Paccheri polipo & pomodorini

IMG_20171224_131517

…un primo di pasta & pesce veramente carico di gusto, colore e sapore. Perfetto anche come primo per il cenone di Capodanno, pochi ingredienti, semplici, tutti con un gusto intenso e deciso, un carico di profumi che ricordano l’ estate ed il sud…

IMG_20171224_131031

IMG_20171224_130955

Ingredienti: (per 4 persone)

  • 300 g paccheri
  • 500 g polipo fresco
  • 400 g pomodorini
  • 1 spicchio di aglio
  • 200 g olive nere
  • 200 g passata di pomodoro
  • olio d’oliva
  • sale & pepe qb
  • prezzemolo fresco qb

IMG_20171224_131525

Preparazione:

Iniziate sicuramente con la cottura del polipo: portate ad ebollizione in una pentola capiente abbondante acqua salata. Immergete il polipo nell’ acqua bollente e continuate la cottura per circa 20/30 minuti. Spegnete il fuoco e lasciatelo raffreddare nell’ acqua di cottura poi scolatelo e tagliatelo a tocchetti. In una padella fate soffriggere uno spicchio di aglio con poco olio e se volete anche un pò di peperoncino. Lavate i pomodorini ed aggiungeteli in padella assieme al soffritto, fateli cuocere a fuoco medio finchè non si saranno appassiti. Aggiustate di sale e pepe. Versate la passata di pomodoro. Poi aggiungete anche le olive ed il polipo e lasciate insaporire per circa 5/10 minuti. Se vi piacciono potete aggiungere anche un pò di capperi. Intanto cuocete i paccheri in abbondante acqua salata, scolateli al dente e terminate la cottura facendoli saltare in padella assieme al condimento. Servite con un filo di olio a crudo e un poco di prezzemolo fresco tritato.

IMG_20171224_131013

Paccheri ripieni al forno

IMG_20171230_134419

…i Paccheri rigati di Gragnano, una pasta di semola di grano duro, si prestano ad una farcitura ricca e a una doppia cottura senza problematiche, un primo di pasta arricchito da verdure di stagione, gustoso & sfizioso, perfetto anche per un cenone delle feste. Si può preparare comodamente con un poco di anticipo e poi infornare e terminare la cottura al momento…

IMG_20171230_134634

IMG_20171230_134834

IMG_20171230_134842

Ingredienti: (per 6/8 persone)

  • 400 g paccheri
  • 200 ml besciamella (200 ml latte, 20 g burro, 15 g farina, 1 pizzico sale & noce moscata)
  • 300 g broccoli freschi
  • olio d’oliva qb
  • sale & pepe qb
  • parmigiano qb
IMG_20171230_111703
…i paccheri rigati della Fabbrica della Pasta di Gragnano…

IMG_20171230_111828

Preparazione:

Sbollentate i broccoli freschi dopo aver eliminato i gambi e le foglie in abbondante acqua salata. Scolateli ancora croccanti per evitare poi che dopo la seconda cottura in forno si ammorbidiscano troppo. Preparate la besciamella, meglio piuttosto fluida (sciogliendo in un tegame il burro, aggiungendo poi la farina ed in seguito il latte caldo, poi un pizzico di sale e noce moscata, sempre mescolando fino a quando il composto non inizierà ad addensarsi) oppure utilizzate quella già pronta all’uso. Intanto cuocete i paccheri in abbondante acqua salata, ma solamente per metà del tempo di cottura previsto. Scolateli ed aggiungete un filo di olio in modo da evitare che si attacchino fra di loro. Io ho utilizzato delle ciotoline monoporzione ma voi se preferite potete anche optare per una teglia unica. Versate un pò di besciamella sul fondo della teglia oppure in ogni ciotolina monoporzione. Iniziate poi a posizionare i paccheri, uno accanto all’altro. Farciteli con i broccoletti sbollentati fatti a pezzetti e con altra besciamella che farete colare dall’alto. Cospargete con del parmigiano grattugiato e condite con un filo di olio a crudo, un pizzico di sale e pepe. Terminate la cottura in forno, già caldo a 180 gradi per 25/30 minuti. Se vi piace una bella crosticina croccante, optate per il grill per gli ultimi 5 minuti. Serviteli appena sfornati.

IMG_20171230_134427

Lasciatevi ispirare dalle verdure e dai prodotti di stagione e provate anche altri accostamenti: stuzzicanti e gustose varianti, ad esempio zucca e pancetta oppure ancora con carciofi o radicchio.

IMG_20171230_112328
…ecco un’ altra variante: con zucca & pancetta…

IMG_20171230_112301

IMG_20171230_112309

Pasta & cavolo

IMG_20171109_121145

…pasta & cavolo è un primo piatto che ho avuto il piacere di assaggiare per la prima volta in una cucina napoletana, si tratta di una pasta minestrata cioè cucinata direttamente con il condimento (come si usa fare per preparare i risotti ad esempio). Anticamente si trattava di un piatto “povero” della tradizione Campana, l’ usanza era di utilizzare proprio per questa ricetta tutti gli avanzi dei pacchi di pasta che rimanevano in dispensa, da qui appunto: la pasta mista. Oggi invece si trovano comodamente già in commercio confezioni contenenti svariati formati di pasta (con la stessa cottura naturalmente)…

IMG_20171109_120935

IMG_20171107_114824

Ingredienti:

  • 1 cavolfiore
  • 300 g pasta secca mista
  • aglio qb
  • peperoncino qb
  • sale qb
  • olio d’oliva qb
  • prezzemolo qb
IMG_20171109_114419
…la pasta mista:  le rimanenze dei vari formati avanzati in dispensa…

IMG_20171109_120839

Preparazione:

Iniziate dal cavolfiore: lavatelo accuratamente sotto l’acqua corrente, tagliate tutte le cime dal gambo centrale che non utilizzerete. In una casseruola fate soffriggere 1 spicchio di aglio ed un poco di peperoncino. Versate le cimette del cavolo e fatele insaporire per alcuni minuti. Aggiungete un pizzico di sale. A questo punto versate tanta acqua quanta ne basta per ricoprire tutto il cavolo. Lasciate cuocere per circa 20/25 minuti fino a quando il cavolo si sarà ammorbidito. Se ce l’avete in frigorifero aggiungete una scorza di parmigiano, dopo aver pulito con uno spazzolino la superficie esterna. Trascorso il tempo necessario, quando appunto il cavolo sarà già ben cotto, versate anche la pasta direttamente nella casseruola. Fate cuocere il tutto secondo il tempo di cottura indicato nella confezione. Se necessario, cioè se l’acqua non ricopre tutta la pasta, aggiungetene un altro pò. Mescolate di tanto in tanto.Aggiustate di sale. Servite la pasta e cavolo con un filo di olio a crudo ed un pò di prezzemolo tritato.

IMG_20171109_121124

Paccheri rigati al caffè con fiori di zucca & provola

kimbo10

kimbo8

…una ricetta con pochi e semplici ingredienti, che non richiede tempo e fatica: decisamente un piatto estivo che racchiude colori sapori e profumi del sud!!! Io lo adoro, una ricetta tipica della cucina partenopea che, quando la propongo ad amici riscuote sempre un gran successo: un esplosione di colori e sapori nel piatto, che fanno venire la voglia di mangiarlo solo a guardarlo…

Oggi vi ripropongo questo tradizionale condimento della cucina napoletana, solitamente abbinato ad un formato di pasta classico partenopeo: le mezze maniche, invece con un bellissimo e particolare formato che ho ricevuto in omaggio dalla Fabbrica della Pasta di Gragnano aromatizzato al caffè Kimbo: un accostamento che forse sembrerà azzardato ma ben riuscito in un gioco di sapienti contrasti, ma anche di sapori nuovi da declinare con il dolce o con il salato.

Un risultato frutto di un felice matrimonio fra 2 simboli dell’italianità: la pasta ed il caffè: La Fabbrica della Pasta di Gragnano e Kimbo, un incontro fra 2 eccellenze della tradizione gastronomica italiana, per un risultato innovativo, destinato a sorprendere  e ad appassionare.

kimbo2
pasta di semola di grano duro con farina di caffè tostato
kimbo4
le tipiche sfumature della pasta lasciano spazio al colore intenso e vellutato del caffè
kimbo5
una tenuta di cottura ottimale ed un’incredibile capacità di raccogliere ed esaltare ogni sfumatura del condimento

Ingredienti: (per 4 persone)

  • 400 g paccheri rigati al caffè
  • 100 g fiori di zucca freschi
  • 250 g provola affumicata
  • 50 g parmigiano oppure pecorino
  • aglio qb
  • olio d’oliva qb
  • sale & pepe qb
  • basilico qb

kimbo1

kimbo3

Preparazione:

Iniziate dai fiori di zucca: lavateli delicatamente, lasciateli poi sgocciolare per eliminare l’acqua in eccesso e poi rimuovete da ogni fiore il pistillo interno, facendo attenzione a non rompere il fiore. In una padella fate imbiondire qualche spicchio di aglio con un pò di olio, una volta dorati, eliminate gli spicchi di aglio e fate appassire a fiamma vivace i fiori di zucca, saranno sufficienti pchi istanti. Aggiustate di sale & pepe e togliete dal fuoco. Cuocete i paccheri in abbondante acqua salata. Intanto tagliate a dadini la provola affumicata, non me ne vorranno i napoletani, speriamo, se vi consiglio di utilizzare in alternativa alla provola, che purtroppo potrebbe non essere reperibile in molti supermercati del settentrione, la scamorza affumicata. Scolate la pasta un poco al dente e fatela saltare in padella con i fiori di zucca. Aggiungete anche la provola a dadini e qualche foglia di basilico. In pochissimi minuti il formaggio diverrà filante, servite se gradite con una spolverata di parmigiano o pecorino grattugiati.

kimbo6
…fate saltare i paccheri in padella con i fiori di zucca poi aggiungete la provola ed il basilico…

 

kimbo9

 

Pesto di spinacini

pestospinaci4

…un altro pesto estivo: verde, un’alternativa a quello classico di basilico, dal gusto più deciso, originale ma altrettanto gustoso. Un bel colore verde brillante, intenso che colorerà tutta la pasta. Un carico di vitamine, antiossidanti di cui gli spinaci sono ricchissimi…

pestospinaci5

pestospinaci6

Ingredienti: (per 4 persone)

  • 320 g pasta
  • 300 g spinacini freschissimi
  • 80 g pecorino grattugiato
  • 60 g mandorle
  • olio d’oliva qb
  • sale & pepe qb
pestospinaci1
spinacini freschi & mandorle…

Preparazione:

Pulite e lavate con abbondante acqua gli spinaci, preferite le foglie più piccole e tenere, perchè comunque si tratta di un pesto a crudo. Trasferite tutte le foglioline in un mixer con il pecorino grattugiato (mantenetene da parte un cucchiaio) e le mandorle. Versate a filo l’olio (qualche cucchiaio), un pizzico di sale e pepe. Azionate il mixer fino ad ottenere un composto cremoso. Aggiungete altro olio e continuate a frullare. Cuocete la pasta in abbondante acqua salata e scolatela un poco al dente. Trasferite il pesto di spinacini in una padella antiaderente e aggiungete la pasta appena scolata, fatela saltare velocemente. Se necessario e il pesto vi sembra un pò denso potete aggiungere un mestolino di acqua di cottura della pasta per renderlo più fluido. Servite con un filo di olio a crudo e cospargete con il pecorino tenuto da parte.

pestospinaci3

 

Pesto di melanzane

pestomelanzane10
melanzane, noci e basilico…
pestomelanzane7
La Gnocca della Fabbrica della Pasta di Gragnano

pestomelanzane11

…con l’arrivo dell’estate ci possiamo sbizzarrire a preparare tanti pesti diversi per condire la pasta, oggi proviamo con le melanzane: sicuramente non otterremo un classico pesto verde, ma sono così buone le melanzane che vale la pena provare!!! Si tratta sostanzialmente di una salsa preparata appunto con le melanzane e con l’aggiunta di noci, parmigiano ed olio. Per aggiungere una nota fresca la possiamo aromatizzare con qualche fogliolina di menta oppure un pò di scorza di limone oppure ancora, io oggi ho aggiunto qualche foglia di basilico. Considerato che le melanzane ci regaleranno una consistenza molto cremosa e vellutata, possiamo lasciare le noci, in contrasto, tritate un pò grossolanamente…

pestomelanzane2
ho utilizzato questo bellissimo formato di pasta trafilata in bronzo della serie “gli speciali” della “Fabbrica della Pasta di Gragnano”
pestomelanzane3
“La Fabbrica della Pasta di Gragnano”
pestomelanzane4
“La Gnocca”

Ingredienti:

  • 600 g melanzane
  • 50 g noci
  • 50 g parmigiano
  • olio d’oliva qb
  • qualche foglia di basilico
  • sale & pepe qb

pestomelanzane9

Preparazione:

Lavate ed asciugate le melanzane, disponetele su una teglia rivestita di carta forno e fate cuocere a 200 gradi per una quarantina di minuti, meglio se modalità ventilata. Comunque regolatevi anche in base alla grandezza delle melanzane, in ogni caso devono risultare grinzose esternamente e la polpa interna deve essere cotta ed morbida. Trascorso il tempo necessario lasciatele intiepidire e poi tagliatele a metà, a questo punto dovrebbe essere molto facile prelevare con un cucchiaio tutta la polpa. Trasferite la polpa di melanzana in un colino e schiacciatela con una forchetta, in modo da eliminare tutta la loro acqua di vegetazione e quindi ottenere poi un pesto un poco più denso. Versate ora la polpa nel mixer assieme alle noci, al parmigiano e alle foglie di basilico, versate a filo l’olio ed iniziate a frullare. Se necessario aggiungete altro olio. Aggiustate di sale e pepe. Non dilungatevi troppo nel frullare così le noci rimarranno un poco più grossolane, in modo da contrastare con la cremosità delle melanzane. Intanto mettete a cuocere la pasta, scolatela leggermente al dente e conditela con abbondante pesto. Decorate con qualche fogliolina di basilico e qualche noce intera su ogni piatto. Provate a sostituire le foglie di basilico con quelle di menta ed otterrete un pesto ancora più fresco ed aromatico.

pestomelanzane1
cuocete le melanzane in forno per una quarantina di minuti…
pestomelanzane5
lascaitele intiepidire ed estraete la polpa…
pestomelanzane6
schiacciatele in un colino con una forchetta per eliminate tutta l’acqua…

Pesto di zucchine

pestozucchine9

…finalmente sta per arrivare l’estate  e ci possiamo sbizzarrire con la fantasia, condire la pasta con verdure sempre diverse, fresche di stagione, colorate, gustose, profumate… Utilizzarle crude ci permette di gustarle al meglio senza alterare con la cottura tutte le proprietà benefiche dei micronutrienti in esse contenute…Oggi direttamente dall’orto ho raccolto delle belle zucchine verdi, un ciuffo di menta per una nota fresca, che in queste giornate calde è proprio l’ideale e poi aggiungo le mandorle: ecco pronto un pesto gustoso, sano e veloce da preparare!!!!

pestozucchine1

pestozucchine2

Ingredienti:

  • 200 g pasta secca (meglio un formato medio/corto)
  • 2 zucchine fresche
  • 50 g mandorle
  • foglie di menta qb
  • 1 spicchio di aglio
  • olio d’oliva qb
  • sale & pepe qb
pestozucchine4
io ho utilizzato una pasta trafilata in bronzo de La Fabbrica della Pasta di Gragnano
pestozucchine5
‘e Puntiglius, un formato bellissimo di una pasta secca di qualità

pestozucchine8

Preparazione:

Lavate e tagliate le zucchine eliminando la parte centrale bianca se in eccesso rispetto alla buccia (questo anche per cercare di ottenere un pesto di un bel colore verde). Io preferisco utilizzare le zucchine a crudo, per il gusto ed anche la texture finale che risulta più “croccante”. Comunque se preferite potete scottare le zucchine in un pentolino con acqua salata per una decina di minuti, evitando però di cuocerle troppo altrimenti si perderà un poco in gusto e colore. Quando si tratta di preparare un pesto l’ideale sarebbe utilizzare il mortaio: provate e vi stupirete di quanto i sapori ed i profumi saranno più intensi!!! E’ naturale che per questioni di praticità e di tempo si utilizzi il mixer: in questo caso allora, utilizzate una velocità ridotta ed interrompete di tanto in tanto per cercare di evitare l’ossidazione degli ingredienti dovuta al surriscaldamento delle lame. Se utilizzate il mixer versatevi le zucchine, 1 spicchio di aglio, le mandorle, alcune foglie di menta e l’olio d’oliva: quanto basta per riuscire ad ottenere un pesto cremoso ed omogeneo. Regolate di sale & pepe. Cuocete la pasta in abbondante acqua salata, scolatela un poco al dente e conditela con il pesto di zucchine. Servite con un filo di olio a crudo.

pestozucchine6

pestozucchine7

pestozucchine10

pestozucchine11

Pennette ricotta e limone

pennette7

pennette8

pennette9

Un primo dai sapori e dalle fragranze fresche, spicca fra tutti il limone profumatissimo, presente come ingrediente della pasta secca ma anche nel condimento assieme alla ricotta. Una pasta servita in pratici ed originali vasetti in vetro, su una base di fresella e pomodorini gialli gourmet La Fiammante. Un pizzico di rosmarino ed aglio per aromatizzare et voilà…

pennette1
Pennette lisce al limone de La Fabbrica della Pasta di Gragnano

pennette2

pennette4

Ingredienti:

  • 200 g di Pennette lisce al limone de La Fabbrica della Pasta di Gragnano
  • 150 g ricotta fresca
  • 1 limone
  • olio d’oliva qb
  • sale & pepe qb
  • 1 fresella
  • 200 g Pomodorini gialli Gourmet La Fiammante
  • rosmarino qb
  • 1 spicchio di aglio

pennette12

Preparazione:

Prendete la fresella e mettetele in ammollo qualche minuto in acqua fredda, intanto nel mixer versate i pomodorini gialli, 1 spicchio di aglio e qualche foglia di rosmarino,un filo d’olio d’oliva, poi aggiungete anche la fresella ormai ammorbidita, frullate. Aggiustate di sale e pepe e versate il composto sul fondo del vasetto di vetro che userete come contenitore monopersona per servire le pennette. Ora dedicatevi al condimento a base di ricotta e limone, mentre aspettate che bolla l’acqua per la pasta. In una ciotola iniziate a lavorare la ricotta fresca, aggiungete la scorza di mezzo limone, sale e un pizzico di pepe, un filo di olio. Continuate a lavorare fino ad ottenere un composto cremoso ed omogeneo, se necessario aggiungete un pò di acqua di cottura della pasta per allungare la crema di ricotta in caso vi rimanga troppo densa. Cucinate le pennette e scolatele un poco al dente. Conditele con la crema di ricotta al limone e trasferitele nei vasetti di vetro sopra alla base di fresella e pomodorini. Decorate con qualche pomodorino e rosmarino. Un filo d’olio a crudo e un pizzico di sale e pepe.

pennette3

pennette5
nel mixer la fresella “spugnata” & i pomodorini gialli….

pennette10

pennette11

Con questa ricetta partecipo al Contest “Pomorosso d’Autore” ricette di pasta      realizzato da MySocialRecipe in collaborazione con La Fiammante e la Fabbrica della Pasta di Gragnano

http://www.mysocialrecipe.com/contest/pomorosso-dautore/ricette-di-pasta-2017/

https://www.lafiammante.it/

http://www.lafabbricadellapastadigragnano.it/

Ricette di Pasta 2017

Farfalloni con pesto di fave

farfalloni1
un formato originale: i farfalloni della Fabbrica della Pasta di Gragnano
farfalloni2
formati di pasta, vere opere d’arte, ottenute grazie all’impiego di materie prime di alta qualità ed un’accurata lavorazione artigianale…

farfalloni4

Ingredienti: (per 4 persone)

  • 320 g farfalloni di La Fabbrica della Pasta di Gragnano
  • 1 kg di fave fresche
  • 40 g di pecorino già grattugiato
  • 40 g di mandorle
  • 1 spicchio di aglio
  •  foglie di menta qb
  • olio d’oliva qb
  • sale & pepe qb

farfalloni5

farfalloni6

farfalloni7

Preparazione:

Prendete le fave e sgranatele dal bacello. Sbollentatele per almeno 5 minuti in abbondante acqua salata. Passatele velocemente sotto l’acqua corrente fredda e lasciatele un poco a scolare. Quando si tratta di preparare un pesto l’ideale sarebbe utilizzare il mortaio: provate e vi stupirete di quanto i sapori ed i profumi saranno più intensi!!! E’ naturale che per questioni di praticità e di tempo si utilizzi il mixer: in questo caso allora, utilizzate una velocità ridotta ed interrompete di tanto in tanto per cercare di evitare l’ossidazione degli ingredienti dovuta al surriscaldamento delle lame. Se utilizzate il mixer versatevi le fave, le foglioline di menta già lavate (circa una decina), 1 spicchio di aglio, le mandorle ed a filo l’olio d’oliva in modo da ottenere la consistenza desiderata, azionate a velocità bassa ed intorrempetevi di tanto in tanto. Aggiungete anche il pecorino. Aggiustate di sale e pepe, anche se utilizzando il pecorino, un formaggio molto saporito, non è quasi necessaria l’aggiunta del sale. Amalgamate bene il tutto. Se utilizzate il mortaio armatevi di pazienza ed iniziate con il pestello lentamente a schiacciare tutti gli ingredienti fino ad ottenere un composto cremoso. Cuocete i farfalloni in abbondante acqua salata. Scolateli e conditeli subito con il pesto.

farfalloni8
un pesto fresco e primaverile: fave mandorle & menta…
farfalloni9
serviti in pratici & comodi vasetti in vetro monoporzione: un idea simpatica ed originale, ideale anche per la pausa pranzo fuori casa
pestofave8
se pestato con il mortaio il pesto sprigiona sapori aromi e fragranze molto più intense
pestofave9
un pesto che è un pieno di salute: le fave ricche di proteine e fibre, le mandorle ricche di nutrienti, acidi grassi essenziali, vitamine, fitosteroli e una nota fresca con la menta

Pesto di fave

…un pesto alternativo ma buonissimo, preparato con le fave di stagione, mandorle e pecorino, aromatizzato con qualche foglia di menta per renderlo ancora più fresco…a tutto “green” !!!! le fave sono legumi ricchi di proteine e fibre, poveri di grassi e ricchi di sali minerali.. un pieno di salute e vitamine!!! E’ importante consumarle in questo periodo, ora che si trovano fresche di stagione, a km 0…si tratta di un pesto molto gustoso che ben si adatta anche con la pasta integrale un poco più rustica, ma è buonissimo anche spalmato sul pane!!! provatelo!!! La frutta secca poi, in questo caso le mandorle, è ricchissima di nutrienti, acidi grassi essenziali, proteine vegetali, vitamina E, sali minerali e fitosteroli…insomma una miniera di sostanze nutritive benefiche!!! Senza contare il gusto ed il sapore che ben si sposa anche accostato come in questo caso ad un primo piatto!!! Ho scelto per questa ricetta le mandorle, che sono meno grasse delle noci ad esempio e che hanno un sapore più delicato, le ho utilizzate tritate all’interno del pesto e in scaglie come decorazione finale…

pestofave3

pestofave4

Ingredienti: (per 4 persone)

  • 320 g spaghetti al farro
  • 1 kg di fave fresche
  • 40 g di pecorino già grattugiato
  • 40 g di mandorle
  • 1 spicchio di aglio
  •  foglie di menta qb
  • olio d’oliva qb
  • sale & pepe qb

Preparazione:

Prendete le fave e sgranatele dal bacello. Sbollentatele per almeno 5 minuti in abbondante acqua salata. Passatele velocemente sotto l’acqua corrente fredda e lasciatele un poco a scolare. Quando si tratta di preparare un pesto l’ideale sarebbe utilizzare il mortaio: provate e vi stupirete di quanto i sapori ed i profumi saranno più intensi!!! E’ naturale che per questioni di praticità e di tempo si utilizzi il mixer: in questo caso allora, utilizzate una velocità ridotta ed interrompete di tanto in tanto per cercare di evitare l’ossidazione degli ingredienti dovuta al surriscaldamento delle lame. Se utilizzate il mixer versatevi le fave (io ne mantengo una manciata da parte da aggiungere poi in ultimo sulla pasta assieme al pesto), le foglioline di menta già lavate (circa una decina), 1 spicchio di aglio, le mandorle ed a filo l’olio d’oliva in modo da ottenere la consistenza desiderata, azionate a velocità bassa ed intorrempetevi di tanto in tanto. Aggiungete anche il pecorino. Aggiustate di sale e pepe, anche se utilizzando il pecorino, un formaggio molto saporito, non è quasi necessaria l’aggiunta del sale. Amalgamate bene il tutto. Se utilizzate il mortaio armatevi di pazienza ed iniziate con il pestello lentamente a schiacciare tutti gli ingredienti fino ad ottenere un composto cremoso. Cuocete gli spaghetti al farro in abbondante acqua salata. Scolateli e conditeli subito con il pesto. Aggiungete anche le fave che avete mantenuto intere. Servite gli spaghetti con un filo di olio a crudo.

pestofave4

pestofave5

pestofave6

pestofave8

Con questa ricetta partecipo al contest “Noci, nocciole & frutta secca” del blog “lastufaeconomica”

Settimo contest:” NOCI, NOCCIOLE & frutta secca “