasto, caso mai fossero insufficienti le altre portate, ma vi garantisco che il Cenone della Vigilia a Napoli non ha assolutamente bisogno di alcun rinforzo.. altri infine legano la definizione rinforzo all’utilizzo dell’aceto per condirla e rafforzare il sapore degli ingredienti…

insalatarinforzo1
direttamente dalla Pignasecca pappaccelle & giardiniera….

Ingredienti:

Per questa ricetta in particolare le dosi non esistono; ogni famiglia si regola in base ai gusti; esiste addirittura la possibilità di servire gli ingredienti in recipienti separati ed ogni commensale prende solo quello che preferisce

  • cavolfiore
  • papaccelle sott’aceto
  • olive verdi
  • olive nere
  • giardiniera
  • acciughe
  • olio extravergine d’oliva
  • aceto
  • sale & pepe

Preparazione:

Naturalmente iniziate dal cavolfiore: pulitelo e sfogliatelo, tagliatelo a pezzetti e sbollentatelo in abbondante acqua salata. Scolatelo ancora croccante, e versatelo in una ciotola con acqua e ghiaccio in modo da bloccarne la cottura. Dopo alcuni minuti, dopo che si sarà intiepidito lo potete scolare e poi versare in una ciotola. Aggiungete al cavolfiore le olive nere e verdi, i cetriolini tagliati a listarelle. Prendete le papaccelle e sciacquatele con un pò di acqua fredda per eliminare l’aceto in eccesso, tagliatele a striscioline sottili ed aggiungetele agli altri ingredienti. Se vi piacciono le acciughe potete aggiungere anche quelle. Mescolate ed amalgamate bene il tutto. Aggiustate di olio, sale & pepe e servite in un vassoio.

insalatarinforzo2

insalatarinforzo3