Pesto di melanzane

pestomelanzane10
melanzane, noci e basilico…
pestomelanzane7
La Gnocca della Fabbrica della Pasta di Gragnano

pestomelanzane11

…con l’arrivo dell’estate ci possiamo sbizzarrire a preparare tanti pesti diversi per condire la pasta, oggi proviamo con le melanzane: sicuramente non otterremo un classico pesto verde, ma sono così buone le melanzane che vale la pena provare!!! Si tratta sostanzialmente di una salsa preparata appunto con le melanzane e con l’aggiunta di noci, parmigiano ed olio. Per aggiungere una nota fresca la possiamo aromatizzare con qualche fogliolina di menta oppure un pò di scorza di limone oppure ancora, io oggi ho aggiunto qualche foglia di basilico. Considerato che le melanzane ci regaleranno una consistenza molto cremosa e vellutata, possiamo lasciare le noci, in contrasto, tritate un pò grossolanamente…

pestomelanzane2
ho utilizzato questo bellissimo formato di pasta trafilata in bronzo della serie “gli speciali” della “Fabbrica della Pasta di Gragnano”
pestomelanzane3
“La Fabbrica della Pasta di Gragnano”
pestomelanzane4
“La Gnocca”

Ingredienti:

  • 600 g melanzane
  • 50 g noci
  • 50 g parmigiano
  • olio d’oliva qb
  • qualche foglia di basilico
  • sale & pepe qb

pestomelanzane9

Preparazione:

Lavate ed asciugate le melanzane, disponetele su una teglia rivestita di carta forno e fate cuocere a 200 gradi per una quarantina di minuti, meglio se modalità ventilata. Comunque regolatevi anche in base alla grandezza delle melanzane, in ogni caso devono risultare grinzose esternamente e la polpa interna deve essere cotta ed morbida. Trascorso il tempo necessario lasciatele intiepidire e poi tagliatele a metà, a questo punto dovrebbe essere molto facile prelevare con un cucchiaio tutta la polpa. Trasferite la polpa di melanzana in un colino e schiacciatela con una forchetta, in modo da eliminare tutta la loro acqua di vegetazione e quindi ottenere poi un pesto un poco più denso. Versate ora la polpa nel mixer assieme alle noci, al parmigiano e alle foglie di basilico, versate a filo l’olio ed iniziate a frullare. Se necessario aggiungete altro olio. Aggiustate di sale e pepe. Non dilungatevi troppo nel frullare così le noci rimarranno un poco più grossolane, in modo da contrastare con la cremosità delle melanzane. Intanto mettete a cuocere la pasta, scolatela leggermente al dente e conditela con abbondante pesto. Decorate con qualche fogliolina di basilico e qualche noce intera su ogni piatto. Provate a sostituire le foglie di basilico con quelle di menta ed otterrete un pesto ancora più fresco ed aromatico.

pestomelanzane1
cuocete le melanzane in forno per una quarantina di minuti…
pestomelanzane5
lascaitele intiepidire ed estraete la polpa…
pestomelanzane6
schiacciatele in un colino con una forchetta per eliminate tutta l’acqua…

Pesto di zucchine

pestozucchine9

…finalmente sta per arrivare l’estate  e ci possiamo sbizzarrire con la fantasia, condire la pasta con verdure sempre diverse, fresche di stagione, colorate, gustose, profumate… Utilizzarle crude ci permette di gustarle al meglio senza alterare con la cottura tutte le proprietà benefiche dei micronutrienti in esse contenute…Oggi direttamente dall’orto ho raccolto delle belle zucchine verdi, un ciuffo di menta per una nota fresca, che in queste giornate calde è proprio l’ideale e poi aggiungo le mandorle: ecco pronto un pesto gustoso, sano e veloce da preparare!!!!

pestozucchine1

pestozucchine2

Ingredienti:

  • 200 g pasta secca (meglio un formato medio/corto)
  • 2 zucchine fresche
  • 50 g mandorle
  • foglie di menta qb
  • 1 spicchio di aglio
  • olio d’oliva qb
  • sale & pepe qb
pestozucchine4
io ho utilizzato una pasta trafilata in bronzo de La Fabbrica della Pasta di Gragnano
pestozucchine5
‘e Puntiglius, un formato bellissimo di una pasta secca di qualità

pestozucchine8

Preparazione:

Lavate e tagliate le zucchine eliminando la parte centrale bianca se in eccesso rispetto alla buccia (questo anche per cercare di ottenere un pesto di un bel colore verde). Io preferisco utilizzare le zucchine a crudo, per il gusto ed anche la texture finale che risulta più “croccante”. Comunque se preferite potete scottare le zucchine in un pentolino con acqua salata per una decina di minuti, evitando però di cuocerle troppo altrimenti si perderà un poco in gusto e colore. Quando si tratta di preparare un pesto l’ideale sarebbe utilizzare il mortaio: provate e vi stupirete di quanto i sapori ed i profumi saranno più intensi!!! E’ naturale che per questioni di praticità e di tempo si utilizzi il mixer: in questo caso allora, utilizzate una velocità ridotta ed interrompete di tanto in tanto per cercare di evitare l’ossidazione degli ingredienti dovuta al surriscaldamento delle lame. Se utilizzate il mixer versatevi le zucchine, 1 spicchio di aglio, le mandorle, alcune foglie di menta e l’olio d’oliva: quanto basta per riuscire ad ottenere un pesto cremoso ed omogeneo. Regolate di sale & pepe. Cuocete la pasta in abbondante acqua salata, scolatela un poco al dente e conditela con il pesto di zucchine. Servite con un filo di olio a crudo.

pestozucchine6

pestozucchine7

pestozucchine10

pestozucchine11

Pennette ricotta e limone

pennette7

pennette8

pennette9

Un primo dai sapori e dalle fragranze fresche, spicca fra tutti il limone profumatissimo, presente come ingrediente della pasta secca ma anche nel condimento assieme alla ricotta. Una pasta servita in pratici ed originali vasetti in vetro, su una base di fresella e pomodorini gialli gourmet La Fiammante. Un pizzico di rosmarino ed aglio per aromatizzare et voilà…

pennette1
Pennette lisce al limone de La Fabbrica della Pasta di Gragnano

pennette2

pennette4

Ingredienti:

  • 200 g di Pennette lisce al limone de La Fabbrica della Pasta di Gragnano
  • 150 g ricotta fresca
  • 1 limone
  • olio d’oliva qb
  • sale & pepe qb
  • 1 fresella
  • 200 g Pomodorini gialli Gourmet La Fiammante
  • rosmarino qb
  • 1 spicchio di aglio

pennette12

Preparazione:

Prendete la fresella e mettetele in ammollo qualche minuto in acqua fredda, intanto nel mixer versate i pomodorini gialli, 1 spicchio di aglio e qualche foglia di rosmarino,un filo d’olio d’oliva, poi aggiungete anche la fresella ormai ammorbidita, frullate. Aggiustate di sale e pepe e versate il composto sul fondo del vasetto di vetro che userete come contenitore monopersona per servire le pennette. Ora dedicatevi al condimento a base di ricotta e limone, mentre aspettate che bolla l’acqua per la pasta. In una ciotola iniziate a lavorare la ricotta fresca, aggiungete la scorza di mezzo limone, sale e un pizzico di pepe, un filo di olio. Continuate a lavorare fino ad ottenere un composto cremoso ed omogeneo, se necessario aggiungete un pò di acqua di cottura della pasta per allungare la crema di ricotta in caso vi rimanga troppo densa. Cucinate le pennette e scolatele un poco al dente. Conditele con la crema di ricotta al limone e trasferitele nei vasetti di vetro sopra alla base di fresella e pomodorini. Decorate con qualche pomodorino e rosmarino. Un filo d’olio a crudo e un pizzico di sale e pepe.

pennette3

pennette5
nel mixer la fresella “spugnata” & i pomodorini gialli….

pennette10

pennette11

Con questa ricetta partecipo al Contest “Pomorosso d’Autore” ricette di pasta      realizzato da MySocialRecipe in collaborazione con La Fiammante e la Fabbrica della Pasta di Gragnano

http://www.mysocialrecipe.com/contest/pomorosso-dautore/ricette-di-pasta-2017/

https://www.lafiammante.it/

http://www.lafabbricadellapastadigragnano.it/

Ricette di Pasta 2017

Caccavelle 4 stagioni

Le Caccavelle della Fabbrica della Pasta di Gragnano

Si tratta di un formato di pasta molto grande, la sua forma è quella di un pentolino: la “caccavella” in napoletano. Si presta appunto per la sua forma ad essere utilizzata con una abbondante farcitura, “imbottitura” per l’esattezza, sempre in napoletano. Si cucina sostanzialmente in 2 tempi: prima si fa scottare in acqua salata, poi si farcisce ed infine si termina la cottura in forno.

caccavella1

Ho ricevuto in omaggio una confezione da 4 caccavelle, davvero molto belle, la prima cosa a cui ho pensato guardandole sono state le stagioni, una associazione forse un pò scontata, ma questa idea di farcire ogni caccavella con prodotti ed ingredienti tipici di ogni stagione mi ha proprio folgorato e soprattutto la voglia di accostare colori & sapori legati ai diversi periodi dell’anno mi ha portato al supermercato di volata. Quindi ho cercato di realizzare un candido e bianco inverno con una farcia di finocchio e cavolfiore, una vellutata besciamella e delle mandorle a scaglie. Una primavera tutta verde: pisellini, fave, asparagi & carciofi freschi, qualche cipollina e tanta ricotta, una decorazione con fiori di malva, perchè che primavera è senza neanche un fiore?? Un’estate che sa di sapori e profumi del sud: melanzane, conserva di pomodoro, provola, con qualche pomodorino confit e tanto basilico fresco. Ed infine un autunno con tutti i colori delle foglie che cadono: gialle come i pomodorini, arancioni come la zucca e marroni come i funghi porcini, con una solverata di profumato curry.

caccavella13
…una nevicata di mandorle in scaglie per l’inverno
caccavella12
…fiori di malva in primavera
caccavella9
…basilico fresco sull’estate
caccavella10
…una spolverata di curry per l’autunno

Ingredienti:

  • 4 caccavelle della Fabbrica di Gragnano
  • olio d’oliva qb
  • sale qb

…per la caccavella d’inverno…

  • 125 g besciamella
  • 100 g finocchio
  • 100 g cavolfiore
  • cannella in polvere qb
  • 30 g mandorle a scaglie

…per la caccavella di primavera…

  • 100 g ricotta
  • mezzo carciofo
  • 2 asparagi
  • 50 g fave fresche
  • 50 g pisellini freschi
  • 1 cipollina fresca
  • prezzemolo tritato qb
  • fiori di malva qb

…per la caccavella d’estate…

  • 100 g passata pomodoro La Fiammante
  • 1 melanzana
  • 80 g provola
  • 4/5 pomodorini a grappolo freschi
  • basilico fresco qb
  • zucchero a velo qb

…per la caccavella d’autunno…

  • 100 g besciamella
  • 100 zucca
  • 80 g porcini freschi
  • qualche pomodorino giallo linea gourmet la Fiammante
  • curry in polvere qb
  • rosmarino qb

Per questa ricetta ho utilizzato prodotti di qualità, eccellenze del made in Italy: la storica produzione di conserve alimentari La Fiammante, prima filiera chiusa di pomodoro 100% italiano al sud e La Fabbrica della Pasta di Gragnano, il primo pastificio ad aver ottenuto il riconoscimento “Pasta di Gragnano I.G.P.”, grande tradizione che si affianca ad una lavorazione rigorosamente artigianale. Pasta e pomodoro sono da sempre gli ambasciatori del gusto italiano nel mondo, interpreti della grande tradizione artigianale e della straordinaria creatività in cucina di un intero popolo: una gioiosa celebrazione di bellezza e salute che va avanti da 200 anni, tra memoria ed innovazione.

caccavella7

Preparazione:

Per prima cosa sbollentate le caccavelle: mettete a bollire in una pentola di grandi dimensioni acqua e sale. Quando l’acqua bolle calate le caccavelle e fate cuocere pre circa 10 minuti, durante la cottura giratele di tanto in tanto, delicatamente per evitare di romperle. Trascorso il tempo necessario togliete le caccavelle dall’acqua con la schiumarola e fatele scolare capovolte su di un canovaccio. A questo punto iniziate con la preparazione delle farciture. Per quanto riguarda l’inverno: lessate in acqua il cavolfiore ed il finocchio, scolteli ancora croccanti e tagliateli a piccoli pezzi. Amalgamate il cavolfiore ed il finocchio con la besciamella, condite con un filo d’olio, un pizzico di cannella in polvere ed aggiustate di sale. Farcite la prima caccavella fino quasi all’orlo. Per la primavera, fate scottare in acqua salata mezzo carciofo, che avrete già tagliato a fette e mantenuto in acqua e limone, 2 asparagi, i pisellini e le fave fresche. Anche queste verdurine lasciatele un poco croccanti ed amalgamatele con la ricotta, condite con un filo d’olio, un pizzico di prezzemolo tritato finemente e qualche fetta di cipolla che avrete fatto soffriggere in padella con un filo di olio. Farcite anche la seconda caccavella. Per la caccavella dell’estate preparate una sorta di parmigiana, fate saltare in padella con dell’olio d’oliva mezza melanzana tagliata a fette. Intanto fate cuocere in forno qualche pomodorino condito con sale olio, qualche spezia di vostro gradimento ed una manciata di zucchero a velo. Farcite la caccavella con strati alterni di passata di pomodoro, melanzane e la provola tagliata a fettine sottili. Guarnite con qualche pomodorino confit. Infine per la caccavella dell’autunno fate velocemente cuocere in forno la zucca tagliata a listarelle sottili. Intanto fate saltare in padella con un pò di olio il fungo porcino tagliato a fette sottili. Amalgamate i funghi, la zucca, qualche pomodorino giallo con un pò di besciamella, aggiustate di sale, condite con un filo d’olio e qualche rametto di rosmarino. Trasferite le caccavelle su una teglia rivestita di carta forno e cuocete in forno già caldo a 180 gradi per circa 20 minuti. Sfornate e servite ancora calde: guarnite la caccavella d’inverno con delle mandorle a scaglie, decorate la caccavella di primavera con qualche fiore di malva, aggiungete a quella dell’estate foglie di basilico fresco e cospargete quella d’autunno con una spolverata di curry.

Ecco le caccavelle pronte per essere infornate:

caccavella2
…candido inverno
caccavella3
…verde primavera
caccavella5
…un’estate dai profumi del sud
caccavella4
…caldo autunno

Con questa ricetta partecipo al Contest “Pomorosso d’Autore” ricette di pasta      realizzato da MySocialRecipe in collaborazione con La Fiammante e la Fabbrica della Pasta di Gragnano

http://www.mysocialrecipe.com/contest/pomorosso-dautore/ricette-di-pasta-2017/

https://www.lafiammante.it/

http://www.lafabbricadellapastadigragnano.it/

Ricette di Pasta 2017