Prugne sciroppate

IMG_20170910_153212

…ecco come preparare delle buonissime prugne sciroppate fatte in casa, non è affatto difficile ed effettivamente anche facile e divertente, io ricordo ancora da bambina quando aiutavo la nonna a fine agosto a preparare sia le prugne che le pesche sciroppate: forse io più che aiutare mi divertivo a rubare di nascosto i pezzetti di frutta già pronti per essere invasati, ma ricordo invece con chiarezza quanto impegno per cercare di preparare quante più conserve per riempire gli scaffali della cantina ed avere una grande scorta per il freddo e lungo inverno, tanti vasetti colmi di colori e di profumi caldi di sole: il giallo delle pesche, il viola delle prugne, il rosso dei pomodori, il verde dei cetriolini….

IMG_20170910_153420

IMG_20170910_153254

Ingredienti:

  • 2 kg prugne
  • 1 lt acqua
  • 70 g zucchero semolato

IMG_20170910_113404

Preparazione:

Per prima cosa sterilizzate i vasetti con i relativi coperchi, che intendete utilizzare per conservare le prugne, asciugateli bene. Ora dedicatevi alla frutta: lavate accuratamente le prugne e tamponatele con cura con un canovaccio per cercare di asciugarle alla perfezione. Tagliatele a metà ed eliminate i noccioli, in verità la nonna mi spiegava sempre che in ogni vasetto era indispensabile lasciare una mezza prugna con il nocciolo conservato, ma se proprio devo spiegare il motivo…non lo ricordo!!! Sistemate le mezze prugne nei vasetti,facendo attenzione a sistemarle tutte nello stesso verso, e cioè a disporle tutte con il lato del taglio verso il basso. Preparate uno sciroppo con acqua e zucchero, in un pentolino versate entrambi, mescolate e portate al bollore fino a quando tutto lo zucchero non si sarà completamente sciolto. Appena pronto, versate lo sciroppo ancora caldo all’ interno dei vasetti fino a ricoprire tutte le prugne. Richiudete ogni vasetto e procedete con la seconda sterilizzazione: sistemate i vasetti in una pentola capiente, ricoprite di acqua fino a ricoprire tutti i vasetti e fate bollire, se necessario per evitare che i vasetti durante la bollitura si urtino fra loro, arrotolateli in dei canovacci. Una volta raffreddati, riponete e conservate in vasetti in luogo fresco ed al riparo dalla luce.

IMG_20170910_114839
sistemate le prugne, tutte con la parte tagliata verso il basso
IMG_20170910_115554
versate lo sciroppo di acqua & zucchero fino a ricoprire tutte le prugne

Albicocche sciroppate

albicocchesciroppate11

albicocchesciroppate12

…le albicocche sciroppate sono uno di quei tesori dell’estate che possiamo conservare e poi gustare per tutto l’ inverno,  forse un pò meno diffuse rispetto alle pesche, ma altrettanto dolci, buone e profumate…quando aprirete il vostro barattolo in una grigia e fredda giornata d’ inverno vi sorprenderete per i sapori e gli aromi che si sprigioneranno e in un istante vi riporteranno in piena estate!!!! Io in alcuni vasetti ho aggiunto anche dei fiori di lavanda per esplosione di profumi ed aromi davvero ricca e particolare…

Ingredienti:

é fondamentale utilizzare albicocche non troppo mature per evitare che poi in cottura si ammorbidiscano troppo

  • 1 kg albicocche
  • 350 g zucchero semolato
  • 1 limone
  • 2 lt acqua

albicocchesciroppate1

 

Preparazione:

Scegliete delle albicocche non troppo mature e preferibilmente di coltivazione di origine biologica. Lavatele accuratamente. Tagliatele a metà ed eliminate tutti i noccioli. Trasferite le albicocche in una grande ciotola con 1 lt acqua acidulata con il succo di un intero limone per evitare che anneriscano. Intanto in una casseruola versate l’altro litro di acqua con lo zucchero e la buccia del limone. Mescolate di tanto in tanto per facilitare lo scioglimento dello zucchero. Quando lo zucchero si sarà sciolto aggiungete anche le albicocche. Fatele scottare per qualche minuto, massimo 5, più o meno fino a quando l’ acqua non arriverà al bollore. A questo punto scolate le albicocche e lasciatele raffreddare. Non gettate lo sciroppo di zucchero, mantenetelo sul fuoco e lasciatelo sobbollire per 10/15 minuti in modo che si restringa un poco. Poi toglietelo dal fuoco. Iniziate a sistemare le albicocche, un pezzo per volta, con delicatezza per evitare di romperle, dentro i vasetti di vetro che avrete precedentemente sterilizzato. Posizionatele una sopra l’ altra con la metà interna rivolta verso il basso. Continuate fino a lasciare circa 1 cm di spazio libero dal bordo. Versate lo sciroppo fino a ricoprire tutte le albicocche. Effettuate una leggera pressione con le dita sulle albicocche per evitare che rimangano eventuali bolle d’ aria all’ interno del vasetto. Richiudete i vasetti. Fateli raffreddare a testa in giù. Una volta raffreddati, per una maggiore precauzione e sicurezza di corretta conservazione, sistemate i vasetti in una capiente pentola, riempitela d’ acqua e mettetela sul fuoco per una seconda sterilizzazione. In questa seconda procedura fate bollire l’ acqua per 15 minuti. Lasciate raffreddare poi riponete i vasetti in un luogo fresco ed asciutto. Per un migliore risultato, prima di assaggiare le vostre albicocche sciroppate lasciatele riposare per circa 1 mese. Poi le potrete gustare da sole, dolcissime e buone anche così al naturale, oppure le potrete utilizzare come ingrediente di torte, plumcake o perchè no macedonie, oppure ancora assaporarle con yogurt e gelati. Provate anche ad aromatizzare qualche vasetto con alcuni fiori di lavanda: una vera esplosione di fragranze ed aromi estivi!!!

albicocchesciroppate3
fate scottare le albicocche qualche minuto in acqua zucchero & limone

ecco i link a cui fare riferimento riguardo le linee guida  del Ministero della Salute in merito alla corretta preparazione delle conserve alimentari in ambito domestico

http://www.salute.gov.it/portale/news/p3_2_3_1_1.jsp?menu=dossier&p=dadossier&id=40

http://www.salute.gov.it/imgs/C_17_pubblicazioni_2176_allegato.pdf