Confettura di prugne & zenzero

prugne8

prugne10

…ogni albero da frutto ogni anno ci regala piccoli doni: preziosi e gustosi, anche se non trattato e coltivato, a maggior ragione i prodotti che si possono ricavare dai suoi frutti ci devono riempire di orgoglio e soddisfazione… Come nel caso di queste susine scure che crescono su un piccolo e ricurvo alberello che delimita il confine di un dorato campo di grano…proprio stamattina ne ho riempito un cestino  per prepararci una gustosa confettura aromatizzata allo zenzero, perchè come pensavo da bambina, se un albero impiega un intero anno a produrre i suoi frutti sarebbe un vero peccato lasciarli marcire senza raccoglierli…prugne & zenzero: un accostamento niente male, un gusto deciso e paticolare, la nota aspra delle susine si sposa alla perfezione con quella piccante e fresca dello zenzero…

prugne2

prugne4

prugne3

prugne5

Ingredienti:

  • 1 kg susine scure
  • 350 g zucchero semolato
  • radice di zenzero fresca

prugne6

prugne7

Preparazione:

Lavate le susine, tagliatele a metà ed eliminate tutti i noccioli. Tagliatele a pezzi e trasferitele in una casseruola con lo zucchero. Aggiungete anche la radice di zenzero grattugiata, mescolate con un mestolo di legno in modo da amalgamare bene il tutto. Mantenete sul fuoco a fiamma moderata per almeno mezz’ora, mescolando di tanto in tanto in modo da evitare che attacchi sul fondo. Lasciate che la confettura arrivi ad una temperatura di circa 100/110 gradi. Una volta pronta versate la confettura ancora calda nei vasetti di vetro che avrete già precedentemente sterilizzato. Riempite i vasetti fino a lasciare 1 cm dal bordo. Battete leggermente sul fondo i vasetti per cercare di far assestare la confettura ed eliminare eventuali bolle di aria. Chiudete i barattoli e lasciateli raffreddare capovolti. In questo modo, grazie al calore si formerà il sottovuoto. Se volete procedere ad una seconda sterilizzazione, sistemate i vasetti, una volta raffreddati in una pentola capiente piena d’acqua e fate bollire almeno per mezz’ ora. Lasciate raffreddare e poi conservate la confettura in luogo fresco ed asciutto, al riparo da fonti di luce e di calore.

Crostata con confettura di prugne & zenzero

cosa c’è di meglio che preparare una bella crostata con una confettura fatta in casa ed utilizzare la frutta matura di stagione!!! In questo caso ho utilizzato le prugne coltivate nelle campagne circostanti ed ho aggiunto alla confettura della radice di zenzero: una sferzata di gustosa energia con una nota piccante….

crostatadiprugne1
quando anche la confettura è homemade…..prugne,zenzero & zucchero di canna

Ingredienti:

….per la frolla…..

  • 500 g farina
  • 250 g burro
  • 200 g zucchero a velo
  • 4 uova (solo il tuorlo)
  • scorza di limone

….per la confettura….

  • 500 g prugne
  • 20 g radice zenzero
  • 250 g zucchero di canna

Preparazione:

Iniziate preparando la pasta frolla: in planetaria oppure in una ciotola impastate la farina con il burro ancora freddo ed un pizzico di sale, per ottenere un composto simil sabbioso. A questo punto aggiungete i 4 tuorli d’uovo, lo zucchero a velo e la scorza grattugiata di mezzo limone. Impastate per amalgamare tutti gli ingredienti ma non dilungatevi più del necessario per non riscaldare troppo con le mani l’impasto. Formate un panetto, avvolgetelo nella pellicola trasparente e poi lasciatelo raffreddare qualche ora in frigorifero. Intanto preparate la confettura: sbucciate le prugne, eliminate il nocciolo e tagliatele a pezzetti, sbucciate la radice di zenzero e grattugiate la radice. Quindi mettete i pezzetti di prugna, la radice grattugiata e lo zucchero di canna in un tegame, mescolate e cuocete a fuoco moderato per circa mezz’ora. Lasciate intiepidire mentre vi dedicate di nuovo alla frolla.  Mantenetevi almeno un terzo di pasta per la decorazione finale. Stendetela con il matterello e foderate una teglia a cerchio apribile già imburrata. Versate sulla frolla la confettura di prugne & zenzero e decorate con la pasta mantenuta da parte. Infornate e cuocete a 180 gradi per circa 40/45 minuti.

crostatadiprugne2
foderate la teglia con la pasta frolla
crostatadiprugne3
versate la confettura di prugne & zenzero
crostatadiprugne4
per la decorazione io utilizzo una apposita griglia di plastica con cui ottengo un risultato perfetto risparmiando tempo & fatica!!!
crostatadiprugne5
ho decorato la crostata anche con piccoli fiori

Torta prugne & pere

oggi ho ricevuto in regalo una cassetta di frutta tipicamente autunnale: pere, mele, prugne e uva ….direttamente dal contadino: km O ovvero genuinità e gusto assicurati!!!!! Un regalo davvero prezioso, fortunatamente anche nei supermercati ora, stanno spuntando i banchi di frutta e verdura a Km O provenienti dalle coltivazioni limitrofe. Una scelta più sostenibile per l’ambiente e che valorizza le realtà locali e privilegia il consumo di prodotti di stagione.  Quindi con pere & prugne fresche ho pensato di farcire una torta dai sapori & colori proprio dell’autunno: un caldo ed avvolgente profumo di cannella si sprigiona al taglio ad ogni fetta!!!!

prugnepere1
lo zucchero di canna integrale dona un colore ambrato all’impasto ed un aroma intenso

Ingredienti:

  • 4 prugne mature
  • 2 pere
  • 300 g farina
  • 350 g zucchero di canna integrale
  • 2 cucchiaini di cannella in polvere
  • 1 bustina di lievito
  • 4 uova
  • 100 ml olio di semi
  • 1 presa di sale

Preparazione:

In una ciotola montate le uova con lo zucchero. Aggiungete la farina ed il lievito setacciati, la cannella, un pizzico di sale e l’olio. Amalgamate bene il tutto fino ad ottenere un impasto liscio ed omogeneo. Lavate le prugne e tagliatele a fette: io preferisco lasciare la buccia per evitare che in cottura si sciolgano del tutto. Sbucciate le pere e tagliatele a tocchetti. Aggiungete la frutta nell’impasto facendo attenzione a mescolare con cautela. Imburrate una tortiera a cerchio apribile e versate il composto dentro. Infornate e cuocete a 180 gradi per circa 1 ora. Controllate con lo stecchino che la torta sia cotta. Lasciate raffreddare.

pereprugne2
questa è una di quelle torte da credenza, che come diceva mia nonna, il giorno dopo sono ancora più buone