Granita di Cocomero

cocomero15

cocomero12

cocomero14

…una granita semplicissima da preparare in casa: solo anguria fresca ed un pò di zucchero, freschissima & dolce!!! Bellissima da vedere e buonissima da gustare, ideale per dissetarsi e rinfrescarsi in queste giornate di sole!!! Piacerà moltissimo anche ai più piccoli, servitela in bicchieroni di vetro colorati con grandi cannucce e sarà un successo…

cocomero10

cocomero13

Ingredienti:

  • 400 g cocomero (pesato già senza buccia)
  • 100 ml acqua
  • 100 g zucchero

cocomero8

cocomero9

Preparazione:

Per prima cosa preparate lo sciroppo di zucchero, perchè poi prima di utilizzarlo dovrete aspettare che si raffreddi. Mettete sul fuoco in un pentolino acqua & zucchero, portate ad ebollizione mescolando di tanto in tanto per fare sciogliere tutto lo zucchero. Una volta arrivato al bollore abbassate la fiamma, dopo qualche minuto togliete dal fuoco e lasciate raffreddare. I 100 g di zucchero sono abbastanza indicativi, sta a voi in base al gusto personale decidere, le volte successive se utilizzarne un poco meno, perchè comunque il cocomero soprattutto se molto maturo è già dolce di per sè. Potete anche utilizzare lo zucchero di canna se preferite, ricordate però che in quel caso il colore della granita potrebbe essere meno rosa e brillante. Mentre lo sciroppo si raffredda tagliate a pezzettini l’ anguria avendo cura di eliminare tutti i semini. Trasferite poi il cocomero dentro al mixer oppure al frullatore, azionate fino ad ottenere un composto omogeneo. Filtrate la polpa dell’anguria attraverso un colino in modo da trattenere eventuali filamenti. A questo punto amalgamate la polpa filtrata con lo sciroppo di zucchero ed acqua. Versate la vostra granita liquida in un contenitore che poi dovrete trasferire in freezer. Nel giro di 4/5 ore dovrebbe raggiungere la giusta consistenza, ricordatevi però, ogni ora di mescolare la granita per evitare che diventi un unico blocco di ghiaccio. Il composto infatti non deve ghiacciare, ma “granire” e mantenere una consistenza granuloso. Una volta pronta servite la granita in dei bei bicchieri di vetro, si trovano facilmente anche al supermercato, modelli con il coperchio e la cannuccia larga incorporata, simpatici e graziosi!!!

cocomero2

cocomero3
tagliate il cocomero a dadini avendo cura di eliminare ogni semino
cocomero4
frullate il cocomero e poi filtratelo per trattenere eventuali filamenti

cocomero5

cocomero6

 

Nocino

nocino8

…il nocino è un liquore alle noci, che si può preparare senza troppa difficoltà in casa, basta armarsi di un pò di pazienza…come vuole la tradizione si prepara in questi giorni: più precisamente le noci vanno raccolte proprio il giorno di San Giovanni, il 24 giugno quando sono ancora verdi e perfette per preparare il nocino, prima che  inizino a maturare. Liquore che poi sarà pronto per essere consumato in inverno, solitamente nel periodo Natalizio, per la presenza anche di svariate spezie, il nocino è ottimo in inverno quando fuori fa freddo: speziato & profumato…

…qui di seguito la ricetta della nonna, che aggiungeva anche un pizzico di noce moscata grattugiata per aromatizzare il suo nocino, ricordo ancora come era divertente fare a gara a chi riusciva a far cadere più noci verdi sul prato davanti a casa, all’ombra di un immenso noce…

nocino1

nocino2

Ingredienti per 2 litri di liquore:

  • 1 lt di alcool puro al 95%
  • 22/24 noci verdi
  • 500 g zucchero semolato
  • noce moscata qb
  • 6 chiodi di garofano
  • la scorza di 1 limone
  • 400 ml acqua
  • 4/5 stecche di cannella

nocino7

Preparazione:

Per prima cosa lavate bene le noci, fatele asciugare, tamponatele bene con un canovaccio. Tagliate ogni noce in 4 parti, avendo cura di non fare uscire il mallo dal guscio. Trasferitele in un vaso di vetro oppure una bottiglia dalla apertura larga per permettere il passaggio delle noci. Inserite anche le spezie: cannella, chiodi di garofano, un pò di noce moscata grattugiata e scorza del limone. Versate infine l’alcool puro. Richiudete il vaso di vetro e riponetelo in un luogo soleggiato per almeno 40/45 giorni. Ricordatevi di agitatarlo ogni giorno per fare in modo che tutti gli elementi più pesanti non si depositino sul fondo e quindi non riescano a rilasciare al meglio le fragranze e gli aromi. Trascorsi 45 giorni preparate lo sciroppo di acqua e zucchero: in un pentolino fate sciogliere a fiamma bassa lo zucchero nell’acqua. Lasciate raffreddare. Intanto prendete l’infuso di alcool, noci e spezie e filtratelo attraverso un colino a maglie strette in modo da trattenere spezie, noci e tutti i residui più piccoli. A questo punto incorporate lo sciroppo di acqua e zucchero già freddo all’alcool filtrato. Trasferite il liquore in bottiglie di vetro e chiudete con il tappo. Se utilizzate vetro scuro non ci sono accorgimenti, se utilizzate bottiglie di vetro trasparenti dovete mantenerle al riparo dalla luce. Lasciate riposare il liquore fino all’inverno, di solito fino a Natale, per questo motivo può essere una bella idea come regalo ad amici e parenti proprio in occasione del Natale.

nocino3

nocino4

nocino5

Crostata di fragoline

fragoline5

…una crostata di pasta frolla fragrante farcita con la crema pasticcera & decorata con le fragoline: una gioia per gli occhi ed in verità anche per il palato!!! Le fragoline ce le ha portate la nonna appena raccolte dal suo orto, effettivamente la nonna ha un pollice verde eccezionale e soprattutto in primavera ed estate ci delizia con moltissimi dei suoi prodotti, piccoli frutti e verdure che coltiva con tanta passione…e quindi quale migliore occasione che la festa della mamma per preparare una crostata golosa decorata proprio con le sue fragoline!!!!

fragoline2

fragoline6

Ingredienti:

….per la frolla….

  • 400 g farina
  • 200 g burro
  • 125 g zucchero a velo
  • 4 uova (solo il tuorlo)
  • scorza di limone

….per la farcitura….

  • 500 ml latte
  • 85 g zucchero semolato
  • 40 g amido di mais
  • 4 tuorli d’uovo
  • 1 bacello di vaniglia
  • confettura di fragole qb

…per la decorazione…

  • 400 g di fragoline
  • gelatina alimentare qb

fragoline4

Preparazione:

Iniziate preparando la pasta frolla: in planetaria oppure in una ciotola impastate la farina con il burro ancora freddo, per ottenere un composto simil sabbioso. A questo punto aggiungete i 4 tuorli d’uovo, lo zucchero a velo e la scorza grattugiata di mezzo limone ed un pizzico di sale. Impastate per amalgamare tutti gli ingredienti ma non dilungatevi più del necessario per non riscaldare troppo con le mani l’impasto. Formate un panetto, avvolgetelo nella pellicola trasparente e poi lasciatelo raffreddare almeno per mezz’ ora in frigorifero.

Intanto che la frolla si indurisce un pò , preparate la crema pasticcera. Versate il latte in una casseruola preferibilmente di acciaio con una stecca di vaniglia incisa per la sua lunghezza e mettete sul fuoco. Intanto lavorate in una ciotola lo zucchero semolato con i 4 tuorli d’uovo, quando avrete ottenuto un composto spumoso incorporate l’amido di mais ma non rimescolate troppo. Appena il latte avrà raggiunto il bollore eliminate la bacca di vaniglia. Ora dovete amalgamare il latte con il composto di zucchero uova ed amido. Per evitare che il latte bollente cuocia l’uovo io verso a filo un solo mestolo per volta di latte nella ciotola con lo zucchero e le uova ed inizio a mescolare. Poi ritrasferite nella casseruola e riportate sul fuoco a fiamma dolce. Continuate a mescolare con la frusta cercando di arrivare in ogni angolo della casseruola per evitare che si attacchi sul fondo. Fate molta attenzione a questi ultimi passaggi, perchè facilmente potrebbe impazzire la crema e si potrebbero formare dei grumi. Una volta raggiunta la densità ottimale, togliete dal fuoco e continuate a mescolare ancora per qualche istante. Lasciate raffreddare.

Trascorso il tempo necessario prendete la frolla dal frigorifero e stendetela con il materello.  Rivestite con la frolla uno stampo che avrete precedentemente imburrato e bucherellate il fondo con i rebbi di una forchetta. Ricoprite la superficie della vostra crostata con un foglio di carta forno e disponete sopra dei piccoli pesi: io utilizzo dei fagioli secchi. Infornate in forno già caldo, in modalità statica a 180 gradi per circa 20 minuti, al termine dei quali potrete eliminare la carta forno con i fagioli e terminare la cottura della crostata per altri 10 minuti. Sfornate e lasciate raffreddare.

fragoline1
io utilizzo uno stampo con diametro di 24 cm

Nel frattempo lavate delicatamente le fragoline e stendetele su di un canovaccio in modo da eliminare tutta l’acqua in eccesso. Preparate anche la gelatina, io utilizzo le bustine che si trovano comunemente al supermercato: sciolgo 1 bustina in 250 ml di acqua ed aggiungo la quantità di zucchero riportata nella confezione,trasferisco in un pentolino e porto ad ebollizione. Lascio sul fuoco qualche minuto, in modo che si sciolga bene il tutto.

fragoline7

Mentre si raffredda un poco la gelatina, farcite la crostata. Trasferite con delicatezza la frolla su di un piatto da portata e stendete sul fondo un velo di confettura di fragole. Poi versate sopra la crema pasticcera, livellate bene con una spatola ed iniziate a decorare con tutte le fragoline. In ultimo versate la gelatina sopra. Riponete la crostata in frigorifero prima di servirla. Un consiglio: preparate la crostata il giorno prima così sarà ancora più buona, perchè la crema ammorbidirà la frolla sul fondo.

fragoline8

fragoline9

Tortelli ricotta & spinaci

tortelli8

tortelli9

…i tortelli, come li chiamava la nonna, un altro primo di pasta fresca che preparava nei giorni di festa… con un ripieno di ricotta & spinaci, rigorosamente freschi appena raccolti dall’orto. La sfoglia tirata col mattarello ed un condimento semplice: solo burro & salvia con una spolverata di parmigiano…

tortelli1
la sfoglia tirata col mattarello…

Ingredienti: (per circa 8 persone)

…per la sfoglia…

  • 500  g farina 0
  • 5 uova
  • sale qb

…per il ripieno…

  • 200 g spinaci freschi
  • 600 g ricotta
  • 150 g parmigiano
  • 2 uova
  • sale & pepe qb
  • noce moscata qb

…per il condimento…

  • 100 g burro
  • foglie di salvia fresca qb
  • parmigiano grattugiato qb

Preparazione:

Ho volutamente scritto la ricetta con delle quantità che vi potrebbero sembrare un pò esagerate, ma io una volta che preparo sia il ripieno che la sfoglia preferisco fare un pò più di tortelli, per poi conservarne una scorta in freezer, pronti per essere cucinati.

Lavate accuratamente gli spinaci freschi avendo cura di eliminare tutti i residui di terra. Fateli lessare per circa 10 minuti in abbondante acqua bollente. Fateli scolare bene e lasciateli raffreddare prima di tritarli.

Ora dedicatevi alla preparazione della sfoglia. Sul tagliere fate una fontana con la farina, al centro ponete le uova ed un pizzico di sale. Iniziate sempre a mescolre dal centro in modo da incorporare pian piano la farina. Continuate ad impastare fino ad ottenere un impasto liscio, omogeneo e compatto. Fatene una palla e lasciatela riposare per mezz’ora almeno, avvolta nella pellicola trasparente.

Intanto preparate il ripieno: prendete gli spinaci strizzateli con le mani per eliminare quanta più acqua possibile, tritateli finemente con la mezzaluna oppure un coltello. In una ciotola mescolate gli spinaci sminuzzati, la ricotta, le uova, il parmigiano ed un pizzico di noce moscata. Aggiustate di sale & pepe. Continuate a lavorare il ripieno fino a quando non avrete ottenuto un composto omogeneo.

Riprendete la pasta. Stendete la sfoglia con il mattarello con uno spessore di circa 2 mm. Distribuite il ripieno sulla sfoglia in mucchietti equidistanti, una fila per volta, mantenendo una parte di sfoglia libera, davanti ai mucchietti di ripieno in modo da poter coprire ogni fila con la sfoglia. Ritagliate la sfoglia con la rotella dentellata e poi assicuratevi che i bordi siano chiusi bene facendo pressione con i rebbi della forchetta per evitare che i tortelli si aprano in cottura.

Cuocete i tortelli in abbondante acqua salata, gettateli quando l’acqua bolle e quando affioreranno in superficie scolateli con una schiumarola e trasferiteli direttamente in padella. Fateli saltare con il burro e qualche foglia di salvia fresca precedentemente lavata. Servite subito e condite con abbondante parmigiano grattugiato.

tortelli3
il ripieno di ricotta & spinaci…
tortelli4
distribuite il ripieno sulla sfoglia in tanti mucchietti, lasciando un pò di sfoglia libera per poi coprire il ripieno…
tortelli7
ripassate con i rebbi di una forchetta tutti i tortelli…
tortelli5
la rotella dentellata della nonna….lei la chiamava “sprunella”

Pagnotta Pasquale

pasqua8

pasqua7

…..un dolce tipico del periodo Pasquale e consolidato nella tradizione culinaria romagnola, si tratta di una preparazione sostanzialmente semplice ma che prevede una lunga lievitazione, per questo motivo io la preparo la sera e la lascio lievitare per un notte intera, la mattina successiva poi termino la lavorazione e la inforno…Questa pagnotta ha origine nella zona di Sarsina, un paesino dell’appennino romagnolo, tradizionalmente veniva preparata come pane dolce (ma non troppo dolce) che accompagnava il salame e le uova benedette per la colazione della mattina di Pasqua e l’agnello durante il pranzo pasquale…La ricetta originale prevedeva l’utilizzo di 2 kg di farina per 1 kg di pasta lievitata, con l’aggiunta di uvetta sultanina & semi di anice (considerato però che si trattava di un dolce “povero”, l’uvetta e l’anice utilizzati erano veramente scarsi per evitare di realizzare un dolce troppo aromatico e ricco)…

di seguito una versione un pò rivisitata per praticità e comodità di preparazione…

pasqua2

pasqua3

Ingredienti:

  • 500 g farina 00
  • 100 g zucchero semolato
  • 4 uova (3 intere + 1 tuorlo)
  • 100 ml latte
  • 100 ml olio d’oliva
  • 20 g lievito di birra fresco
  • 1 limone
  •  uvetta sultanina qb
  • granella di zucchero qb

Preparazione:

Iniziate naturalmente dal lievito: scioglietelo in una ciotola con il latte tiepido. In planetaria, oppure in un’altra ciotola, versate la farina, aggiungete lo zucchero ed il latte in cui avete sciolto il lievito. Iniziate a mescolare, incorporate una per volta le 3 uova intere. Versate ora l’olio e la scorza grattugiata di 1 limone. Continuate a mescolare fino a quando non avrete ottenuto un impasto liscio ed omogeneo. Formatene una palla, trasferitela in una ciotola pulita e copritela con un canovaccio. Lasciate lievitare a temperatura ambiente per almeno 12 ore. Trascorso il tempo necessario riprendete l’impasto ed incorporate l’uvetta, impastate nuovamente e poi dividetelo in 2 parti. Dategli una forma rotondeggiante e trasferite le 2 pagnotte su una teglia rivestita di carta forno. Coprite nuovamente con il canovaccio e lasciate lievitare ancora per almeno 2 ore. Trascorso il tempo necessario spennellate tutta la superficie con un tuorlo d’uovo sbattuto. Decorate con un pò di zucchero in granella e praticate con una lama 2 tagli a mò di croce sulla superficie della pagnotta. Infornate in forno già caldo, in modalità statica a 180 gradi per circa 20 minuti. Prima di sfornare verificate l’avvenuta cottura interna con uno stecchino. Lasciate raffreddare.

pasqua5

pasqua6

pasqua9

Carciofini sott’olio

…primavera: tempo di carciofi!!! Se ne trovano in grande quantità sui banchi dei frutta & verdura, freschi, a km 0, provenienti in questo periodo dell’anno dalle campagne circostanti; approfittiamone quindi per comprarli & cucinarli ora che sono di stagione…si tratta di ortaggi ricchi di vitamine e sali minerali, dalle molteplici virtù: prima fra tutte quella depurativa…è il momento di giusto, anche perchè ora costano relativamente poco, per farne una scorta e conservarli sott’olio in dispensa!!! Aromatizzati con aglio & prezzemolo!!!

carciofisottolio4

carciofisottolio9

Ingredienti:

  • 2 kg di carciofini
  • 1 lt acqua
  • 1 lt aceto di vino bianco
  • 1 limone
  • sale grosso qb
  • aglio qb
  • prezzemolo qb
  • peperoncino qb (opzionale)
  • olio extravergine d’oliva qb

carciofi1

carciofi2

Preparazione:

Naturalmente iniziate con il pulire i carciofi: eliminate le foglie esterne più scure e dure, tagliate le altre foglie a metà altezza sempre per eliminare la parte più dura, ed eliminate anche la parte esterna più dura alla base del gambo. Purtroppo il carciofo è una di quelle verdure la cui parte da scartare è quasi maggiore rispetto alla parte  da utilizzare. In questo modo avrete ottenuto dei cuori di carciofo, la porzione più tenera. Metteteli a bagno in un recipiente con abbondante acqua fredda, il succo di un limone ed un pò di sale, per almeno un paio d’ore. Trascorso il tempo necessario potete scolare i cuori di carciofo. Intanto mettete sul fuoco una pentola in cui avrete già versato 1 lt d’acqua ed 1 lt di aceto di vino. Quando arriverà al bollore trasferite i carciofini nella pentola e fateli cuocere per almeno 10 minuti. A questo punto scolateli nuovamente e metteteli a scolare e raffreddare sopra ad un canovaccio. Sistemateli con il gambo rivolto verso l’alto in modo che non rimanga del liquido di cottura al centro dei carciofini. Lasciateli a scolare anche 1 giorno o 1 notte intera. Nel frattempo potete sterilizzare i vasetti in cui andrete a riporre i carciofini. Trascorso il tempo necessario prendete i carciofini e sistemateli all’interno dei vostri vasetti, fra uno strato e l’altro di carciofini inserite qualche fettina di aglio, un pò di prezzemolo tritato, se vi piace il piccante anche qualche pezzetto di peperoncino oppure potete aromatizzare con dei semi di finocchio….. A questo punto dovete solo versare l’olio fino a coprire interamente tutto il contenuto del vasetto. Anche riguardo l’olio da utilizzare potete decidere voi in base alle vostre preferenze: se utilizzate quello di oliva otterrete un gusto più deciso, se utilizzate un olio di semi avrete un gusto più delicato, potete anche decidere di utilizzare entrambi gli oli in parti uguali per ottenere un effetto intermedio. Una volta riempiti con l’olio, chiudete i vasetti e conservateli in dispensa (luogo buio e asciutto) lasciate passare almeno 1 settimana prima di consumarli per godere di un buon risultato. Se decidete di conservare i carciofini e consumarli a distanza di molto tempo potete sterilizzare i vasetti già completi: sistemateli in una pentola e riempitela di acqua. Per evitare che i vasetti si rompano, urtandosi durante la bollitura avvolgete ogni vasetto in un canovaccio. Da quando l’acqua arriverà al bollore contate 20 minuti, poi spegnete il fuoco. Estraete dalla pentola i vasetti solo dopo che l’acqua si sarà raffreddata. Conservate in dispensa (luogo buio e asciutto).

carciofisottolio8
dopo averli puliti e mantenuti in acqua & limone, scolate i carciofi
carciofisottolio1
dopo averli cotti in acqua & aceto metteteli a scolare capovolti
carciofisottolio2
preparatevi aglio & prezzemolo
carciofisottolio3
infine riempite il vasetto di olio

carciofisottolio10

carciofisottolio6
utilizzate coperchi a chiusura ermetica & vasetti già sterilizzati
carciofisottolio7
aspettate almeno una decina di giorni prima di consumare i carciofini

Cheesecake mimosa

…una cheesecake semplice & veloce da preparare, senza cottura, in vasetti di vetro monoporzione: pratica e simpatica, leggera con una fresca crema di yogurt & formaggio arricchita da piccoli pezzi di pesche sciroppate; da servire in occasione di un thè con le amiche oppure come dessert dopo un pranzo o una cena tutta al femminile….

mimosac11

mimosac9

Ingredienti: (per 4 vasetti)

  • 100 g Pan di Spagna
  • 250 g yogurt bianco
  • 250 g formaggio tipo philadelphia
  • 200 g pesche sciroppate
  • 50 g zucchero semolato
  • zucchero a velo qb

Preparazione:

Come base della cheesecake utilizzeremo un dischetto di Pan di Spagna della stessa dimensione del vasetto di vetro che volete utilizzare, quindi ricavate dal Pan di Spagna tanti cerchi quanti sono i vasetti che volete preparare e poi sistemateli sul fondo. Come bagna potete utilizzare qualche cucchiaio dello sciroppo delle pesche sciroppate. Io ho scelto di utilizzare le pesche, ma tranquillamente, se preferite potete anche scegliere l’anas sciroppata con la stessa modalità di preparazione. Una volta bagnata la base passate a preparare la cheesecake. In una ciotola amalgamate fra loro lo yogurt ed il formaggio, mescolate fino ad ottenere una crema liscia ed omogenea, se utilizzate uno yogurt non zuccherato aggiungete anche 50 g di zucchero. Prendete 2 pesche e tagliatele a piccoli pezzetti, incorporateli alla crema di yogurt & formaggio e versate il composto nei vasetti. Ora non vi resta che prendere il Pan di Sapgna rimanente e riducetelo in piccole briciole. Versate le briciole sopra la cheesecake e spolverizzate con abbondante zucchero a velo. Riponete in frigorifero fino al momento di servire.

mimosac1
ricavate dei dischi di Pan di Spagna come base della cheesecake…
mimosac2
bagnate il Pan di Spagna con lo sciroppo delle pesche…
mimosac3
tagliate le pesche in piccoli pezzi…
mimosac4
versate nei vasetti la crema di yogurt formaggio e pesche
mimosac5
riducete il Pan di Spagna in briciole…
mimosac6
spolverizzate con lo zucchero a velo…

mimosac7

Panino con pere & formaggio….

…con questa ricetta partecipo al #2 contest anniversario di #Ricettedacoinquiline, un blog che frequento spesso quando mi ritrovo a navigare in rete e che vi consiglio di andare a visitare, riproponendo una delle sue ricette: CAPRERELLO-PANINO CON PERE E FORMAGGIO DI CAPRA da cui ho preso spunto per preparare questi deliziosi, ricchi & colorati panini ideali per un pranzo fuori casa, al lavoro o perchè no in occasione di un pic-nic!!! Ho apportato qualche modifica, rispetto la ricetta originale, in base ai gusti personali di mio marito e delle bambine, ho sostituito il formaggio di capra con l’Asiago: il preferito di Elena e invece delle cipolle caramellate ho utilizzato la confettura di cipolla rossa & arancia che ho preparato la settimana scorsa, e che ora mio marito spalma su qualsiasi cosa….

coinqui8

contest-conqui

…ecco il link alla ricetta originale…

I menù fuori casa: caprerello – panino con pere e formaggio di capra

Ingredienti: per 2 panini

  • 6 fette di pane ai cereali con noci pecan & cramberries
  • 1 pera abate
  • 3/4 foglie di insalata
  • 100 g di formaggio Asiago
  • 50 g di confettura agrodolce di cipolle rosse & arancia
  • burro qb (per imburrare il pane)
coinqui1
pane ai cereali con cramberries & noci pecan, pere, Asiago & confettura di cipolle rosse e arance

Preparazione:

Sostanzialmente si tratta di comporre il panino con tutti gli ingredienti che sono già pronti. L’unica preparazione è quella della confettura di cipolla rossa & arancia: un accostamento che forse vi sembrerà un pò bizzarro ma vi stupirà per la bontà, naturalmente se gradite l’agrodolce, in alternativa potete optare, come nella ricetta originale per delle cipolle caramellate. Imburrate la prima fetta e poi farcite con il formaggio Asiago (tagliato in fette sottili), una foglia di insalata già lavata, qualche cucchiaio di confettura agrodolce di cipolle rosse & arancia e delle fettine di pera tagliate sottili. Ora ponete la seconda fetta di pane e farcitela allo stesso modo. Poi chiudete il vostro panino con l’ultima fetta.

Perfetto per un pranzo fuori casa al lavoro o in occasione di una gita fuoriporta…. se conservato in una pratica lunch box!!!! Un esplosione di sapori & consistenze!!! Un panino fuori dal comune!!!!

coinqui2
…una ricca farcitura per due strati….

coinqui3

coinqui6

coinqui4
lunch box
coinqui5
pratico & comodo nella lunch box

Confettura di arance & cipolle rosse homemade

Crema spalmabile di nocciole & cioccolato

…una crema spalmabile con nocciole & cioccolato fondente: vellutata, profumata, io la trovo buonissima, facile da preparare in casa, con ingredienti semplici & sani…una volta provata non comprerete più quella già pronta, piacerà sicuramente anche ai più piccoli, ed ogni volta potrete sbizzarrirvi con un cioccolato diverso: un gusto più deciso con il fondente, più dolce con quello bianco e classico con quello al latte…

cremanocc3

cremanocc2

Ingredienti:

  • 150 g nocciole già sgusciate
  • 75 ml olio di arachidi
  • 400 g cioccolato fondente
  • 30 g cacao in polvere
  • un pizzico di sale

Preparazione:

Sostanzialmente il segreto della buona riuscita di questa crema spalmabile sta nel tostare e soprattutto nel frullare bene le nocciole nel frullatore, è necessario ottenere una consistenza pastosa e senza grumi per poi avere una texture omogenea & vellutata. Prendete le nocciole, che devono essere necessariamente già pulite e senza pellicine, riponetele su una teglia rivestita di carta forno e tostatele per circa 8/10 minuti ad una temperatura medio alta ma non troppo per evitare che si brucino. Io ho provato anche con le nocciole già tostate ed il risultato è stato ottimo anche in quel caso. Dopo di chè, lasciatele  intiepidire e versatele nel frullatore. Se avete comprato le nocciole già tostate saltate tutto il passaggio precedente e mettetele direttamente nel frullatore, aggiungete a filo l’olio di arachidi. Continuate a frullare fino a quando non avrete ottenuto un composto cremoso, liscio ed omogeneo. Sciogliete il cioccolato fondente a bagno maria, aggiungetelo nel frullatore e per ultimo anche il cacao ed un pizzico di sale. In questo caso ho utilizzato del cioccolato fondente, ma potete tranquillamente sbizzarrirvi e cambiare ogni volta tipo di cioccolato: al latte, bianco o fondente e scegliere poi la versione che preferite.  Frullate nuovamente ed avrete ottenuto una golosa & sana crema spalmabile homemade. Naturalmente se utilizzerete cioccolato al latte e cacao gluten free e nocciole confezionate in stabilimenti dove, come indicato nella confezione non vengono lavorati prodotti contenenti glutine avrete una crema spalmabile che potranno consumare anche i celiaci o le persone intolleranti.

cremanocc1
nocciole tostate ed olio di arachidi
cremanocciole2
…frullate…frullate….
cremanocciole3
poi cioccolato fondente fuso & cacao
cremanocc5
provatela a colazione o merenda anche sulle fette biscottate fatte in casa

Fette Biscottate homemade

 

Trito di rosmarino, aglio & sale rosa di Cervia

…nel mio frigorifero non manca mai un vasetto di questo trito: praticamente solo 3 semplicissimi ingredienti, il rosmarino, l’ aglio ed il sale grosso, per un condimento sempre pronto per essere utilizzato, profumatissimo e molto versatile perchè si sposa bene sulle carni, in particolare quelle alla griglia, ma anche sugli arrosti, su tutte le verdure cotte in forno o sulla griglia…insomma un condimento pronto all’ uso, che una volta preparato e conservato in un vasetto di vetro con chiusura ermetica si mantiene anche per molte settimane, in frigorifero, mantenendo intatto un profumo davvero appetitoso…

Ingredienti:

  • 200 g rosmarino fresco
  • 200 g aglio
  • 100 g sale grosso
cervia1
aglio, rosmarino & sale grosso di Cervia
cervia2
sale rosa di Cervia

…il sale di Cervia è un sale dolce, un sale integrale marino, perchè la sua origine è l’acqua del mare. E’ dolce per motivi geografici, ricco di oligoelementi e rosa perchè non sottoposto a trattamenti di sbiancamento..

Preparazione:

Iniziate preparando l’ aglio: sbucciatelo e rimuovete tutte le pellicine. Prendete anche il rosmarino e rimuovete tutte le foglioline dai rametti. Ora tritate sia l’ aglio che il rosmarino ed amalgamateli bene insieme. Incorporate anche il sale grosso ed il vostro condimento è già pronto per essere utilizzato. A vostro piacimento potete decidere di sminuzzare più finemente o meno il vostro trito, oppure se preferite una consistenza più fine,potete sminuzzare un pò anche il sale grosso con un mortaio.

cervia4
pronto per essere conservato in frigorifero…