Ciliegie sciroppate

ciliegesciroppate6

con le ultime ciliegie ho preparato alcuni vasetti per l’inverno…                                  le ciliegie sciroppate sono una classica conserva della nonna, molto semplice nella preparazione. I frutti più adatti sono quelli denominati “duroni” che sono più adatti alla conservazione. Per lo sciroppo servono solo acqua & zucchero: che rappresentano un valido ed economico metodo molto efficace per conservare la frutta al naturale, sia riguardo il sapore me nche il colore.

ciliegesciroppate3

Ingredienti:

  • 2 kg ciliegie
  • 200 g zucchero semolato
  • 1 lt acqua

Occorrente:

  • 2 vasetti in vetro a chiusura ermetica o con tappo a molla e guarnizione da 500 ml
  • in alternativa 4 vasetti in vetro da 250 ml ( consiglio questa opzione, perchè poi quando si tratterà di consumare le ciliegie, le potrete conservare al massimo per 3/4 giorni in frigorifero dopo l’apertura)

ciliegesciroppate1

ciliegesciroppate2

Preparazione:

La prima cosa da fare è procurarsi dei vasetti in vetro a chiusura ermetica con tappo in metallo oppure con tappo a molla e guarnizione in gomma. E’ indispensabile sanificarli prima dell’utilizzo (secondo le linee guida del Ministero della Salute.) Sostanzialmente lavate con cura i vasetti e poi fateli bollire all’interno di una pentola capiente: l’acqua nella pentola deve ricoprire tutti i vasetti. Per evitare gli urti ed eventuali rotture del vetro durante la bollitura potete avvolgere i vasetti con degli strofinacci. Una volta raggiunta l’ebollizione abbassate la fiamma e mantenete sul fuoco per almeno mezz’ora. Dieci minuti prima di togliere i vasetti dall’acqua immergete anche i coperchi a capsula metallica, se utilizzate quel modello. Trascorso il tempo necessario, togliete dal fuoco e lasciate raffreddare, poi mettete a scolare i vasetti capovolti su di un canovaccio pulito.

Mentre i vasetti si scolano, preparate lo sciroppo: mettete sul fuoco in una casseruola l’acqua ed aggiungete lo zucchero. Portate ad ebollizione e mescolate fino a quando lo zucchero non sarà totalmente sciolto. Togliete dal fuoco e lasciate rafrreddare.

Intanto che lo sciroppo si raffredda, prendete le ciliegie, lavatele e tamponatele con della carta assorbente. Eliminate da ognuno il picciolo e sistematele una ad una dentro ai vasetti in modo da lasciare meno spazi vuoti possibili. Versate lo sciroppo sulle ciliegie, agitate di tanto in tanto i vasetti per cercare di fare fuoriuscire le bolle di aria che si possono essere formate. Richiudete i vasetti. Ora per una maggiore sicurezza procedete alla seconda sterilizzazione: riponete nuovamente tutti i vasetti, avvolti negli strofinacci dentro la pentola, in questo caso però l’acqua non deve superare il tappo dei barattoli. Portate ad ebollizione e mantenete sul fuoco per 20/30 minuti. Trascorso il tempo necessario estraete i vasetti e riponeteli in luogo fresco, asciutto ed al riparo dalla luce. Pazientate almeno 1 mese prima di consumere le ciliegie sciroppate.

ciliegesciroppate7

ciliegesciroppate8

ecco i link a cui fare riferimento riguardo le linee guida del Ministero della Salute in merito alla corretta preparazione delle conserve alimentari in ambito domestico

http://www.salute.gov.it/imgs/C_17_pubblicazioni_2176_allegato.pdf

http://www.salute.gov.it/portale/news/p3_2_3_1_1.jsp?menu=dossier&p=dadossier&id=40

Albicocche sciroppate

albicocchesciroppate11

albicocchesciroppate12

…le albicocche sciroppate sono uno di quei tesori dell’estate che possiamo conservare e poi gustare per tutto l’ inverno,  forse un pò meno diffuse rispetto alle pesche, ma altrettanto dolci, buone e profumate…quando aprirete il vostro barattolo in una grigia e fredda giornata d’ inverno vi sorprenderete per i sapori e gli aromi che si sprigioneranno e in un istante vi riporteranno in piena estate!!!! Io in alcuni vasetti ho aggiunto anche dei fiori di lavanda per esplosione di profumi ed aromi davvero ricca e particolare…

Ingredienti:

é fondamentale utilizzare albicocche non troppo mature per evitare che poi in cottura si ammorbidiscano troppo

  • 1 kg albicocche
  • 350 g zucchero semolato
  • 1 limone
  • 2 lt acqua

albicocchesciroppate1

 

Preparazione:

Scegliete delle albicocche non troppo mature e preferibilmente di coltivazione di origine biologica. Lavatele accuratamente. Tagliatele a metà ed eliminate tutti i noccioli. Trasferite le albicocche in una grande ciotola con 1 lt acqua acidulata con il succo di un intero limone per evitare che anneriscano. Intanto in una casseruola versate l’altro litro di acqua con lo zucchero e la buccia del limone. Mescolate di tanto in tanto per facilitare lo scioglimento dello zucchero. Quando lo zucchero si sarà sciolto aggiungete anche le albicocche. Fatele scottare per qualche minuto, massimo 5, più o meno fino a quando l’ acqua non arriverà al bollore. A questo punto scolate le albicocche e lasciatele raffreddare. Non gettate lo sciroppo di zucchero, mantenetelo sul fuoco e lasciatelo sobbollire per 10/15 minuti in modo che si restringa un poco. Poi toglietelo dal fuoco. Iniziate a sistemare le albicocche, un pezzo per volta, con delicatezza per evitare di romperle, dentro i vasetti di vetro che avrete precedentemente sterilizzato. Posizionatele una sopra l’ altra con la metà interna rivolta verso il basso. Continuate fino a lasciare circa 1 cm di spazio libero dal bordo. Versate lo sciroppo fino a ricoprire tutte le albicocche. Effettuate una leggera pressione con le dita sulle albicocche per evitare che rimangano eventuali bolle d’ aria all’ interno del vasetto. Richiudete i vasetti. Fateli raffreddare a testa in giù. Una volta raffreddati, per una maggiore precauzione e sicurezza di corretta conservazione, sistemate i vasetti in una capiente pentola, riempitela d’ acqua e mettetela sul fuoco per una seconda sterilizzazione. In questa seconda procedura fate bollire l’ acqua per 15 minuti. Lasciate raffreddare poi riponete i vasetti in un luogo fresco ed asciutto. Per un migliore risultato, prima di assaggiare le vostre albicocche sciroppate lasciatele riposare per circa 1 mese. Poi le potrete gustare da sole, dolcissime e buone anche così al naturale, oppure le potrete utilizzare come ingrediente di torte, plumcake o perchè no macedonie, oppure ancora assaporarle con yogurt e gelati. Provate anche ad aromatizzare qualche vasetto con alcuni fiori di lavanda: una vera esplosione di fragranze ed aromi estivi!!!

albicocchesciroppate3
fate scottare le albicocche qualche minuto in acqua zucchero & limone

ecco i link a cui fare riferimento riguardo le linee guida  del Ministero della Salute in merito alla corretta preparazione delle conserve alimentari in ambito domestico

http://www.salute.gov.it/portale/news/p3_2_3_1_1.jsp?menu=dossier&p=dadossier&id=40

http://www.salute.gov.it/imgs/C_17_pubblicazioni_2176_allegato.pdf

Confettura di prugne & zenzero

prugne8

prugne10

…ogni albero da frutto ogni anno ci regala piccoli doni: preziosi e gustosi, anche se non trattato e coltivato, a maggior ragione i prodotti che si possono ricavare dai suoi frutti ci devono riempire di orgoglio e soddisfazione… Come nel caso di queste susine scure che crescono su un piccolo e ricurvo alberello che delimita il confine di un dorato campo di grano…proprio stamattina ne ho riempito un cestino  per prepararci una gustosa confettura aromatizzata allo zenzero, perchè come pensavo da bambina, se un albero impiega un intero anno a produrre i suoi frutti sarebbe un vero peccato lasciarli marcire senza raccoglierli…prugne & zenzero: un accostamento niente male, un gusto deciso e paticolare, la nota aspra delle susine si sposa alla perfezione con quella piccante e fresca dello zenzero…

prugne2

prugne4

prugne3

prugne5

Ingredienti:

  • 1 kg susine scure
  • 350 g zucchero semolato
  • radice di zenzero fresca

prugne6

prugne7

Preparazione:

Lavate le susine, tagliatele a metà ed eliminate tutti i noccioli. Tagliatele a pezzi e trasferitele in una casseruola con lo zucchero. Aggiungete anche la radice di zenzero grattugiata, mescolate con un mestolo di legno in modo da amalgamare bene il tutto. Mantenete sul fuoco a fiamma moderata per almeno mezz’ora, mescolando di tanto in tanto in modo da evitare che attacchi sul fondo. Lasciate che la confettura arrivi ad una temperatura di circa 100/110 gradi. Una volta pronta versate la confettura ancora calda nei vasetti di vetro che avrete già precedentemente sterilizzato. Riempite i vasetti fino a lasciare 1 cm dal bordo. Battete leggermente sul fondo i vasetti per cercare di far assestare la confettura ed eliminare eventuali bolle di aria. Chiudete i barattoli e lasciateli raffreddare capovolti. In questo modo, grazie al calore si formerà il sottovuoto. Se volete procedere ad una seconda sterilizzazione, sistemate i vasetti, una volta raffreddati in una pentola capiente piena d’acqua e fate bollire almeno per mezz’ ora. Lasciate raffreddare e poi conservate la confettura in luogo fresco ed asciutto, al riparo da fonti di luce e di calore.

Confettura di ciliegie & vaniglia

confettciliege7

confettciliege10

confettciliege2

…la confettura di ciliegie è forse quella che preferisco, sarà per il colore intenso, il profumo deciso, spalmata semplicemente a colazione sulle fette biscottate oppure aggiunta a merenda nello yogurt bianco, utilizzata per farcire classiche crostate o anche sfogliatine di pasta sfoglia, oppure ancora su un gelato cremoso. Una composta dal gusto acidulo ma con un profumo dolce di vaniglia …Noi a casa ci divertiamo a prepararla perchè il rito di eliminare ogni nocciolo ci regala sempre grasse risate per tutti gli schizzi di succo rosso che ci sporcano i vestiti ed anche la cucina!!!

confettciliege8

confettciliege14

Ingredienti:

  • 1 kg ciliegie mature
  • 300 g zucchero di canna
  • 1 bacello di vaniglia
  • 1 limone

confettciliege3

confettciliege9

Preparazioni:

Lavate le ciliegie, aciugatele ed eliminate il nocciolo da ognuna. Trasferitele in una grande ciotola assieme allo zucchero. Aggiungete il succo e la buccia di 1 limone. Lasciate riposare per un paio d’ore. Trascorso il tempo necessario trasferite il tutto in una casseruola e mettete sul fuoco a fiamma media. Aggiungete la polpa del bacello di vaniglia ed anche il bacello svuotato. Ricordatevi di mescolare di tanto in tanto cercando di eliminare la schiuma che si formerà in superficie. Lasciate che il composto arrivi al bollore, quindi abbassate un poco la fiamma e proseguite la cottura per circa 40 minuti, se preferite una consistenza più omogenea e liscia a fine cottura potete frullarla con un frullatore ad immersione. Fate la prova del piattino per verificare se pronta, versate mezzo di cucchiaino di confettura su un piattino ed inclinatelo, se la confettura tende a rapprendersi sarà pronta, se invece tenderà a colare velocemente mantenete ancora sul fuoco. Una volta pronta versate la confettura nei vasetti di vetro a chiusura ermetica che avrete già sterilizzato e chiudete subito i coperchi. Capovolgete i vasetti e lasciateli raffreddare in questa posizione per creare il sottovuoto, poi rimetteli in piano e riponeteli in dispensa. Per maggiore sicurezza, se pensate di utilizzare la confettura in un futuro un pò più lontano potete pastorizzarli una volta che si saranno raffreddati.

Se volete aromatizzare la vostra confettura, potete anche provare ad aggiungere un pò di radice di zenzero grattugiata oppure sostituire la vaniglia con un cucchiaino di cannella.

confettciliege11

confettciliege1

confettciliege12

Buonissima a colazione sulle fette biscottate, provate a prepararle fatte in casa, sarà una grande soddisfazione e poi le potrete mantenere in una scatola di latta anche per più di una settimana!!!

confettciliege4

confettciliege6

confettciliege13

Fette Biscottate homemade