Prugne sciroppate

IMG_20170910_153212

…ecco come preparare delle buonissime prugne sciroppate fatte in casa, non è affatto difficile ed effettivamente anche facile e divertente, io ricordo ancora da bambina quando aiutavo la nonna a fine agosto a preparare sia le prugne che le pesche sciroppate: forse io più che aiutare mi divertivo a rubare di nascosto i pezzetti di frutta già pronti per essere invasati, ma ricordo invece con chiarezza quanto impegno per cercare di preparare quante più conserve per riempire gli scaffali della cantina ed avere una grande scorta per il freddo e lungo inverno, tanti vasetti colmi di colori e di profumi caldi di sole: il giallo delle pesche, il viola delle prugne, il rosso dei pomodori, il verde dei cetriolini….

IMG_20170910_153420

IMG_20170910_153254

Ingredienti:

  • 2 kg prugne
  • 1 lt acqua
  • 70 g zucchero semolato

IMG_20170910_113404

Preparazione:

Per prima cosa sterilizzate i vasetti con i relativi coperchi, che intendete utilizzare per conservare le prugne, asciugateli bene. Ora dedicatevi alla frutta: lavate accuratamente le prugne e tamponatele con cura con un canovaccio per cercare di asciugarle alla perfezione. Tagliatele a metà ed eliminate i noccioli, in verità la nonna mi spiegava sempre che in ogni vasetto era indispensabile lasciare una mezza prugna con il nocciolo conservato, ma se proprio devo spiegare il motivo…non lo ricordo!!! Sistemate le mezze prugne nei vasetti,facendo attenzione a sistemarle tutte nello stesso verso, e cioè a disporle tutte con il lato del taglio verso il basso. Preparate uno sciroppo con acqua e zucchero, in un pentolino versate entrambi, mescolate e portate al bollore fino a quando tutto lo zucchero non si sarà completamente sciolto. Appena pronto, versate lo sciroppo ancora caldo all’ interno dei vasetti fino a ricoprire tutte le prugne. Richiudete ogni vasetto e procedete con la seconda sterilizzazione: sistemate i vasetti in una pentola capiente, ricoprite di acqua fino a ricoprire tutti i vasetti e fate bollire, se necessario per evitare che i vasetti durante la bollitura si urtino fra loro, arrotolateli in dei canovacci. Una volta raffreddati, riponete e conservate in vasetti in luogo fresco ed al riparo dalla luce.

IMG_20170910_114839
sistemate le prugne, tutte con la parte tagliata verso il basso
IMG_20170910_115554
versate lo sciroppo di acqua & zucchero fino a ricoprire tutte le prugne

Confettura di pere & peperoncino

IMG_20170827_123605

IMG_20170827_123518

IMG_20170827_123631

…è certamente tempo di conserve e confetture: con l’ elevata quantità di frutta e verdura si possono creare moltissime preparazioni, oggi ve ne propongo una, forse un pò insolita, che assaggiato quasi per caso la prima volta, ma me ne sono subito innamorata, ed ora ogni anno ne preparo qualche vasetto da conservare in dispensa: si tratta di un accostamento come vi dicevo un pò insolito, una confettura di pere aromatizzata con del peperoncino, vi potrà sembrare originale,ma vi assicuro davvero buonissima. Una confettura dal gusto intenso che è perfetta accostata ai formaggi stagionati ad esempio, per il suo gusto forte tiene testa alla sapidità di questo tipo di formaggi e li esalta…

IMG_20170827_122913

IMG_20170827_122920

IMG_20170827_123551

Ingredienti:

  • 1 kg pere
  • 300 g zucchero
  • 1 limone
  • 1 cucchiaino di peperoncino piccante in polvere

IMG_20170827_123543

IMG_20170827_123735

Preparazione:

Lavate le pere, sbucciatele, tagliatele a pezzettini eliminando il torsolo ed i semini. Versate in una casseruola capiente le pere fatte a pezzettini, lo zucchero ed il succo di 1 limone. Aggiungete anche il peperoncino, decidete voi la quantità in base al vostro gradimento personale, magari la prima volta che preparate questa confettura non esagerate e utilizzate non più di 1 cucchaino di peperoncino piccante in polvere. Mescolate bene e portate al bollore. Continuate a mescolare di tanto in tanto per evitare che la confettura si attacchi sul fondo. Mantenete sul fuoco per circa 45 minuti. Per verificare il grado di cottura della confettura, versatene un cucchiaino su di un piattino ed inclinatelo, se scivola lentamente aderendo alla superficie del piatto allora significa che la confettura è pronta. Intanto che la confettura cuoce sul fuoco, sterilizzate i vasetti di vetro che utilizzerete per la conservazione. Una volta tolta dal fuoco la confettura versatela ancora bollente nei vasetti di vetro già sterilizzati. Chiudete ermeticamente ogni vasetto e capovolgeteli fino a quando non si saranno raffreddati. Procedete poi con la seconda sterilizzazione. Riponeteli in luogo fresco ed al riparo dalla luce.

IMG_20170826_113827
sterilizzate i vasetti con relativi coperchi prima di riempirli con la confettura

IMG_20170827_123335

…un idea per utilizzare questa confettura: prendete dei piccoli panini ai cereali e farciteli con un cucchiaino di confettura di pere & peperoncino e un poco di formaggio morbido come il brie, provateli e serviteli magari come antipasto o in occasione di un aperitivo, riscuoterete sicuramente un gran successo…

ecco i link a cui fare riferimento riguardo le linee guida del Ministero della Salute in merito alla corretta preparazione delle conserve alimentari in ambito domestico

http://www.salute.gov.it/imgs/C_17_pubblicazioni_2176_allegato.pdf

http://www.salute.gov.it/portale/news/p3_2_3_1_1.jsp?menu=dossier&p=dadossier&id=40

Confettura di fichi & noci

IMG_20170813_093107

IMG_20170813_093423

IMG_20170813_093359

…con un pò di anticipo rispetto agli ultimi anni, sarà per l’estate particolarmente calda e soleggiata, ho già raccolto un bel quantitativo di fichi maturi e dolcissimi, sarà per l’idea, l’intuito ed i consigli di Annabella….non ho saputo resistere!!! Il bello della cucina è anche questo: condividere con le amiche ricette e consigli!!! Così mi sono messa subito all’opera per preparare una versione un poco diversa della solita confettura di fichi, se possibile ancora più golosa che prevede l’aggiunta anche delle noci. E devo ammettere davvero buonissima: immaginatevi di spalmarla sulle fette biscottate in una fredda mattina d’inverno…oppure di utilizzarla accostata ad un formaggio morbido su una fetta di pane scuro…

IMG_20170812_175755

IMG_20170812_175714

IMG_20170812_175720

Ingredienti:

  • 1 kg fichi maturi
  • 100 g noci
  • 1 limone
  • 200 g zucchero

IMG_20170813_093437

IMG_20170813_093445

Preparazione:

Prendete i fichi, sbucciateli e tagliateli a pezzi, versateli in una casseruola capiente ed aggiungete lo zucchero ed il succo di un limone. Essendo i fichi di per sè dei frutti molto dolci, soprattutto se maturati sull’albero,  preferisco non utilizzare molto zucchero, perchè poi la confettura risulta troppo dolce per i miei gusti, quindi sono arrivata al compromesso che 200 g siano sufficienti per ogni kg di fichi. Mettete sul fuoco e fate cuocere, mantenendo la fiamma bassa, mescolate di tanto in tanto per evitare che si attacchi sul fondo. Portate a bollitura e continuate la cottura per almeno 30/45 minuti, fino a quando il composto risulterà della giusta consistenza. Se preferite una confettura con i pezzi di frutta, mescolate con delicatezza per evitare di ridurla ulteriormente, se invece preferite una consistenza più omogenea lavoratela spesso durante la cottura utilizzando anche una forchetta e schiacciandola con i rebbi. Per verificare il grado di cottura della confettura, versatene un cucchiaino su di un piattino ed inclinatelo, se scivola lentamente aderendo alla superficie del piatto allora significa che la confettura è pronta. Intanto che la confettura cuoce sul fuoco, preparatevi le noci: tritatele grossolanamente e sterilizzate i vasetti di vetro che utilizzerete per la conservazione. Una volta tolto dal fuoco la confettura aggiungete le noci tritate, incorporatele bene e versate il composto ancora bollente nei vasetti di vetro già sterilizzati. Chiudete ermeticamente ogni vasetto e capovolgeteli fino a quando non si saranno raffreddati. Procedete poi con la seconda sterilizzazione. Riponeteli in luogo fresco ed al riparo dalla luce.

IMG_20170813_093408

IMG_20170813_093352

IMG_20170813_093221

IMG_20170813_093228

ecco i link a cui fare riferimento riguardo le linee guida del Ministero della Salute in merito alla corretta preparazione delle conserve alimentari in ambito domestico

http://www.salute.gov.it/imgs/C_17_pubblicazioni_2176_allegato.pdf

http://www.salute.gov.it/portale/news/p3_2_3_1_1.jsp?menu=dossier&p=dadossier&id=40

Confettura di pesche & amaretti

IMG_20170718_190716

IMG_20170718_201121

…in estate, regine indiscusse sui banchi della frutta, sicuramente le pesche, belle & profumate, in tutte le loro varietà. Fortunatamente si tratta di uno di quei frutti che possiamo racchiudere in vasetto e conservare fino all’inverno, sottoforma di confettura oppure in pezzi sciroppati, per poi ritrovare i colori & sapori dell’estate anche a distanza di mesi. Personalmente ci tengo molto a preparare confetture e frutte sciroppate perchè ricordo, da bambina, quanto impegno da parte della nonna in merito alla conservazione di frutta e verdura , presenti in grandi quantità in estate nei campi e nell’orto a differenza dei mesi invernali. Oggi vi propongo una confettura di pesche arricchita dal sapore degli amaretti…buona da spalmare su una fetta di pane oppure perfetta anche per farcire una crostata, con una texture leggermente più ruvida per la presenza degli amaretti sbriciolati ma con un sapore davvero ricco e gustoso…

IMG_20170718_201059

Ingredienti:

  • 1 kg pesche mature
  • 600 g zucchero
  • 1 limone
  • 140 g amaretti

IMG_20170718_201051

Preparazione:

Prendete le pesche, sbucciatele e tagliatele a pezzi, versatele in una casseruola con lo zucchero ed il succo di 1 limone, mescolate bene e mettete sul fuoco a fiamma bassa. Continuate a cuocere mescolando di tanto in tanto per evitare che si attacchi sul fondo, per almeno 1 ora e mezza o fino a quando non avrà raggiunto la giusta consistenza. Per controllare la consistenza della confettura si può fare la prova con un cucchiaino ed un piattino: cioè, mettendo un cucchiaino di confettura su di un piattino e poi inclinatelo, la confettura dovrà scendere lentamente. Intanto che la confettura è sul fuoco potete lavare e sterilizzare i vasetti in vetro, con chiusura ermetica o tappo a molla, facendoli bollire in una pentola colma di acqua. Tritate gli amaretti ed aggiungeteli alla confettura non appena avrete tolto la casseruola dal fuoco. Amalgamate bene il tutto. Trasferite la confettura ancora calda nei vasetti, richiudeteli e capovolgeteli per creare il sottovuoto. Una volta raffreddati, rigirate i vasetti e trasferiteli nuovamente nella pentola colma di acqua per procedere con la seconda sterilizzazione. Lasciate nuovamente raffreddare e riponete in luogo fresco ed al riparo dalla luce.

IMG_20170718_195905
incorporate gli amaretti sbriciolati dopo aver tolto dal fuoco la confettura…
IMG_20170718_201043
…versate la confettura ancora calda nei vasetti
IMG_20170718_201121
…chiudete i vasetti e procedete alla seconda sterilizzazione

ecco i link a cui fare riferimento riguardo le linee guida del Ministero della Salute in merito alla corretta preparazione delle conserve alimentari in ambito domestico

http://www.salute.gov.it/imgs/C_17_pubblicazioni_2176_allegato.pdf

http://www.salute.gov.it/portale/news/p3_2_3_1_1.jsp?menu=dossier&p=dadossier&id=40

 

Ciliegie sciroppate

ciliegesciroppate6

con le ultime ciliegie ho preparato alcuni vasetti per l’inverno…                                  le ciliegie sciroppate sono una classica conserva della nonna, molto semplice nella preparazione. I frutti più adatti sono quelli denominati “duroni” che sono più adatti alla conservazione. Per lo sciroppo servono solo acqua & zucchero: che rappresentano un valido ed economico metodo molto efficace per conservare la frutta al naturale, sia riguardo il sapore me nche il colore.

ciliegesciroppate3

Ingredienti:

  • 2 kg ciliegie
  • 200 g zucchero semolato
  • 1 lt acqua

Occorrente:

  • 2 vasetti in vetro a chiusura ermetica o con tappo a molla e guarnizione da 500 ml
  • in alternativa 4 vasetti in vetro da 250 ml ( consiglio questa opzione, perchè poi quando si tratterà di consumare le ciliegie, le potrete conservare al massimo per 3/4 giorni in frigorifero dopo l’apertura)

ciliegesciroppate1

ciliegesciroppate2

Preparazione:

La prima cosa da fare è procurarsi dei vasetti in vetro a chiusura ermetica con tappo in metallo oppure con tappo a molla e guarnizione in gomma. E’ indispensabile sanificarli prima dell’utilizzo (secondo le linee guida del Ministero della Salute.) Sostanzialmente lavate con cura i vasetti e poi fateli bollire all’interno di una pentola capiente: l’acqua nella pentola deve ricoprire tutti i vasetti. Per evitare gli urti ed eventuali rotture del vetro durante la bollitura potete avvolgere i vasetti con degli strofinacci. Una volta raggiunta l’ebollizione abbassate la fiamma e mantenete sul fuoco per almeno mezz’ora. Dieci minuti prima di togliere i vasetti dall’acqua immergete anche i coperchi a capsula metallica, se utilizzate quel modello. Trascorso il tempo necessario, togliete dal fuoco e lasciate raffreddare, poi mettete a scolare i vasetti capovolti su di un canovaccio pulito.

Mentre i vasetti si scolano, preparate lo sciroppo: mettete sul fuoco in una casseruola l’acqua ed aggiungete lo zucchero. Portate ad ebollizione e mescolate fino a quando lo zucchero non sarà totalmente sciolto. Togliete dal fuoco e lasciate rafrreddare.

Intanto che lo sciroppo si raffredda, prendete le ciliegie, lavatele e tamponatele con della carta assorbente. Eliminate da ognuno il picciolo e sistematele una ad una dentro ai vasetti in modo da lasciare meno spazi vuoti possibili. Versate lo sciroppo sulle ciliegie, agitate di tanto in tanto i vasetti per cercare di fare fuoriuscire le bolle di aria che si possono essere formate. Richiudete i vasetti. Ora per una maggiore sicurezza procedete alla seconda sterilizzazione: riponete nuovamente tutti i vasetti, avvolti negli strofinacci dentro la pentola, in questo caso però l’acqua non deve superare il tappo dei barattoli. Portate ad ebollizione e mantenete sul fuoco per 20/30 minuti. Trascorso il tempo necessario estraete i vasetti e riponeteli in luogo fresco, asciutto ed al riparo dalla luce. Pazientate almeno 1 mese prima di consumere le ciliegie sciroppate.

ciliegesciroppate7

ciliegesciroppate8

ecco i link a cui fare riferimento riguardo le linee guida del Ministero della Salute in merito alla corretta preparazione delle conserve alimentari in ambito domestico

http://www.salute.gov.it/imgs/C_17_pubblicazioni_2176_allegato.pdf

http://www.salute.gov.it/portale/news/p3_2_3_1_1.jsp?menu=dossier&p=dadossier&id=40

Albicocche sciroppate

albicocchesciroppate11

albicocchesciroppate12

…le albicocche sciroppate sono uno di quei tesori dell’estate che possiamo conservare e poi gustare per tutto l’ inverno,  forse un pò meno diffuse rispetto alle pesche, ma altrettanto dolci, buone e profumate…quando aprirete il vostro barattolo in una grigia e fredda giornata d’ inverno vi sorprenderete per i sapori e gli aromi che si sprigioneranno e in un istante vi riporteranno in piena estate!!!! Io in alcuni vasetti ho aggiunto anche dei fiori di lavanda per esplosione di profumi ed aromi davvero ricca e particolare…

Ingredienti:

é fondamentale utilizzare albicocche non troppo mature per evitare che poi in cottura si ammorbidiscano troppo

  • 1 kg albicocche
  • 350 g zucchero semolato
  • 1 limone
  • 2 lt acqua

albicocchesciroppate1

 

Preparazione:

Scegliete delle albicocche non troppo mature e preferibilmente di coltivazione di origine biologica. Lavatele accuratamente. Tagliatele a metà ed eliminate tutti i noccioli. Trasferite le albicocche in una grande ciotola con 1 lt acqua acidulata con il succo di un intero limone per evitare che anneriscano. Intanto in una casseruola versate l’altro litro di acqua con lo zucchero e la buccia del limone. Mescolate di tanto in tanto per facilitare lo scioglimento dello zucchero. Quando lo zucchero si sarà sciolto aggiungete anche le albicocche. Fatele scottare per qualche minuto, massimo 5, più o meno fino a quando l’ acqua non arriverà al bollore. A questo punto scolate le albicocche e lasciatele raffreddare. Non gettate lo sciroppo di zucchero, mantenetelo sul fuoco e lasciatelo sobbollire per 10/15 minuti in modo che si restringa un poco. Poi toglietelo dal fuoco. Iniziate a sistemare le albicocche, un pezzo per volta, con delicatezza per evitare di romperle, dentro i vasetti di vetro che avrete precedentemente sterilizzato. Posizionatele una sopra l’ altra con la metà interna rivolta verso il basso. Continuate fino a lasciare circa 1 cm di spazio libero dal bordo. Versate lo sciroppo fino a ricoprire tutte le albicocche. Effettuate una leggera pressione con le dita sulle albicocche per evitare che rimangano eventuali bolle d’ aria all’ interno del vasetto. Richiudete i vasetti. Fateli raffreddare a testa in giù. Una volta raffreddati, per una maggiore precauzione e sicurezza di corretta conservazione, sistemate i vasetti in una capiente pentola, riempitela d’ acqua e mettetela sul fuoco per una seconda sterilizzazione. In questa seconda procedura fate bollire l’ acqua per 15 minuti. Lasciate raffreddare poi riponete i vasetti in un luogo fresco ed asciutto. Per un migliore risultato, prima di assaggiare le vostre albicocche sciroppate lasciatele riposare per circa 1 mese. Poi le potrete gustare da sole, dolcissime e buone anche così al naturale, oppure le potrete utilizzare come ingrediente di torte, plumcake o perchè no macedonie, oppure ancora assaporarle con yogurt e gelati. Provate anche ad aromatizzare qualche vasetto con alcuni fiori di lavanda: una vera esplosione di fragranze ed aromi estivi!!!

albicocchesciroppate3
fate scottare le albicocche qualche minuto in acqua zucchero & limone

ecco i link a cui fare riferimento riguardo le linee guida  del Ministero della Salute in merito alla corretta preparazione delle conserve alimentari in ambito domestico

http://www.salute.gov.it/portale/news/p3_2_3_1_1.jsp?menu=dossier&p=dadossier&id=40

http://www.salute.gov.it/imgs/C_17_pubblicazioni_2176_allegato.pdf

Confettura di prugne & zenzero

prugne8

prugne10

…ogni albero da frutto ogni anno ci regala piccoli doni: preziosi e gustosi, anche se non trattato e coltivato, a maggior ragione i prodotti che si possono ricavare dai suoi frutti ci devono riempire di orgoglio e soddisfazione… Come nel caso di queste susine scure che crescono su un piccolo e ricurvo alberello che delimita il confine di un dorato campo di grano…proprio stamattina ne ho riempito un cestino  per prepararci una gustosa confettura aromatizzata allo zenzero, perchè come pensavo da bambina, se un albero impiega un intero anno a produrre i suoi frutti sarebbe un vero peccato lasciarli marcire senza raccoglierli…prugne & zenzero: un accostamento niente male, un gusto deciso e paticolare, la nota aspra delle susine si sposa alla perfezione con quella piccante e fresca dello zenzero…

prugne2

prugne4

prugne3

prugne5

Ingredienti:

  • 1 kg susine scure
  • 350 g zucchero semolato
  • radice di zenzero fresca

prugne6

prugne7

Preparazione:

Lavate le susine, tagliatele a metà ed eliminate tutti i noccioli. Tagliatele a pezzi e trasferitele in una casseruola con lo zucchero. Aggiungete anche la radice di zenzero grattugiata, mescolate con un mestolo di legno in modo da amalgamare bene il tutto. Mantenete sul fuoco a fiamma moderata per almeno mezz’ora, mescolando di tanto in tanto in modo da evitare che attacchi sul fondo. Lasciate che la confettura arrivi ad una temperatura di circa 100/110 gradi. Una volta pronta versate la confettura ancora calda nei vasetti di vetro che avrete già precedentemente sterilizzato. Riempite i vasetti fino a lasciare 1 cm dal bordo. Battete leggermente sul fondo i vasetti per cercare di far assestare la confettura ed eliminare eventuali bolle di aria. Chiudete i barattoli e lasciateli raffreddare capovolti. In questo modo, grazie al calore si formerà il sottovuoto. Se volete procedere ad una seconda sterilizzazione, sistemate i vasetti, una volta raffreddati in una pentola capiente piena d’acqua e fate bollire almeno per mezz’ ora. Lasciate raffreddare e poi conservate la confettura in luogo fresco ed asciutto, al riparo da fonti di luce e di calore.

IMG_20170721_124902(2)
la radice di zenzero fresco, per una nota fresca e piccante…

Confettura di ciliegie & vaniglia

confettciliege7

confettciliege10

confettciliege2

…la confettura di ciliegie è forse quella che preferisco, sarà per il colore intenso, il profumo deciso, spalmata semplicemente a colazione sulle fette biscottate oppure aggiunta a merenda nello yogurt bianco, utilizzata per farcire classiche crostate o anche sfogliatine di pasta sfoglia, oppure ancora su un gelato cremoso. Una composta dal gusto acidulo ma con un profumo dolce di vaniglia …Noi a casa ci divertiamo a prepararla perchè il rito di eliminare ogni nocciolo ci regala sempre grasse risate per tutti gli schizzi di succo rosso che ci sporcano i vestiti ed anche la cucina!!!

confettciliege8

confettciliege14

Ingredienti:

  • 1 kg ciliegie mature
  • 300 g zucchero di canna
  • 1 bacello di vaniglia
  • 1 limone

confettciliege3

confettciliege9

Preparazioni:

Lavate le ciliegie, aciugatele ed eliminate il nocciolo da ognuna. Trasferitele in una grande ciotola assieme allo zucchero. Aggiungete il succo e la buccia di 1 limone. Lasciate riposare per un paio d’ore. Trascorso il tempo necessario trasferite il tutto in una casseruola e mettete sul fuoco a fiamma media. Aggiungete la polpa del bacello di vaniglia ed anche il bacello svuotato. Ricordatevi di mescolare di tanto in tanto cercando di eliminare la schiuma che si formerà in superficie. Lasciate che il composto arrivi al bollore, quindi abbassate un poco la fiamma e proseguite la cottura per circa 40 minuti, se preferite una consistenza più omogenea e liscia a fine cottura potete frullarla con un frullatore ad immersione. Fate la prova del piattino per verificare se pronta, versate mezzo di cucchiaino di confettura su un piattino ed inclinatelo, se la confettura tende a rapprendersi sarà pronta, se invece tenderà a colare velocemente mantenete ancora sul fuoco. Una volta pronta versate la confettura nei vasetti di vetro a chiusura ermetica che avrete già sterilizzato e chiudete subito i coperchi. Capovolgete i vasetti e lasciateli raffreddare in questa posizione per creare il sottovuoto, poi rimetteli in piano e riponeteli in dispensa. Per maggiore sicurezza, se pensate di utilizzare la confettura in un futuro un pò più lontano potete pastorizzarli una volta che si saranno raffreddati.

Se volete aromatizzare la vostra confettura, potete anche provare ad aggiungere un pò di radice di zenzero grattugiata oppure sostituire la vaniglia con un cucchiaino di cannella.

confettciliege11

confettciliege1

confettciliege12

Buonissima a colazione sulle fette biscottate, provate a prepararle fatte in casa, sarà una grande soddisfazione e poi le potrete mantenere in una scatola di latta anche per più di una settimana!!!

confettciliege4

confettciliege6

confettciliege13

Fette Biscottate homemade